Il siluro di Venturi sui big del Pd: «Se non si arriva al 15% scordatevi la candidatura»

CORRADO TRENTO
Ciociaria Editoriale Oggi

 

 

«Ho la sensazione che non ci si renda conto dell’importanza anche politica delle elezioni comunali di Frosinone. Lo dico in modo chiaro: se non otteniamo almeno il 15% sarà complicato per il Pd provinciale pensare di ottenere una candidatura eleggibile o addirittura un posto da capolista alle politiche». Norberto Venturi, segretario del circolo cittadino del Pd, fa parte dell’area che sostiene Andrea Orlando alla segreteria nazionale.

Nel capoluogo ha ottenuto un buon risultato nel voto degli iscritti, ma adesso è concentrato sulle comunali. Spiega Norberto Venturi: «Fabrizio Cristofari va sostenuto con forza, entusiasmo e convinzione. Da tutti. Ma continuo a notare che in tanti “si affrettano con calma”, mentre invece non c’è neppure un minuto da perdere. Nei mesi scorsi, come direttivo cittadino, invitammo i big a scendere in campo in prima persona, direttamente o indirettamente. A parte la senatrice Maria Spilabotte, che ha deciso di candidarsi al consiglio comunale, non abbiamo ricevuto risposte».

Continua Venturi: «A mio giudizio è scattato già l’allarme rosso. Non posso non notare che si continua ad essere concentrati sulle posizioni congressuali e sulle candidature. Senza rendersi conto che un risultato positivo nel capoluogo è fondamentale, altrimenti non ci sarà più nessuna poltrona alla quale ambire e nessuna candidatura da ottenere. I leader provinciali si assumano le loro responsabilità. Ritengo che se non si arriva almeno al 15% a Frosinone, sarà complicato perfino pensare di poter ottenere un posto da capolista alla Camera. Oppure una designazione eleggibile al Senato. Dobbiamo svegliarci una buona volta, anche perché all’orizzonte ci sono pure le regionali. Il sottoscritto sosterrà con forza Fabrizio Cristofari.

Non mi nascondo dietro un dito: nei mesi scorsi ho detto quello che pensavo sulle modalità con le quali si è arrivati alla candidatura, ma adesso è arrivato il momento di far prevalere l’unità e provare a vincere le comunali. È arrivato il momento di accelerare perché il Comune di Frosinone ha bisogno di una svolta che soltanto il Partito Democratico e il centrosinistra possono imprimere. La città è indietreggiata in questi anni. Ci sono tutte le condizioni per vincere e per mettere in campo una lista molto forte. Dobbiamo lavorare insieme, unitamente a quelli che sono i leader del partito in provincia di Frosinone. Non mi stancherò di ripeterlo: il risultato delle elezioni nel capoluogo avrà una valenza politica fondamentale».

 

 

Obbligati a contarsi sui candidati consiglieri

Non c’è e non ci sarà tempo di respirare nel Partito Democratico. Archiviata la fase congressuale riservata agli iscritti, adesso sono tutti concentrati sulle primarie del 30 aprile. Anche in provincia di Frosinone.

Intanto perché nessuno può permettersi una brutta figura e poi perché le candidature parlamentari e regionali passano attraverso questi appuntamenti.

Però sul territorio c’è un altro elemento che non può essere preso sottogamba: le elezioni comunali di Frosinone, in programma l’11 giugno. Indipendentemente dal risultato finale, la percentuale della lista del Pd è destinata davvero a fare la differenza.

Nel 2012 i Democrat ottennero 2.882 voti, pari al 10,46%. Una percentuale non proprio entusiasmante. Forse però c’è un elemento che potrebbe rivelarsi positivo per il candidato sindaco Fabrizio Cristofari. Nella lista per le comunali ci saranno candidati che fanno riferimento a Francesco De Angelis, Francesco Scalia, Nazzareno Pilozzi, Mauro Buschini, Antonio Pompeo, Marino Fardelli, Simone Costanzo, Sara Battisti, Domenico Alfieri.

Quindi è normale che i big si conteranno indirettamente. Elemento da non sottovalutare in vista della scelta delle candidature. Senza dimenticare che la senatrice Maria Spilabotte concorrerà da consigliere, esponendosi in prima persona. In caso di risultato positivo segnerebbe un punto importante a suo favore.

Va pure detto però che nel direttivo cittadino sia Norberto Venturi che Francesco Brighindi si stanno muovendo per risultare decisivi. Non è per caso che stanno cercando di convincere alcuni fedelissimi di Michele Marini a candidarsi nei Democrat.

 

§

 

SCARICA DA QUI LA APP PER TUTTI I SERVIZI DI CIOCIARIA OGGI

Ciociaria Oggi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright