Frosinone, dove l’orologio del Pd è fermo da quattro anni

CORRADO TRENTO per CIOCIARIA EDITORIALE OGGI

La consiliatura è finita, ma all’interno del centrosinistra cittadino la situazione è la stessa del 2012. Nessun passo in avanti è stato effettuato. Nel senso che le distanze politiche tra la Lista Marzi e il Pd, per esempio, sono rimaste invariate. Nonostante l’adesione dell’ex sindaco al partito guidato da Matteo Renzi.

In aula consiliare Antonio Facci e Vittorio Vitali, tranne qualche rara eccezione, non hanno mai condiviso le strategie dei Democrat. Stesso discorso anche per il Partito Socialista Italiano, rappresentato da Massimo Calicchia.

Per quanto riguarda invece la Lista Marini, Francesco Raffa ha annunciato da tempo che non si ricandiderà al consiglio comunale. La lista civica invece potrebbe rimanere, ma è evidente che seguirà le indicazioni di Michele Marini. L’ex sindaco sta ancora valutando la situazione e probabilmente una scelta definitiva non avverrà prima di febbraio-marzo.

In ogni caso però il punto è che il centrosinistra in più di quattro anni non ha mai neppure provato a ricomporre lo strappo verificatosi in occasione delle candidature di Michele Marini e Domenico Marzi.

È fin troppo evidente che in una situazione del genere pensare ad una coalizione unita non è affatto semplice. Il tempo sta scorrendo e tra poco bisognerà iniziare a formare le liste

 

SCARICA DA QUI LA APP PER TUTTI I SERVIZI DI CIOCIARIA OGGI

Ciociaria Oggi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright