Venturi al Pd, «Stai sereno? No meglio: hic manebimus optime»

Non scomoda il premier Matteo Renzi ed il suo celebre «Stai sereno». Il dottor Norberto Venturi segretario cittadino del Pd di Frosinone preferisce Tito Livio. Ed usa il suo più affidabile  Hic Manebimus Optime: ‘Qui staremo benissimo’. Lo pronunciò un centurione di rientro a Roma con la sua legione, mentre sceglieva il posto per accamparsi. Il capitano non sapeva che nella vicina Curia Ostilia era riunito il Senato per decidere se fuggire dopo il sacco della città compiuto da Brenno. Quella frase venne interpretata come un segnale degli dei. Ed i senatori impauriti, che pensavano solo a se stessi, si convinsero a resistere.

Hic Manebimus Optime, dice ora il dottor Venturi. Per sgomberare il campo dalle voci di complotti. Che attribuiscono ad alcuni ambienti del Pd una specie di ripensamento dopo avere dato il via libera alla candidatura di Fabrizio Cristofari alla carica di sindaco per l’intero Pd.

Ne riferisce il quotidiano La Provincia:

(…) Antonello Galassi, Michele Marini, Luigi Arduini e Norberto Venturi nel pomeriggio di ieri, si sono visti in un noto locale di via Aldo Moro. Venerdì sera il direttivo ha di fatto ufficializzato la candidatura di Fabrizio Cristofari confermando, alla sua presenza, la volontà di iniziare a lavorare sul programma, sulle liste e sulle alleanze. Piena disponibilità a collaborare è stata espressa da Cristofari. Intanto ieri sera c’è stato l’incontro organizzato da Galassi con l’intento di ricucire i rapporti tra quella parte del Partito Democratico che non ha digerito la candidatura di Cristofari. Galassi e compagni (Marini, Arduini e Venturi) ne fanno una questione politica mai affrontata.

Venturi assicura che nel Pd non c’è «una sorta di vocazione al complottismo che aleggerebbe ancora a Frosinone. Tanto da considerare una sorta di adunata sediziosa la consumazione di un succo di mirtillo ed un Campari in un frequentatissimo bar, condita da qualche inevitabile chiacchierata politica di quattro amici e qualche consorte».

Insomma: niente ribelli, nessuna ribellione. «Del resto abbiamo lavorato con altri compagni dandoci delle regole e rispettandole fino alla fine, fuori da interessi personali. Per questo non esistono ribelli».

Pure Renzi disse a Enrico Letta «Stai sereno». Poi tutti sanno come andò a finire. Per questo Venturi si affida a Tito Livio: «Hic manebimus optime. Qui staremo benissimo».

.
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright