Dieci righe e il resto in edicola (martedì 23 VIII 2016)

Ciociaria Oggi K2
Il rilancio nella fiaccola olimpica
Il sindaco di Frosinone spinge sulla possibilità di organizzare i giochi nei territori del Lazio. Il presidente della Provincia si dice d’accordo ma boccia le provocazioni. Schietroma punta sulla proposta Prodi

Se per qualcuno può apparire come una provocazione, per il sindaco Ottaviani quella delle olimpiadi è un’occasione che non va sprecata. Il primo cittadino di Frosinone continua a spingere sull’acceleratore. All’appello si uniscono anche il presidente della Provincia Antonio Pompeo e il leader dei socialisti Gian Franco Schietroma. Anche loro sono conviti che i Giochi del 2024 rappresentino un treno da non perdere. Entrambi, però, ritengono che le dichiarazioni del primo cittadino del capoluogo siano strumentali. Non intende commentare Damiano Coletta, sindaco di Latina. Ritiene che le parole del suo collega ciociaro equivalgano ad una boutade. Ma da uno studio dell’associazione degli industriali emerge che la manifestazione a cinque cerchi potrebbe creare 177.000 nuovi posti di lavoro e un boom del pil.

Usurai con le spalle al muro
Un imprenditore del Cassinate finisce nelle mani degli strozzini a causa della crisi. Poi la denuncia e la salvezza. Tanti i casi che arrivano allo sportello dell’associazione “Terra di lavoro per la legalità”: uscire dal giro è possibile.

Un imprenditore in crisi che chiede un prestito a persone sbagliate, famiglie in sovraindebitamento a un passo dal baratro. Le storie che arrivano allo sportello dell’associazione “Terra di lavoro per la legalità” descrivono un Cassinate in forte difficoltà. Con il 33% dei nuclei familiari a rischio. Ma allo stesso tempo offrono una speranza, data dagli stessi esempi di vittime coraggiose che denunciano i loro “carnefici” e spezzano le catene della nuova schiavitù. La storia dell’imprenditore cassinate prima vittima di estorsione, poi di usura, fa riflettere. Le difficoltà ancora da affrontare per riprendere in mano la sua vita e ripartire sono tante, ma di certo è finalmente un uomo libero. L’associazione di Bruno Vacca serve a questo: a tendere una mano per poter venire fuori dal tunnel. Formazione e prevenzione sono i primi strumenti per farlo.

L’ARTICOLO COMPLETO LO TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DOMANI OPPURE PUOI SCARICARE DA QUI LA APP PER TUTTI I SERVIZI DI CIOCIARIA OGGI

Provincia K2

Legato al tir per entrare in Italia
Il camion è stato fermato sull’Autosole dagli agenti della Polizia Stradale. Il giovane, un clandestino, ha viaggiato aggrappato ad un semiasse.

Si è nascosto sul semiasse del rimorchio di un tir ed è riuscito ad introdursi clandestinamente nel nostro paese. Il camion è stato fermato dagli agenti della Polizia Stradale della Sottosezione A1 di Frosinone ieri pomeriggio in territorio di Ferentino. Il tir viaggiava verso nord. Sia gli autisti che il giovane sono stati immediatamente accompagnati in Caserma per gli accertamenti di rito.

Uffici provinciali… sulla graticola
Grigliate e cocomerate sul terrazzo della sede di Cassino, esposto in Procura

Pare ci sia il fumo, ora bisogna capire se c’è anche l’arrosto.
Dopo l’orario di chiusura degli uffici e soprattutto nelle ore serali, all’interno dell’immobile che, a San Bartolomeo, ospita la nuova sede decentrata della Provincia di Frosinone si svolgerebbero ricche grigliate, braciolate e cocomerate. Il tutto avverrebbe su uno spazio interno, un terrazzo, su cui si affacciano gli stessi uffici.
La vicenda è finita all’attenzione della procura della repubblica della Città martire dopo la presentazione di un esposto da parte di alcuni cittadini che hanno voluto segnalare alla magistratura quanto parrebbe essere accaduto già diverse volte in quell’area.

GLI ARTICOLI COMPLETI LI PUOI LEGGERE NELL’EDIZIONE IN EDICOLA

Inchiesta K2

Spirito olimpico
Frosinone e Ciociaria esposti a pubblico ludibrio ed ironia sui social dopo le dichiarazioni del sindaco sui Giochi nei quattro capoluoghi laziali

Cinque minuti di celebrità sui giornali nazionali per Ottaviani, il boomerang del pubblico ludibrio per Frosinone e la Ciociaria. E’ il risultato della sortita del sindaco a proposito delle Olimpiadi del 2024. La sortita di Ottaviani.
In una nota diffusa domenica Ottaviani sottolineava: «Se il sindaco di Roma dovesse insistere nella contrarietà rispetto al progetto delle Olimpiadi 2024 pur rispettando le opinioni della Raggi, credo che quattro città capoluogo del Lazio e la stessa provincia romana abbiano non solo il diritto, ma anche il dovere, di surrogarsi in quella che rappresenta un’opportunità unica per l’intero Paese. Se è vero, infatti, che le Olimpiadi vengono assegnate (…)

Pd, primariea forte rischio: la percentuale che si facciano é ora scesa al 50 per cento
Settembre mese cruciale. Angelo Pizzutelli: «Per vincere il Pd deve essere unito e forte: si deve voltare pagina»

In queste settimane la strada che avrebbe dovuto portare alle primarie a fine ottobre si è fatta più complicata. Si sta ragionando attorno alla possibilità di una sintesi fra le proposte in campo. Rispetto a qualche settimana fa le carte si sono rimescolate e di certo non c’è più nulla. Pare che le percentuali fra la possibilità di svolgere le primarie e la strada che porta a una convergenza su un unico candidato siano alla pari: 50 e 50. Settembre sarà il mese decisivo per scegliere una delle due strade, con le primarie che non sembrano più una via obbligata. Lo stesso Pizzutelli, incalzato sul punto, ammette: «Le primarie non si fanno solo per il gusto di farle. La priorità è che il Pd sia unito». Se le primarie si dovessero fare, comunque, sembra che si troverà una sintesi fra almeno due candidature.

GLI ARTICOLI COMPLETI LI PUOI LEGGERE NELL’EDIZIONE IN EDICOLA

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright