Fumata nera nel Pd: il candidato unitario per ora non c’è

CORRADO TRENTO per CIOCIARIA EDITORIALE OGGI

L’accordo non c’è e per questo il summit dei big del Pd è stato aggiornato a venerdì. Ufficialmente si continua a parlare di prospettiva unitaria, ma è già pronto il piano “b”: riconoscimento reciproco delle posizioni anche nel caso si dovesse andare con due candidati alla segreteria. Al vertice di lunedì sera c’erano il segretario Simone Costanzo, la presidente Sara Battisti, i senatori Francesco Scalia e Maria Spilabotte, il deputato Nazzareno Pilozzi, il consigliere regionale Mauro Buschini, il presidente della Provincia Antonio Pompeo, il presidente del Consorzio Asi Francesco De Angelis.

Le parole non dette e il clima sono state più importanti dell’ufficialità, che però mantiene un valore proprio perché sottolinea comunque lo sforzo di scongiurare una frattura. Il ragionamento è semplice: Francesco Scalia ritiene che la candidatura alla segreteria di Domenico Alfieri (sindaco di Paliano e consigliere provinciale) potrebbe rappresentare una “sintesi” gradita anche all’area di De Angelis e Buschini. Ma l’attuale segretario provinciale Simone Costanzo non effettuerebbe alcun passo indietro davanti alla designazione di Alfieri. Anzi, confermerebbe la sua di candidatura, confidando nell’asse con lo stesso Francesco De Angelis e con Sara Battisti. E soprattutto basandosi sul fatto che la base congressuale sarà composta da tutti gli iscritti del 2014 che rinnoveranno la tessera. Una base congressuale cioè che Costanzo ritiene maggioritaria.

A meno che alla fine non venga messa in campo una terza designazione: De Angelis ha escluso di scendere in campo lui, ma potrebbe indicare un esponente della propria componente. Magari un giovane. Nel corso dell’incontro però questo non è emerso, anzi è stato detto che in ogni caso, perfino nell’ipotesi di due candidature alla segreteria, non deve venire meno il rispetto e la condivisione di un quadro unitario. Francesco De Angelis dice: «Sono stati fatti dei passi avanti e c’è la volontà di trovare una soluzione unitaria. Mi impegnerò fino all’ultimo per raggiungere l’obiettivo. Finora come area non abbiamo avanzato alcuna proposta, ma siamo pronti a dare un contributo. La discussione è aperta».

Venerdì nuovo vertice per cercare di trovare una sintesi condivisa. Intanto però ognuno sta preparando le proprie truppe. La partita a scacchi prosegue. Dietro le quinte.

 

PUOI COMPRARE DA QUI UNA COPIA DI CIOCIARIA OGGI AD 1 €

Ciociaria Oggi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright