Un Frosinone troppo… Forte con il bomber, Azzi e Vignato

Il club giallazzurro punta sull’attaccante del Benevento che garantirebbe esperienza, qualità e un buon numero di gol. Nel mirino anche il terzino sinistro del Modena e l’esterno offensivo del Bologna. Sondaggio per il baby Kouda. Frabotta ha scelto il Genoa

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Un po’ pirata ed un po’ signore. Come Julio Iglesias nel famoso brano diventato anche un film. Soltanto il 27 dicembre Guido Angelozzi in conferenza ha annunciato che il Frosinone “non farà grandi colpi”. “Anzi non vorrei toccare niente perché devo avere rispetto di un gruppo che sta disputando un campionato straordinario”, ha aggiunto il plenipotenziario del club giallazzurro. Il calcio però vive di presente e il giorno dopo non è mai uguale a quello prima. E poi probabilmente il direttore ha giocato un po’ di bluff e di pretattica.

Fatto sta che appena aperto il mercato il Frosinone è andato all’attacco come ha fatto sempre in campo in questo girone d’andata. Cercando rinforzi di qualità. E sono rimbalzati nomi importanti come Azzi, Vignato e nelle ultime ore Forte. Insomma la capolista non resterà a guardare e tenterà secondo radiomercato di puntellare l’organico con 4 elementi di spessore.

Troppo… Forte, un bomber da 111 gol

Francesco Forte

Il Frosinone punta a rinforzare l’attacco inserendo un centravanti di esperienza ed in grado di garantire un buon numero di reti. In quel ruolo ci sono 3 giovani di prospettiva come Mulattieri, Moro e Borrelli. Il primo ha realizzato 6 gol ed attualmente è quello che ha dimostrato maggiore continuità. Mentre Moro e Borrelli hanno avuto alti e bassi. Quindi il Frosinone cerca un giocatore più maturo e per questo ha fatto un’offerta importante al Benevento per Francesco Forte, 29 anni, romano, figlio di Giampiero, direttore sportivo dei canarini negli anni ‘80. L’attaccante ha una lunga carriera tra Serie A, B e C con esperienze all’estero in Belgio al Beveren. In questa stagione 18 presenze e 3 reti di cui 2 proprio al Frosinone nella sfida vinta dal Benevento ad inizio stagione.

Forte è un centravanti forte fisicamente, dotato di un’ottima tecnica ed autore di 111 gol. Il club ciociaro ha proposto il prestito ad una cifra che oscilla tra i 250-300 mila euro ed il riscatto fissato intorno al milione. Il Benevento sta valutando la cessione ma per il cartellino chiede almeno 2 milioni. E non manca la concorrenza. Il Pisa, dove Forte ha già giocato, il Parma (avrebbe proposto uno scambio con Tutino) e la Reggina che però non sembra voler affondare. In stand-by per l’attacco Baez e Buonaiuto della Cremonese tra i primi nomi circolati a Frosinone.

Azzi e Vignato altri colpi in canna

Il terzino sinistro Frabotta dovrebbe approdare al Genoa

Per irrobustire la catena di sinistra il Frosinone ha messo nel mirino Paulo Azzi, brasiliano di 28 anni, in forze al Modena. L’esterno è cresciuto in Italia partendo dalla Primavera dello Spezia ed ha fatto una lunga gavetta in Serie C. Si è messo in mostra nelle ultime 2 stagioni al Modena dove ha conquistato la promozione in Serie B.

Diverse le richieste tra le quali l’Ascoli, il Palermo ed in precedenza il Sassuolo. Il Frosinone ci sta provando, ritiene Azzi il profilo giusto per rinforzare una zona del campo che perderà Frabotta che dovrebbe lasciare la Ciociaria per approdare al Genoa.

Guido Angelozzi

Emanuele Vignato del Bologna invece è un attaccante esterno-trequartista di grande tecnica che andrebbe ad alzare il livello di qualità del reparto avanzato. Il giocatore, classe 2000, fratello di Samuele del Monza, cresciuto al Chievo, è in uscita dal Bologna tanto che non è stato convocato per la trasferta di Roma. A proposito di giovani il Frosinone ha sondato infine il centrocampista del 2002 Rachid Kouda del Picerno, nato a Cantù ma con origini del Burkina Faso.

Un po’ pirata ed un po’ signore.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright