Tortoriello va alla guerra contro il presidente dell’Inps Tridico: «anti – imprenditori»

Pasquale Tridico
Foto © Imagoeconomica / Paolo Cerroni

Durissima presa di posizione del numero uno di Unindustria: «Pasquale Tridico dovrebbe scusarsi, le sue affermazioni sono ingenerose e infondate».

«Da parte di Tridico parole ingenerose e infondate». Un attacco frontale, quello sferrato dal presidente di Unindustria Filippo Tortoriello. In un’intervista a La Repubblica, il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha accusato alcune aziende di non riaprire le attività «per pigrizia, per opportunismo, magari sperando che passi la piena e il mercato riparta come prima».

Da tempo Filippo Tortoriello non le manda a dire. E neppure stavolta ha fatto eccezione. Ha detto infatti: «Sono rimasto veramente basito nel leggere le dichiarazioni del presidente dell’Inps Pasquale Tridico secondo cui le imprese non riprenderebbero l’attività per questioni di opportunismo poiché, in attesa che il mercato riparta, è lo Stato a farsi carico dell’80% della busta paga dei lavoratori».

Il presidente di Unindustria, Filippo Tortoriello © Sara Minelli / Imagoeconomica

Ha affondato il colpo Tortoriello. Rilevando: «Sono affermazioni totalmente ingenerose e infondate nei confronti di tutto il sistema delle imprese, sopratutto le piccole e medie, che stanno affrontando con grande sacrificio ed abnegazione questa Fase 3. Questa uscita denota una mancanza di rispetto e di sensibilità, tipica di una cultura anti-imprenditoriale. In un momento così difficile e delicato della vita economica e sociale del Paese c’è bisogno da parte di tutti, ma soprattutto da parte di coloro i quali ricoprono ruoli di primaria importanza nelle istituzioni, di un grosso senso di responsabilità, pesando anche in maniera certosina le parole che si usano. Questo è il momento del gioco di squadra da parte di tutti e non delle divisioni».

Ma quale opportunismo

Quindi, rivolgendosi direttamente a Tridico, Tortoriello ha affermato: «Auspichiamo fortemente che il presidente Tridico consideri questa nostra riflessione. E si scusi con tutto il mondo delle imprese per le sue parole che sono state decisamente totalmente inopportune. Inoltre vorrei ricordare che il fermo delle attività produttive ha comportato pesanti penalizzazioni alle imprese sia in termini di perdita di fatturato che sotto il profilo dei costi derivanti da impianti tenuti spenti. Per cui caro presidente Tridico non si riesce a individuare in che cosa potrebbe consistere “l’opportunismo” degli imprenditori a non riprendere l’attività come da lei sostenuto».

Tridico
Il presidente Inps Pasquale Tridico © Alessia Mastropietro / Imagoeconomica

Pasquale Tridico è stato voluto alla guida dell’Inps dal Movimento Cinque Stelle. Gli industriali non stanno facendo sconti al Governo da settimane. Il presidente nazionale di Confindustria Carlo Bonomi sta sparando a palle incatenate conto la politica e Filippo Tortoriello non è da meno. Le imprese non vogliono fare politica, ma neppure hanno intenzione di far finta di nulla in uno dei momenti più delicati della vita economica nazionale.

Il 22 aprile scorso Tortoriello aveva affermato: «Le aziende hanno bisogno di avere la liquidità necessaria. I provvedimenti messi in atto dal Governo sono incomprensibili. In modo particolare, leggendo i Decreti Legge o il modulo per i 25mila euro. La capacità di saper legiferare in modo chiaro, semplice e in modo tale che le persone e le imprese possano capire ed effettivamente ricevere quella liquidità necessaria ad andare avanti fino ad oggi non c’è stata». (leggi qui «Nel Lazio industrie pronte a ripartire. Il Governo? Inefficace e incomprensibile»).

Ora l’attacco al presidente dell’Inps. Gli industriali sono sul piede di guerra.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright