Dieci righe e il resto in edicola (sabato 20 VIII 2016)

Ciociaria Oggi K2

Braccio di ferro sui profughi
Trasferiti in altri centri della provincia dieci richiedenti asilo. A Giuliano di Roma ne restano trentuno La presidente di Integra Klodiana Cuka assicura: tutto in regola, rimaniamo qui. Ieri sera la diretta tv di Rete 4

La Prefettura ha trasferito in altri centri di accoglienza della provincia dieci dei quarantuno profughi africani e asiatici ospitati in un ex agriturismo a Giuliano di Roma dopo essere stati “sfrattati” da Cassino e alloggiati provvisoriamente a Pastena. Ora nel centro di via Casali gestito dall’associazione Integra Onlus restano trentuno richiedenti asolo, tutti giovani. Il sindaco Adriano Lampazzi, pressato da molti cittadini e dall’opposizione, prepara una diffida di sgombero della struttura per motivi igienico-sanitari ma la onlus non molla. La presidente Klodiana Cuka ribadisce che la struttura di Giuliano di Roma è idonea ad ospitare gli immigrati e che l’associazione non ha intenzione di trasferire altrove gli ospiti. Intanto ieri sera il caso è stato protagonista di una diretta televisiva di Rete 4 da Giuliano di Roma.

Birra dell’Abbazia, ok del Cosilam
Albaneta Farm Il presidente del Consorzio Industriale Pietro Zola interviene sulla vicenda che sta creando molto scalpore in città «Non conosco il progetto ma i recuperi di marketing per elaborazioni di brand possono avere una ricaduta positiva sul territorio»

Una birra targata Montecassino? Perchè no! Il presidente del Consorzio di Sviluppo del Lazio Meridionale non boccia l’iniziativa, anzi appare propenso alla valorizzazione del brand. Ma Pietro Zola, al momento, parla però a titolo personale perchè come ammette lui stesso «sul progetto di Albaneta Farm e quindi del birrificio che dovrebbe sorgere nella zona industriale, non ci siamo mai confrontati in Cda». Anzi, aggiunge il presidente del Cosilam: «Al momento non conosciamo affatto il progetto». Un progetto, quello di Albaneta Farm, che sarà reso noto solo a fine settembre, ma dalle anticipazioni filtrate sta già facendo discutere e dividere la comunità in fa- zioni politiche: favorevole il centrodestra e molti imprenditori, contrari gli ambientalisti, il centrosinistra e tanti fedeli. Fuori dagli schemi l’architetto di fama Giacomo Bianchi che è stato chiamato (…)

L’ARTICOLO COMPLETO LO TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DOMANI OPPURE PUOI SCARICARE DA QUI LA APP PER TUTTI I SERVIZI DI CIOCIARIA OGGI

Provincia K2

I campetti ai privati
Pubblicato l’avviso per l’assegnazione degli impianti sportivi di Corso Lazio. Il concessionario verserà un canone al Comune e potrà gestire punto ristoro

Gli impianti sportivi di Corso Lazio saranno affidati a privati, ma il Comune impone prezzi ‘calmierati’ per i residenti e le squadre di calcio. Il gestore dovrà versare un canone annuo al Municipio ma potrà aprire attività commerciali all’interno della struttura. L’impianto è attualmente affidato, in via temporanea, al Frosinone Calcio, proprio in attesa dello svolgimento del bando d’assegnazione che è stato pubblicato ieri.

Cosilam, Mosillo lascia
Il vice presidente fa sapere che a settembre rinuncerà all’incarico. Resterà in consiglio comunale e attacca di nuovo Petrarcone

Francesco Mosillo resterà in Consiglio comunale a Cassino. Alla comoda e ben indennizzata poltrona di vice presidente del Cosilam, preferirà lo scranno un po’ scomodo e con i soli gettoni di presenza della sala Di Biasio. Una scelta dalla chiara valenza politica che denota grande rispetto per tutti i cittadini di Cassino che lo scorso 5 giugno, nonostante la giovane età e la prima esperienza elettorale, gli hanno accordato migliaia di voti.

GLI ARTICOLI COMPLETI LI TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright