Dieci righe e il resto in edicola

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

Ciociaria Oggi K2

I profughi tornano… profughi
Cassino Prima l’ordinanza di sgombero dalla struttura di via Arigni, poi il trasferimento dei quaranta immigrati a Pastena. L’amministrazione vuole maggiore collaborazione dal prefetto. E un aquinate racconta i viaggi della speranza: «Così li salviamo»

I profughi non trovano pace. Sono arrivati nel primo pomeriggio a Cassino sperando di aver trovato finalmente una collocazione. E, invece, in via Arigni nell’ex sede della polizia stradale è arrivata anche l’amministrazione comunale che ha firmato un’ordinanza di sgombero: non c’erano le condizioni igienico sanitarie. Così i quaranta immigrati hanno dormito in una struttura lungo via Ausonia e nel tardo pomeriggio di ieri sono stati trasferiti nella sala conferenza del comune di Pastena, grazie alla disponibilità del sindaco Arturo Gnesi. Ma in città si scatenano le reazioni e l’amministrazione chiede maggiore collaborazione al prefetto. Intanto l’aquinate Gervasio, capitano di prima classe della Guardia Costiera, è imbarcato sulla nave norvegese che la scorsa notte ha salvato 810 migranti durante l’operazione Triton dell’agenzia Europea Frontex.

 

Lo scatto di Cristofari
Elezioni Il presidente dei medici: «Il collante fra le varie “anime” può essere solo il programma» Poi dice: «Le primarie del centrosinistra siano inclusive. Per vincere non basta la popolarità»

Un punto fermo è stato fissato: la coalizione la costruirà il vincitore delle primarie che il Partito Democratico e il centrosinistra effettueranno il 30 ottobre prossimo, per scegliere il candidato sindaco. Con una regola alla quale nessuno potrà derogare se intende partecipare alle primarie: rimanere nel centrosinistra, a sostegno dello sfidante di Nicola Ottaviani. La cornice politica è questa. Strategie e ostacoli I candidati a sindaco che al momento parteciperebbero alle pri- marie sono tre: il segretario cittadino del Pd Norberto Venturi, il consigliere comunale Angelo Pizzutelli e Fabrizio Cristofari, presidente dell’ordine provinciale dei medici. Bisogna tener presente che il Partito Socialista ha (…)

 

Ottaviani, Camera con vista
Il fatto Il sindaco di Frosinone in piena corsa per una candidatura alle politiche con Forza Italia. Già avviati dei contatti. Parteciperebbe comunque alle comunali, per poi decidere il da farsi. E ora le primarie riguardano anche il… successore

Una candidatura alla Camera, con prospettive di incarichi governativi (sottosegretario) nel caso Forza Italia dovesse vincere le prossime elezioni parlamentari. Non si tratta di fantapolitica, ma dello scenario con il quale il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani dovrà fare i conti nelle prossime settimane. Il contesto è il seguente: se alla fine vinceranno i sì, allora il governo di Matteo Renzi arriverà alla scadenza naturale, il 2018. Ma anche nel caso prevalessero i no, non è scontato che si vada alle urne subito (ammesso che il premier si dimetta). Più probabile la formazione di un esecutivo di unità nazionale che abbia il compito di cambiare la legge elettorale. In tal caso al voto si (…)

L’ARTICOLO COMPLETO LO TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DOMANI OPPURE PUOI COMPRARE DA QUI UN EDIZIONE DIGITALE A 1€ A PARTIRE DALLE ORE 6

 

Provincia K2

Strade insanguinate
Feriti gravemente due giovani di Alatri e Sora entrambi elitrasportati a Roma. E nella giornata di ieri si sono verificati incidenti anche a Isola Liri e Arpino

Una ragazza di Alatri ed un ragazzo di Sora sono ricoverati entrambi in prognosi riservata al Policlinico Umberto I di Roma. Negli impatti i due giovanissimi han- no riportato politraumi. Nel primo sinistro, in località Mole Bisleti, sono stati coinvolti un’auto e uno scooter, nel secondo avvenuto a Broccostella, due macchine ed un furgone. Incidenti stradali nella giornata di ieri anche a Isola Liri ed Arpino con tre feriti.
L’ARTICOLO COMPLETO LO TROVI NEL GIORNALE IN EDICOLA

 

Il Tempo K2

SuperDraghi versus Renzi
di Luigi Bisignani

Caro direttore, uno era già lì, l’altra ce l’ha messa e se n’è pentito. Mario Draghi e Federica Mogherini, i due italiani con le posizioni più importanti in Europa, non aiutano Renzi a sbrogliare quella matassa finanziaria-politica-diplomatica di cui da solo proprio non trova il bandolo. Un «triangolo delle Bermuda» rappresentato da Francoforte-Tripoli-Ankara per sorvolare il quale occorre esperienza. A Francoforte Super- Mario neanche prova a contenere i tedeschi, che controllano militarmente il nuovo meccanismo di vigilanza unica e sono decisi a non mollare di un millimetro sui salvataggi bancari. E nel pieno della tempesta Monte Paschi ha inviato una lettera

L’ARTICOLO COMPLETO LO TROVI NEL GIORNALE IN EDICOLA

 

 

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright