Tajani, Fazzone e la Ciociaria che può tornare roccaforte

Foto © Marco Cremonesi / Imagoeconomica

Il numero due di Forza Italia ha fatto una campagna elettorale da protagonista assoluto. Dopo l’election day il tema principale sarà la legge elettorale proporzionale. E intanto in provincia di Frosinone si possono raggiungere risultati di primo livello.

Ha fatto una campagna elettorale senza risparmiarsi e di grande sostanza. Non tralasciando nessuna tappa, neppure in Valle d’Aosta, dove è convinto che il centrodestra possa centrare un risultato importante. Antonio Tajani non è più semplicemente il numero due di Forza Italia, è quello che si siede al tavolo delle trattative con il Capitano della Lega Matteo Salvini. E con la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Alle regionali il centrodestra vincerà bene, indipendentemente dal risultato finale.

E nel centrodestra Forza Italia ci vuole stare, magari però con una legge elettorale proporzionale. Legge che le darebbe un peso enorme. E su una legge elettorale proporzionale potrebbero starci in tanti in Parlamento: dal Pd ai Cinque Stelle.

E’ questo il motivo per il quale Antonio Tajani non ha fretta né di vincere né di trattare. Ma intanto, dopo l’election day, vedremo pure se e come Tajani vorrà tornare ad occuparsi anche della situazione del Partito in Ciociaria. Dove gli “azzurri” hanno i numeri e le condizioni per avere percentuali più alte di quelle nazionali. (Leggi qui Affondare il referendum per colpire i Cinque Stelle).

Tajani: Superare la Lega? Possibile

Antonio Tajani, Claudio Fazzone © Imagoeconomica, Rocco Pettini

Il senatore Claudio Fazzone, coordinatore regionale, guida da Forza Italia in sintonia con il “credo” di Tajani. Si tratta ora di riorganizzare un partito che da queste parti può competere e forse perfino superare la Lega in tanti Comuni.

Stesso discorso con Fratelli d’Italia. Infatti basta contare i sindaci e gli amministratori comunali per capire una cosa. Che da queste parti Forza Italia può costruire la roccaforte di un centrodestra diverso, di stampo “proporzionale”.

Certamente però è arrivato il momento di mettere tutti allo stesso tavolo: i coordinatori Adriano Piacentini, Daniele Natalia, Rossella Chiusaroli. Inoltre il capogruppo provinciale Gianluca Quadrini, i sindaci e tutti gli altri. Potrebbe farlo Antonio Tajani a Fiuggi, insieme a Claudio Fazzone.

Gli spazi ci sono. Manca l’occasione.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright