La sorpresa da 4 milioni nell’uovo di CMDA (Conte della Selvotta)

I telegrammi del Conte della Selvotta sulla politica Cassinate. L'uovo di Pasqua del sindaco D'Alessandro: in uno ritrova il finanziamento perduto da 4 milioni. Nell'altro perde un'altra occasione. Intanto: strisce blu gratis per tutti. Rimpasto? Da martedì

 

UOVO DI PASQUA CON SORPRESA PER CMD’A

Nell’uovo di Pasqua il sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, troverà una sorpresa lieta ed un’altra meno.

La regione Lazio gli ha ridato i 4 milioni del finanziamento per costruire una scuola dell’infanzia con tecniche innovative. E’ stata la nuova commissione regionale a valutare i progetti classificando quello del comune di Cassino al primo posto. Un mese fa il progetto era stato valutato da una commissione, composta erroneamente, che aveva classificato Cassino al secondo posto con lo stesso importo. I

l sindaco lo aveva saputo e in campagna elettorale aveva diffuso la notizia attribuendo i meriti a Mario Abbruzzese. Che non c’entrava nulla. Perché la valutazione è tecnica e non politica. Poi CMD’A, due giorni dopo le elezioni perse da M.A., aveva diffuso con un comunicato la notizia del finanziamento. E tre giorni dopo la Regione in autotutela revocava quel finanziamento per la diversa composizione della composizione. CMD’A si arrabbiava tanto da minacciare le vie legali e attribuendo la colpa a Zingaretti.

Ora, invece, è stato riconfermato il contributo e anzi il progetto è stato classificato primo mentre l’altra commissione lo aveva inserito dietro Fondi. Ora potranno fare festa in Comune per il ricco appalto di gara. La notizia l’hanno anticipata al cronista a vita Domenico Tortolano dalle stanze regionali frequentate solamente dall’assessore Benedetto Leone, che attende altre deleghe.

Il comune, invece, ha perso un altro sostanzioso contributo. Perché è stato fatto scadere il tempo per un progetto di riqualificazione ambientale della regione Lazio. Il Comune non lo ha presentato. Avrebbe potuto incassare un ricco finanziamento, oltre un milione, per la tutela dell’ambiente come isole ecologiche, acquisto di cassonetti intelligenti per i rifiuti, impianti Ztl ed altro.

 

CMD’A SENZA STRISCE BLU

E’ rimasto senza strisce blu il sindaco. Motivo: i ritardi dei dirigenti nel preparare il bando (secondo una versione). I ritardi della ditta subentrante nel consegnare i documenti necessari, in particolare il certificato Antimafia (secondo un’altra versione).

Sei mesi persi e l’appalto non parte e i 35 lavoratori a casa a Pasqua. Un brutto colpo per l’immagine di Amministrazione e dei governanti. Ed ora strisce blu gratis per tutti. Un’altra sorpresa nell’uovo di Pasqua, ma per gli automobilisti.

L’opposizione può incalzare chiedendo un urgente consiglio comunale. E sarà bagarre.

Le sorprese non finiscono perché alcuni gruppi della maggioranza ma anche della minoranza vogliono sapere che tipo di gara è stata fatta per aggiudicare alla ditta che sta realizzando la rotatoria in via Di Biasio i lavori (inutili, dicono moltissimi) per piazza XV Febbraio. Pare che la gara non sia stata fatta tramite il portale del Mepa ma attraverso altri metodi. Gara gestita dal dirigente dell’area tecnica.

 

RIMPASTO NON RIMPASTO

CMD’A è al bivio: rimpasto o no. Chi cambio? Nessuno.

Da martedi dovrà ascoltare quei gruppi consiliari che lo sorreggono. E chissà cosa chiederanno dopo quei documenti fatti e rifatti e corretti. La Lega (anche se è afflitta dal caso delle strisce blu) è pronta ad un lungo periodo di logoramento della giunta D’Alessandro. Muovendo i due consiglieri di volta in volta a seconda dei ‘movimenti’ di M.A.

CMD’A potrebbe trovarsi tra l’incudine e il martello.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright