Via ai corsi gratis per accedere ai fondi per i giovani

I giovani, il lavoro e lo studio: i Neet in Italia sono tanti, troppi, ed i più sfiduciati nel Centro Italia sono in provincia di Frosinone. Mancano gli strumenti per realizzare i propri sogni, ma non mancano le idee, di cui invece i nostri ragazzi sono ricchi. E allora, perché non apprenderli questi strumenti?

Gli ultimi dati dell’Anpal, l’Agenzia Nazionale per le Politiche attive del lavoro, sono stati pubblicati a metà del 2018 e si riferiscono all’anno precedente. I giovani tra i 15 ed i 29 anni che non lavorano, non studiano, e più in generale non sono inseriti in alcun percorso di formazione, in Italia sono due milioni e 190mila in media, pari al 24.1%. Una percentuale che cresce fino al 31.3% in provincia di Frosinone.

I Neet sono un esercito, e quelli più sfiduciati nel centro Italia sono proprio in Ciociaria, così come emerge dall’indagine dell’Anpal “I Neet in Italia”.

Colpa di studi fatti senza convinzione, di genitori ‘spazzaneve’ che a furia di risolvere i problemi non insegnano ai figli come affrontare da soli le difficoltà della vita, colpa di un territorio che non offre granché: si potrebbe stare giorni a discutere sul perché di questi dati, sulle motivazioni che spingono tanti ragazzi della provincia di Frosinone a buttare via gli anni migliori, anni che dovrebbero essere caratterizzati da voglia di fare ed entusiasmo, sicuramente non da sfiducia o pessimismo.

Sul territorio c’è chi ha provato a costruire una via d’uscita. Tentando di dare una risposta alla domanda “Come fare per uscire da questa situazione di stallo?”.

Puntando sulle idee di questi ragazzi. Giovani che magari hanno dei sogni nel cassetto ma che non hanno i mezzi per realizzarli, non sanno che strade seguire, non hanno le possibilità economiche per farlo, oppure giovani che sono spaventati dalla burocrazia e dal  lungo percorso da seguire per arrivare ad ottenere i primi risultati.

Si deve andare per gradi, ed il primo tassello è sicuramente quello che prevede di rimboccarsi le maniche e cominciare a capire come costruire qualcosa. Prima insomma bisogna formarsi: per i ragazzi tra i 18 ed i 29 anni Profima di Frosinone sta organizzando un corso gratuito che si svolgerà presso la sede di Roma, in Via Adriano Olivetti, 24. Lì saranno erogati dei percorsi formativi mirati e personalizzati, per fornire ai ragazzi registrati al Programma Garanzia Giovani, le competenze necessarie all’avvio e alla gestione dell’attività d’impresa.

In che modo? Aiutando chi si iscriverà a strutturare in modo compiuto la propria idea, arrivando a redigere un business plan, il documento alla base di ogni progetto.  Analisi economiche, analisi della concorrenza, strategie, studi di fattibilità per capire se quello che si ha in mente può avere o meno un impatto importante sul mercato.

Solo quando tutto sarà chiaro e la propria idea strutturata nel dettaglio, si procederà al secondo passo: accompagnare questi ragazzi nel percorso  per l’accesso al bando misura 7.2 del PON IOG – Fondo SELFIEmployment. Il Fondo – gestito da Invitalia nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, sotto la supervisione del Ministero del Lavoro – finanzia con prestiti a tasso zero l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da giovani NEET. Solo dopo il corso formativo sarà possibile presentare domanda per il bando.

E allora, perché non provare? Perché non dire “Yes, I start up”? C’è tempo fino al 31 marzo.

*
Clicca qui per tutti i dettagli sul bando
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright