Stirpe: puntare sui giovani. Fca: fino a 6mila euro per Giulietta

Il vice presidente nazionale degli industriali chiede al Governo di puntare su Giovani e Infrastrutture. Critico sui pesi all'Automotive. Fca vara una campagna: fino a 6mila euro su Giulietta

L’economia italiana è cresciuta in modo ridotto ma comunque costante per 5 anni e fino al I semestre 2018 andava bene. Poi… qualcosa è cambiato. L’inversione coincide con l’avvio delle politiche del nuovo governo gialloverde. Maurizio Stirpe, vice presidente nazionale degli industriali si limita all’aspetto tecnico. La considerazione politica è un’evidenza che lui non cita.

Ai microfoni di Radio Radio ha commentato i dati diffusi nelle ore scorse dall’Istat e la situazione economica del Paese.

«I numeri nel primo semestre del 2018 erano ancora positivi – ha evidenziato il presidente Stirpe – poi più per fattori esterni che interni, il ciclo ha cominciato ad invertire la rotta. Non dobbiamo dimenticare che però l’economia italiana ha avuto un momento di espansione, non importantissima ma costante, dal 2014 al 2018».

Per Confindustria è necessario puntare sulle grandi opere. Che rendano migliore il Paese grazie alle infrastrutture con cui modernizzarlo. «Bisogna spingere sulle misure che facciano crescere il Paese, mi riferisco soprattutto alle infrastrutture. Ci sono opere finanziate da tempo per 27 miliardi che non si riescono a sbloccare senza sapere il perchè: se per motivi politici o legati all’iter tecnico, operativo, di esecuzione della gara o di avviamento dei cantieri. Se sbloccate creerebbero 400mila posti di lavoro nel settore dell’edilizia. Sarebbe la prima cosa da fare per contrastare questa tendenza negativa».

Il numero 2 degli industriali ricorda che la crescita e la costruzione dei posti di lavoro vanno progettati. Non piovono dal cielo. «Bisognerebbe realizzare un piano per la crescita occupazionale, soprattutto dei giovani, attraverso delle misure d’incentivo ai lavoratori, più che alle aziende».

Rimane critico il giudizio sugli Ecobonus che hanno colpito il mondo dell’Automotive. «Sicuramente c’entra poco, pero’ ci ha messo del suo, nel momento in cui ha deliberato di istituire l’ecobonus come e’ stato concepito».

La contromossa Fca

A proposito di Fiat Chrysler Automobiles, in serata l’azienda ha annunciato una nuova campagna di ecoincentivi dedicati a tutti gli italiani. Prevede vantaggi fino a 6.000 euro per l’acquisto di una vettura nuova. In più, Fca vara il finanziamento Tutto Chiaro, con anticipo zero e prima rata nel 2020 per Fiat e Lancia; con anticipo Zero e Valore Futuro Garantito per Jeep e Alfa Romeo.

L’iniziativa sarà annunciata da domenica prossima. Le concessionarie sono state mobilitate per accogliere tutti i clienti in occasione dei Porte Aperte che sono previsti in febbraio per i fine settimana del 9 -10, 16 -17 e 23 – 24.

Sull’Alfa Romeo Giulietta prodotta nello stabilimento di Cassino Plant, grazie all’offerta i clienti potranno godere di tre vantaggi contemporanei: l’anticipo zero, il valore futuro garantito e fino a 6.000 euro di Ecobonus garantito.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright