I tronisti della Sala Di Biasio (di M. Molisani)

Niente maggioranza per il sindaco D'Alessandro: non ci sono i numeri per approvare il dissesto. In aula si crea il 'Gioco delle Coppie'. Ulteriori arrabbiature per il caso Cosilam ad Abbruzzese. Ma è il Pd ad andare nel caos.

Mario Molisani

L'ombra nei palazzi del potere

Prima che arrivasse prepotentemente sui nostri teleschermi Maria De Filippi col suo Uomini e Donne, le trasmissioni Tv che si occupavano di fare i Cupido, scoccando frecce a destra e a manca, avevano decisamente altri format.

Il “gioco” più noto andò in onda sull’allora rete Finninvest. Stiamo parlando della metà degli anni ’80. Era il celebre “Gioco delle Coppie”, condotto prima da Marco Predolin e poi da Corrado Tedeschi poi nella nuova versione anni ’90, da Giorgio Mastrota e Natalia Estrada.

Lo scopo del gioco era quello di far scegliere ad un “cacciatore” (di entrambi i sessi) un partner fra tre scelte, in base alle risposte che queste davano alle sue domande. La prescelta (o il prescelto) veniva mostrata al cacciatore soltanto dopo la scelta definitiva, quando veniva aperto il muro che li separava. Alla coppia formatasi veniva regalato un viaggio premio.

 

I TRONISTI DELLA SALA DI BIASIO

Oggi, alcuni “tronisti” che siedono all’interno della Sala consiliare dedicata a Gaetano Di Biasio, hanno ridato vita al celebre “Gioco delle Coppie” anche se con modalità e caratteristiche un pò diverse.

Si perché alla fine le coppie si sono formate per selezione politica naturale. Della serie “Io non ti digerisco e quindi faccio comunella con chi non ti può vedere”.

Il gruppo di Forza Italia a furia di giocare sta, però, implodendo. Da una parte ci sono Francesco Black&Decker Evangelista, che ha lasciato da poco la maggioranza dopo “il ratto della fascia tricolore” (leggi qui Niente fascia per Franco: «E allora l’erba in città tagliatevela voi, pure con la fascia») con la “sua” dama Francesca Candy Candy Calvani.

Dall’altra Rossellissima Tacco 12 Chiusaroli e Gianluca Grattaevinci Tartaglia.

Il quadro potrebbe completarsi con la coppia di fatto composta da Dino il DiVino Secondino e Gianrico Bellachioma Langiano, ma da quanto si apprende,  entrambi hanno educazione all’antica.

 

LA MAGGIORANZA NON C’E’.

Ma torniamo ai fatti. Il consiglio comunale per il dissesto è stato rimandato. Non si terrà più il 14 ma tra il 20 e il 22 giugno. Ufficialmente per questioni legate agli atti relativi al consuntivo (leggi qui Un Cosilam per Mario. Ma a sua insaputa). Ma le male lingue affermano che i numeri la settimana prossima la maggioranza non li avrebbe avuto in assise.
Per Carlo Magno….poco D’Alessandro le gatte da pelare sono davvero tante. Perché ammesso e non concesso che fossero rientrati i leghisti Claudio Nonsense Monticchio e Robertino Solo di Nome Marsella per far tornare la maggioranza a 14, continuano ad essere critiche le posizioni dei protagonisti del gioco delle coppie.

Rossellissima Tacco 12 Chiusaroli e Gianluca Grattaevinci Tartaglia sono stati chiari. “O ci fate capire perché dichiariamo il dissesto oppure non votiamo“, hanno detto a più riprese a CMD’A. Quindi da Quattordici torniamo a 12.

Francesco Black&Decker Evangelista non ha intenzione di rientrare finche l’assessore indicato da Antonio Pennellone Valente di Noi con l’Italia, al secolo Maria Messainpiega Iannone non sarà estromesso dalla giunta. All’Evangelista non è andato proprio giù il fatto che qualcun altro si sia presentato con il tricolore addosso nella sua Sant’Angelo. Valentedeve morire” (politicamente s’intende) ha detto Evangelista a più di qualcuno.

Quindi da quattordici la maggioranza prevista per la seduta di consiglio della settimana prossima sarebbe passata ad 11, considerato che, sempre per via del “Gioco delle coppie“, Francesca Candy Candy Calvani avrebbe potuto seguire sull’Aventino il “suo” cavaliere.

Calcolando che sarebbe mancato anche Carmine Il Salvatore Di Mambro per le visite mediche a cui deve sottoporsi, non sarebbe stata proprio cosa andare in aula.

 

DIVIDE ET IMPERA….FORSE TROPPO

I problemi però rimangono. Perche posticipato di un’altra settimana il consiglio Carlo Magno….poco D’Alessandro riavrebbe di sicuro Di Mambro ma resterebbero le incognite Chiusaroli-Tartaglia ed Evangelista-Calvani. Oltre alla grana Lega ancora da risolvere ufficialmente.

La sensazione è che il “divide ed impera” che ha permesso di dominare la scena politica del centrodestra per dieci anni all’ex commander in chief, Mario (M)Ente Locale Abbruzzese, a Cassino gli sia scappato un poco di mano.

Il gruppo di Forza Italia non risponde più ai suoi stimoli. Anche se le coppie sono chi sull’Aventino e chi sull’Esquilino e non intendono di certo andare a braccetto hanno un comune denominatore. Quello di far mancare i numeri alla maggioranza.

 

E POI IL COSILAM…

A far masticare amaro molti dei consiglieri di maggioranza, oltre a quelli del Gioco delle Coppie, è stata l’operazione che porterà Mario Abbruzzese alla guida del Cosilam. (leggi qui Al grattacielo Edera vertice a tre sul futuro del Cosilam).

In questo caso il problema non è Mario. Tutt’altro: tutti ritengono che il Cosilam possa essere il fortino adatto a lui, e che sia l’unico in grado di poterlo governare. Il problema è il solito: non essere stati coinvolti nell’operazione.

Ma ancora peggio sta il Partito Democratico. Che nel Cosilam esprime il vice presidente. Pare che il segretario cittadino Dem  (sotto)Marino Fardelli abbia seri problemi nel fare un nome. Per evitare di scasinare tutta la difficilissima opera di ricomposizione delle varie anime Pd in Consiglio Comunale, pare sia stata rivolta una supplica a Francesco Mosillo, vice presidente uscente. Affinché resti in carica anche nel prossimo mandato.

Francesco non ci pensa proprio: ha deciso di occuparsi a tempo pieno delle aziende di famiglia.

Il nome che circola è quello di Sarah Grieco. Area Mosillo, gradita a Francesco De Angelis. Che non l’avrebbe vista male alla segreteria provinciale Pd.

 

UN POSTO AL SOLE

Tornando al dissesto… L’Estate porta temperature bollenti e per le vacanze c’è da aspettare

Le casse piangono e non solo quelle. Di ferie neanche a parlarne… tutti troppo impegnati a fare conti per trovare una quadra che forse non è  mai esistita.

Certo immaginare Franco Carpentiere Evangelista con costume intero a strisce accompagnato da Francesca Candy Candy Calvani con costumino modello marshmallow potrebbe essere un obiettivo interessante.

Sicuramente Rossellissima non abbandonerà  i suoi tacchi 12 neanche sulle calde dune del litorale laziale e i docenti di fisica quantistica  della Normale di Pisa  sono pronti a partire per lo studio sulla tenuta dei boccoli in riva al mare.

Ma il dissesto pende come una spada di Damocle sulle teste dei vacanzieri che almeno fino a luglio dovranno rinunciare a Calippo, ghiaccioli e litigare per conquistare un posto al…….sole.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright