La sfida di Macchitella: «Confermo l’assunzione di cento medici»

CORRADO TRENTO per CIOCARIA EDITORIALE OGGI

«Confermo che è mia intenzione chiedere per il 2016 l’assunzione a tempo determinato di un centinaio di medici per la Asl di Frosinone». Luigi Macchitella, commissario della Asl, ribadisce la sua posizione. Il tema delle assunzioni Nei giorni scorsi erano emersi dubbi sulla fattibilità del piano. In particolare da parte della Fials, che in una nota aveva sottolineato: «È evidente che i fondi dello straordinario e per l’acquisto prestazioni di natura contrattuale non possono essere distolti dalla specifica destinazione perché la normativa non lo consente».

Macchitella rileva: «Allora, sicuramente non intendo toccare gli straordinari. Per quanto riguarda invece le risorse destinate all’acquisto di prestazioni aggiuntive, resto convinto che possano essere prese in considerazione. L’obiettivo è quello di assunzioni a tempo determinato di cento medici, un passo fondamentale per sopperire alle carenze di organico».

Nei giorni scorsi la professoressa Isabella Mastrobuono, ex direttore generale della Asl di Frosinone, aveva ricordato come il progetto di chiedere alla Regione l’assunzione di cento medici fosse stato presentato da lei nel giugno scorso. Nel piano triennale delle assunzioni si legge: «La prospettiva di abbattimento del ricorso a prestazioni aggiuntive, seppur non completa, attraverso tale previsione di assunzioni comporta, comunque, economie legate ad un miglior utilizzo del personale presente».

Il Pronto Soccorso Il consigliere regionale Fabrizio Santori scrive: «All’ospedale Spaziani di Frosinone è stata proprio una domenica da “bollino nero”, come sempre accade. Non per il traffico dei veicoli, ma per quello delle barelle, incolonnate sulle corsie ed ammassate nelle stanze in condizioni proibitive. Frosinone non merita tutto questo. Chiedo che Zingaretti metta fine a questa situazione trovando le risorse e il personale necessario per consentire alla struttura e a tutti gli ospedali ciociari di ripartire ».

Il dottor Fabrizio Cristofari, responsabile del Pronto Soccorso di Frosinone, afferma: «Che ci siano problemi di sovraffollamento dei Pronto Soccorso è innegabile, ma la situazione di domenica era di emergenza assoluta perché nella notte erano arrivate più di venti persone, due delle quali in codice rosso. A causa di uno spaventoso incidente stradale avvenuto sull’A1. Fronteggiare la situazione non è stato semplice. Quanto ai giorni da “bollino nero”ce ne sono tantissimi anche in ospedali romani, con le ambulanze che a volte restano ferme per ore. Dico questo non per la logica del “mal comune, mezzo gaudio” (ci mancherebbe altro), ma solo per sottolineare che il sovraffollamento dei Pronto Soccorso non riguarda purtroppo soltanto Frosinone».

PUOI COMPRARE DA QUI UNA COPIA DI CIOCIARIA OGGI AD 1 €

Ciociaria Oggi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright