Truffate, rubate, fingete: Dio conosce ciò che c’è nell’uomo

Il Covid ci ha messo di fronte a ciò che siamo davvero. C'è chi sta approfittando della pandemia. E chi sta facendo di tutto per aiutare. Dio conosce ciò che c'è in ogni uomo

Pietro Alviti
Pietro Alviti

Insegnante e Giornalista

Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo – (Gv 2,25)

Che cosa c’è nell’uomo? Ci sono tante cose belle. Come l’empatia di medici e infermieri chiusi negli scafandri di protezione eppure capaci con uno sguardo di trasmettere serenità ad un ricoverato nei reparti covid. O come il coraggio di quelli che non si tirano indietro, che non si danno malati, che non alzano le mani dando le colpe a chi non ha preparato la Sanità delle diverse regioni ad affrontare la terza ondata, alla regione, al governo, al presidente, alla congiura internazionale per sterminarci.

Didattica a distanza (Foto: Imagoeconomica / Carlo Lannutti)

Ci sono gli sforzi di tanti amministratori pubblici che danno tutto il loro tempo, senza sosta, per cercare di vincere la durissima battaglia contro il virus. E poi ci sono i tanti genitori che sostengono  nella didattica a distanza i figli privati della scuola, cercando di spiegare loro che non siamo vittime di un governo di incapaci ma di un virus contro cui dobbiamo lottare tutti insieme. Ci sono tutte quelle persone che rispettano rigorosamente le norme di distanziamento, nonostante sia passato ormai un anno dal primo confinamento…

L’uomo e le cose brutte

Ma ci sono tante cose brutte anche nell’uomo: quelli che approfittano della pandemia per arricchirsi sui farmaci, sulle mascherine, aumentando i prezzi; ci sono quelli che mettono giro notizie tendenziose, che speculano sulle paure della gente, magari per ricavarne un vantaggio elettorale, che un giorno dicono di aprire tutto e l’altro di chiudere, pur appoggiando il governo in parlamento; poi ci sono quelli che non si preoccupano di utilizzare linguaggi di odio che spingono le persone, soprattutto i giovani, a non fidarsi degli altri, ad aver ancora più paura di quello che potrebbe accadere.

Terapia Intensiva (Foto: Carlo Lannutti / Imagoeconomica)

Ci sono quelli che se ne buggerano delle norme, che si fanno le loro feste, i loro compleanni, aggirando le disposizioni, per poi maledire le istituzioni se vengono trovati positivi o se uno dei loro parenti finisce in ospedale con la febbre alta, attaccato all’ossigeno. E ci sono quelli che imbrogliano anche sulle prenotazioni delle vaccinazioni, mentendo spudoratamente…

Ebbene, Dio conosce quello che c’è nell’uomo…

(Leggi qui tutte le meditazioni di Pietro Alviti).