Sia ode al dubbio… ma con criterio

Senza ricevuta di ritorno. La raccomandata del direttore su un fatto del giorno. Se avevamo un dubbio sui vaccini ora la Cina ci svela cosa ci sarebbe successo

Clicca qui per ascoltare

Avere il dubbio è legittimo. Uno dei grandi poeti del XX secolo, Bertolt Brecht  scrisse un’ode in cui esaltava il dubbio: non dobbiamo credere a scatola chiusa a ciò che ci dicono. Perché potrebbe essere una colossale fregatura: lui lo scriveva pensando ai suoi connazionali, i tedeschi, che avevano creduto nel nazismo e si erano ritrovati sotto le macerie.

Ma se in discussione non c’è la politica bensì la scienza? Il dubbio è dubbio. E se a furia di fregature siamo diventati diffidenti, lo siamo anche davanti a cose che per logica sono chiare.

C’è una cosa che sia chiama paura ed è legittima. Soprattutto quando si tratta di medicine. E proprio per azzerare la paura, prima di mettere sugli scaffali una nuova medicina sono obbligatori test molto severi. Non si venga a dire ora che quei test sono truccati perché le case farmaceutiche corrompono i controllori. Perché anche a distanza di anni vengono chiamate a rispondere. E risarcire. In Italia magari si può scherzare, in Europa meno, negli Stati Uniti no. 

Ci sono colossi come Bayer che per un fertilizzante hanno dovuto tirare fuori miliardi di dollari con cui risarcire. Altrettanti per una spirale. Non si scherza ma la paura è paura.

Gli italiani non ne hanno avuta più di tanta: si sono fidati della scienza nei mesi scorsi quando è stato necessario vaccinarsi contro il covid. Siamo tra i più vaccinati in Europa.

Il dubbio è legittimo. E se non ci fossimo vaccinati? Adesso lo sappiamo, cosa sarebbe successo. In Cina non hanno vaccini efficaci come i nostri. I loro hanno fatto flop. E l’unica soluzione era chiudere tutti dentro anche in presenza di pochi casi. Poi la gente ha iniziato a sclerare: impossibile chiudere tutti dentro in continuazione. Così sono state azzerate le restrizioni.

Ora hanno le file di carri funebri verso i crematori. E gli ospedali in poche settimane sono già al collasso. 

Dubitare è legittimo. Farlo oltre misura è un suicidio. I cinesi hanno dubitato. E non avevano nemmeno il vaccino. 

Senza Ricevuta di Ritorno

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright