Il solco di Alfieri: «Non mi ricandido se dobbiamo continuare a governare la Provincia con Forza Italia»

«Se anche nei prossimi due anni di governo provinciale vogliono portare avanti l’alleanza con Forza Italia io non sono più disponibile a ricandidarmi»: Domenico Alfieri è il presidente provinciale del Partito Democratico di Frosinone e la sua presa di posizione segna un punto di non ritorno.

La pronuncia dopo avere letto i giornali, riascoltato con attenzione le notizie che erano state anticipate la sera prima dal web e dai Tg. Una su tutte: il leader di Forza Italia Mario Abbruzzese ha scritto al ministro dell’Interno Angelino Alfano per sollecitare le elezioni provinciali di medio termine (leggi qui). Sono quelle che si tengono ogni due anni e rinnovano solo l’aula, lasciando al suo posto il presidente.

Il presidente del Pd non ci sta. E dice basta. Ad Alessioporcu.it dichiara: «Io con quelli, politicamente, non ho niente da spartire: se vogliono continuare così, ci governassero loro con con Forza Italia, io non voglio averci a che fare». E per ‘loro’ si intende il presidente della Provincia Antonio Pompeo. Perché è lui a tenere in piedi l’alleanza, convinto che l’ente Provincia non sia più una realtà politica ma un luogo di amministrazione nella quale le bandiere contano in maniera molto marginale.

Alfieri non la pensa così. E lo dice da tempo. Ma finora si era limitato a dire che l’alleanza con gli uomini di Mario Abbruzzese nel governo dell’Amministrazione Provinciale non aveva senso. Si era spinto a sostenere in aula «Provo disagio a governare con persone che poi votano in maniera diversa da noi sul tema dell’acqua». Aveva promosso un documento nel quale si chiedeva quantomeno la sospensione degli assessorati ai consiglieri azzurri fino a quando non fosse avvenuto un chiarimento politico. Per evitare la lacerazione verticale, la nuova spaccatura nel Pd, aveva accettato che l’interruttore dell’alleanza rimanesse nelle mani del presidente Pompeo. Come a dire: se proprio vuoi governare con questi vai avanti ma assumitene ogni responsabilità.

Ora, dopo le frasi di Abbruzzese, il presidente Domenico Alfieri traccia il solco politico con la spada: «La posizione assunta da Mario Abbruzzese con la sua lettera al ministro dell’Interno denota che Forza Italia non è corretta né coerente con il Partito Democratico in Provincia di Frosinone. C’è un disegno ben chiaro che punta a cambiare gli equilibri nell’ente. Le dichiarazioni apparse oggi sulla stampa confermano che aveva ragione chi  diceva che il rapporto con Forza Italia è finito e andava fatta una scelta diversa».

Infine la frase dalla quale non si torna indietro: «Se anche nei prossimi due anni di governo provinciale vogliono portare avanti l’alleanza con Forza Italia io non sono più disponibile a ricandidarmi».

Se il Partito Democratico vuole proseguire su quella strada dovrà farlo senza il suo presidente provinciale.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright