Sport

Frosinone-Palermo, l’esempio di Grosso e Corini: fair-play e complimenti

[LA VIGILIA] Sabato (ore 14) allo “Stirpe” tornerà la sentitissima sfida tra ciociari e siciliani. Per tanti tifosi è una partita lunga oltre 4 anni ma ora può avere un nuovo calcio d’inizio. Recupera Kone, ballottaggi Ciervo-Insigne e Moro-Mulattieri. Verso la conferma l’undici rosanero che ha battuto il Genoa. Annunciati 8.000 spettatori di cui 570 ospiti

Agnoli, il “gregario” di Papa Francesco

L’ex ciclista ciociaro è il ct e responsabile delle relazioni estere della Nazionale della Città del Vaticano che per la prima volta parteciperà ai Mondiali di ciclismo. Il professionista fiuggino tra gli artefici di un’iniziativa che tramite una delle discipline più popolari vuole trasmettere il messaggio di pace ed inclusione del Santo Pontefice

La partita infinita è… finita: Frosinone-Palermo oggi è un’altra storia

Sabato allo “Stirpe” le 2 squadre si ritrovano dopo oltre 4 anni dalla finale playoff ma è passata tanta acqua sotto i ponti. Le scorie comunque sono rimaste tra i tifosi mentre solo 3 i reduci (Crivello, Szyminski ed Accardi) della sfida. Tanti altri invece i motivi d’interesse di una gara che si preannuncia molto tirata e ricca di contenuti tecnici

Il Frosinone “dentro” ogni partita, è il viatico per il futuro

Nella sconfitta di Cittadella la squadra di Grosso non può rimproverarsi nulla per intensità e qualità del gioco. E soprattutto si è vista un’idea di attacco all’area avversaria. Sabato il Palermo: l’importanza di considerarla una partita come le altre. I giallazzurri dovranno essere più forti delle tensioni

L’ultimo volo di Costantini, numero uno in campo e nella vita

Il calcio piange l’ex portiere e preparatore del Sora e del Frosinone. Aveva 59 anni ed è stato stroncato da un male incurabile. Il suo nome è legato alle vittorie della squadra di Di Pucchio e alle promozioni dei giallazzurri. Ma Memmo era soprattutto un uomo dotato di una profonda umanità. Il cordoglio del presidente Stirpe. La Primavera gli dedica la vittoria col Bologna

Frosinone, adesso non bisogna perdere la lezione

La sconfitta di Cittadella deve essere d’insegnamento per il futuro. Malgrado un’altra buona prova, la squadra ha commesso troppi errori in zona gol e qualche disattenzione che in un campionato così difficile può diventare fatale. Hanno pesato le assenze, sabato l’attesa sfida contro il Palermo

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright