Dieci righe e il resto in edicola (martedì 4 X 2016)

Ciociaria Oggi K2

Pronti a sparare nel market
Pino Cupido e Valerio Compagnoni, entrambi di Frosinone, arrestati dai carabinieri dopo una rapina. Con una pistola calibro nove e il colpo in canna si sono fatti consegnare l’incasso di un supermercato ad Alatri

Sono entrati nel supermercato Sebastiani di Alatri sabato pomeriggio, con il casco in testa e armati di pistola con tanto di colpo in canna. Una rapina che ha vissuto momenti drammatici. I due hanno prima spintonato e trascinato con loro un collaboratore presente nell’attività, poi giunti nell’area delle casse hanno aggredito con la pistola un addetto prima di arraffare tutti i soldi. Circa 4mila euro il bottino del colpo durato nemmeno un minuto. Poi i due si sono dati alla fuga. I carabinieri subito avvertiti hanno attivato il piano anti-rapine e, con numerosi posti di blocco, sono riusciti a circoscrivere la vasta area periferica alatrense. I due sono stati così intercettati mente percorrevano una strada di campagna. I rapinatori hanno deciso di nascondersi nel cortile di un’abitazione privata. Ma la loro fuga è durata poco. Individuati sono stati bloccati e poi dopo una breve trattativa arrestati. Le indagini vanno avanti soprattutto per individuare la provenienza della pistola, un’arma in dotazione alle forze di polizia. Domani compariranno dinanzi al giudice.

 

Truffate le vittime della solitudine
Anziani finiscono nella rete di una coppia di impostori che con l’inganno entrano in casa e fanno piazza pulita. I due fingono di avere difficoltà economiche e si offrono di effettuare piccoli lavori di manutenzione: i nonni abboccano

Sono due, un uomo e una donna, si presentano alle porte degli anziani e si offrono per lavori di manutenzione di giardini o servizi di pulizia in casa in cambio di qualche euro. La loro storia intenerisce i cuori degli anziani, rimasti ormai soli in grandi case vuote, che gli spalancano le porte. Ma una volta entrata la coppia trafuga tutto ciò che trova di valore, denaro, gioielli, preziosi. È quanto è successo ieri mattina a Pontecorvo mentre nelle strade del centro si svolgeva regolarmente il mercato settimanale. La coppia di truffatori si è fatta avanti raccontando storie tristissime, fatte di stenti e sacrifici, la testimonianza cruda di una coppia che non riesce a far fronte alle spese quotidiane perchè senza lavoro e che per questo si propone per qualsiasi genere di attività in cambio di pochi spiccioli. L’esperienza di vita di chi ormai ha i capelli candidi, che magari ha vissuto le brutture della guerra e gli stenti della fame, concede facilmente fiducia ai due che poi si rivelano essere due manigoldi imbroglioni. L’allar – me lanciato da una signora ha messo in allerta la città, ma i due ancora non sono stati trovati.

 

Sindaci a nervi scoperti
Servizio idrico Venerdì la seduta della Consulta d’ambito sull’ipotesi della risoluzione
Relazione o parere? Ecco perché la decisione della Sto è destinata a fare la differenza

Relazione o parere? Su questa differenza si articolerà il dibattito nella prossima riunione della Consulta d’Ambito, che con ogni probabilità si terrà venerdì prossimo, 7 ottobre. Ma in realtà la partita a scacchi è già iniziata. Il nodo della data. Dovrà essere fissata la data dell’assemblea dei sindaci, con all’ordine del giorno un solo punto, pesantissimo però: risoluzione o meno della convenzione con Acea, il gestore del servizio idrico. Per il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani il procedimento va completato entro trenta giorni, secondo i dettami della richiamata legge 241/90. E siccome le controdeduzioni di Acea sono state depositate il 13 settembre, ecco che il 13 ottobre diventa l’ultimo giorno utile perunadecisione. Nel Pd, invece, c’è chi ritiene che, sempre a norma della 241/90, per situazioni particolarmente complesse il termine possa essere aumentato fino a novanta, centoventi o centottanta giorni. Mentre nella convenzione, all’articolo 34 (quello che prende in considerazione la fattispecie della risoluzione) non sono indicati tempi (…)

GLI ARTICOLI COMPLETI LI TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DOMANI OPPURE PUOI SCARICARE DA QUI LA APP PER TUTTI I SERVIZI DI CIOCIARIA OGGI
 

provincia-2

 

Il mistero della pistola
Rapina al supermercato. Usata un’arma “sporca”. I carabinieri ricostruiscono i dettagli dell’operazione

La rapina effettuata lo scorso 1° ottobre ai danni del supermercato “Sebastiani” del popoloso quartiere La Fiura, lascia aperti ancora scenari che vanno al di là dell’arresto dei due rapinatori in flagranza di reato. I carabinieri hanno scoperto che è stata utilizzata una Beretta 92SB calibro 9 parabellum con matricola abrasa in dotazione alle Forze dell’Ordine. Aveva il colpo in canna e altri sette nel caricatore.

 

Solo chiacchiere da bar
Due considerazioni sulle frasi di Massimo Pizzuti al Caffè Minotti di Frosinone

E’ bello scoprire che i valori della solidarietà e della vicinanza agli altri esistono ancora. Possono essere forti e marcati anche in un’epoca difficile come quella che viviamo. Ce lo insegna Massimo Pizzuti, direttore generale del Gruppo Editoriale Oggi, che edita il quotidiano Ciociaria Oggi. Qualche giorno fa, Pizzuti era al Caffè Minotti di Frosinone per promuovere un “panino” (termine del gergo editoriale che indica l’abbinamento in edicola di due testate). In quello che doveva essere solo un giorno di festa per l’accordo stipulato dal suo Gruppo, il direttore generale non se l’è sentita di abbandonare al loro destino i giornalisti del quotidiano suo concorrente, La Provincia. Questi redattori avevano appena imboccato la strada della cassa integrazione perché la cooperativa editrice, a maggioranza assoluta dei giornalisti, aveva deciso di sospendere le pubblicazioni. Che cosa ha fatto Pizzuti? – vi chiederete – Li ha assunti? No. Troppo banale. Ha fatto di più (…)

Rotatorie, presto tutto ok
Frosinone. Viabilità. L’assessore Tagliaferri rassicura sui lavori per la messa in sicurezza. In un mese previsto l’intervento per il nuovo asfalto e verranno sistemati gli interni

Sollecito lanciato. E raccolto in tempo adeguato. La segnalazione sul pietoso stato dell’asfalto delle rotatorie del tratto urbano della Monti Lepini a Frosinone (fatto su questo pagine), è stato raccolto in tempo reale dall’Amministrazione comunale con risposte che cittadini ed automobilisti reclamavano. Soprattutto nell’ottica della sicurezza della viabilità. “Ho gli elementi per poter tranquillizzare tutti – spiega Fabio Tagliaferri, assessore ai Lavori Pubblici della Giunta guidata dal sindaco Nicola Ottaviani – Ovviamente la situazione la conoscevamo perfettamente. Sottolineo che circa un mese fa abbiamo avviato tutte le procedure inerenti i lavori che riguarderanno le rotonde in questione”. Saranno due i canali di (…)

GLI ARTICOLI COMPLETI LI TROVI NEL QUOTIDIANO IN EDICOLA

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright