La trappola per Abbruzzese alle Europee (E Ottaviani non passerà alla Lega)

Foto: copyright Stefano Strani

Nicola Ottaviani non entrerà nella Lega. Il futuro è in Forza Italia. Ecco perché. Le prossime Europee potrebbero essere una trappola per Mario Abbruzzese. Infatti...

Nicola Ottaviani non passerà alla Lega. Non in questo momento e probabilmente mai.

La foto di sabato scorso allo stadio Benito Stirpe, in occasione della partita di calcio tra Frosinone e Palermo, è più di uno spot. Ritrae Nicola Ottaviani tra il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani e il coordinatore provinciale Adriano Piacentini. È la foto di… Forza Italia.

Tra gli “azzurri” c’è la convinzione che il governo pentaleghista non durerà molto. E che alla fine nel riposizionamento del centrodestra gli “azzurri” saranno ancora di più decisivi.

 

Poi c’è la questione, tutta locale, del gruppo della Lega al Comune di Frosinone.

Un gruppo del quale fa parte Enrico Cedrone, eletto nella lista Forza Frosinone, voluta da Ottaviani e poi messa in piedi da Samuel Battaglini. Un gruppo nel quale Mimmo Fagiolo, vicecoordinatore provinciale e responsabile cittadino del Carroccio, vorrebbe portare due esponenti della Lista Ottaviani (l’assessore Valentina Sementilli e il consigliere Alessandro Petricca) e il consigliere Sara Bruni, eletta in Frosinone Capoluogo, lista di diretto riferimento dell’assessore al bilancio Riccardo Mastrangeli, fedelissimo di Ottaviani.

Il sindaco percepisce l’intera operazione come un’ingerenza nei suo “santuari” civici.

La Lega non può fermarsi però. I riposizionamenti in maggioranza non saranno a costo zero sul piano politico.

 

Poi c’è l’aspetto politico ed elettorale. Alle provinciali Ottaviani giocherà per eleggere uno o due consiglieri di riferimento, specialmente se sarà lui a candidarsi alla presidenza per sfidare Antonio Pompeo.

Alle europee tutto il partito sosterrà Antonio Tajani. Se poi ci saranno gli spazi per un’altra designazione, allora si proverà a mettere in campo Mario Abbruzzese. Nella logica del “promovetur ut amoveatur”, ti promuovo per rimuoverti. Vale a dire che a quel punto Abbruzzese non potrebbe rivendicare più altre candidature, né alla Camera né al Senato. Sia se venisse eletto europarlamentare, sia se dovesse risultare sconfitto. Aprendo una prateria per Nicola Ottaviani, Adriano Piacentini e altri del gruppo di Frosinone.

.
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright