E’ la stampa, bellezza (i titoli di mercoledì 8 II 2017)

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Al prete le foto del tradimento
Frosinone. Fa seguire la moglie da un’agenzia di investigatori privati e poi invia audio e video di lei con l’amante. Imprenditore finisce a giudizio per diffamazione aggravata: tra i primi testi da sentire c’è proprio il sacerdote

SINTESI
Ingaggia un’agenzia di investigazioni private per pedinare la moglie, convinto del tradimento di lei. Una volta ottenuta conferma dei sospetti, invia video e foto compromettenti agli amici. Tra questi c’è anche il prete che avverte la donna e che ora dovrà essere sentito in tribunale come testimone. Dopo la denuncia della donna l’uomo, infatti, è finito sotto processo per il reato di diffamazione aggravata. Nei confronti di G.S., 35 anni, imprenditore frusinate, originario di Ceccano, ieri mattina, davanti al giudice monocratico, si è aperto il processo.

 

«Sono il figlio del prete»
È un ex funzionario di banca a dichiarare di essere il frutto dell’amore tra la perpetua e monsignor Bergantino E per dimostrarlo è riuscito a ottenere la riesumazione della salma del parroco originario di Castelnuovo Parano

SINTESI *
Sarà riesumata il 20 febbraio prossimo la salma di monsignor Raffaele Bergantino, morto 11 anni fa. A chiedere e ottenere la sua riesumazione – dopo una lunga battaglia legale – è stato un ex funzionario di banca che dichiara di essere suo figlio naturale, nato dall’amore del parroco (originario di Castelnuovo Parano) e della perpetua. Una storia appassionante, quella in cui sarebbe maturata la vicenda giudiziaria.

 

L’opposizione chiede la testa del sindaco

Cassino. L’inchiesta sui profughi coinvolge nomi eccellenti, anche nella casa comunale. Il centrosinistra va all’attacco
Per il gruppo di Petrarcone ora D’Alessandro è delegittimato. E invita alle dimissioni pure i due consiglieri indagati

 

Caligiore caccia i tre “ribelli”

La resa dei conti. Ieri pomeriggio lo strappo definitivo con Aversa, Roma e Malizia che escono dalla maggioranza. I consiglieri chiedono la presidenza dell’assise ma il sindaco non cede al “ricatto”. E ora passano all’opposizione

 

Centrosinistra allo specchio

Frosinone. Entro la fine della settimana la decisione dei Socialisti sulla proposta di accordo di Cristofari. I Democrat intanto riuniscono il direttivo. Non si allentano le tensioni con Michele Marini e Norberto Venturi. Il segretario Simone Costanzo riunisce la sua area, L’asse con De Angelis scricchiola. Vertice di Forza Italia. Con Ottaviani c’è la Mandarelli

 

Contro il Carpi un Frosinone con la rosa al gran completo

Tutti i calciatori canarini a completa disposizione di Pasquale Marino in vista della gara di sabato pomeriggio contro gli emiliani

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Filiberto Passananti)

Torna la banda della spaccata
I malviventi hanno colpito al Bar Gigi di Ceccano. Nel bottino gratta e vinci e liquori. Secondo una prima ricostruzione avrebbero agito in quattro e tutti con il volto coperto

SINTESI
Furto nella notte tra lunedì e martedì al bar tabaccheria ristorante “Gigi” in via Giacomo Matteotti a Ceccano. Il fatto si sarebbe con- sumato intorno alle 3. I malviventi avrebbero sfondato la saracinesca del locale con un furgone per poi introdursi all’interno rubando gratta e vinci e altri articoli di consumo. I rumori provocati dai ladri avrebbero svegliato un parente dei proprietari dell’attività commerciale che si è portato sul posto per capire che cosa stesse accadendo.

 

«Il sindaco D’Alessandro si deve dimettere»

Sul caso migranti la minoranza di Petrarcone attacca a testa bassa. È lecito costituire società tra partiti contrapposti. Ma ora abbiamo le prove che i Mosillo e i Secondino erano legati. Quindi il dato di fatto è che erano soci. Lo scopo della cooperativa erano i servizi socio sanitari.

 

«Vorrei rivedere le mie 11 bimbe»

Veroli. Adelina racconta il suo sogno da ex balia. Una storia in chiaroscuro quello delle balie verolane. E’ una trama di distacchi familiari laceranti e di aneddoti colorati, di album fotografici color seppia e di darwinismo sociale.

 

Rischio sismico in Ciociaria. Parla l’esperto

Intervista al dottor Mascetti del Consiglio Nazionale Geologi. “Le zone in cui storicamente possono avvenire eventi sismici riguardano i Monti Simbruini e della Marsica”. Dopo la progressione del terremoto da Nord Ovest a Sud Est anche nel Frusinate cresce la paura. La provincia di Frosinone è stata interessata da uno dei più violenti eventi sismici appenninici conosciuti: il terremoto del 9 settembre 1349.

 

Tenta la rapina a pugni

Cassino. Indagine serrate della Polizia per provare e beccare l’aggressore. A un 54 enne non è restato altro che farsi refertare e sporgere denuncia in Commissariato descrivendo un giovane di colore

 

Sabato arriva il Carpi, scocca l’ora di Terranova

Calcio Serie B. Doppia seduta a Ferentino e prime prove tattiche in vista del match al Matusa. La sfida al Francioni è ormai alle spalle. Nella testa dei protagonisti restano le immagini del trionfo

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

«Quel sacerdote era mio padre»
Causa di riconoscimento di paternità scuote il sud pontino: il 20 verrà riesumata la salma del prelato del Cassinate per eseguire l’esame del dna chiesto dal presunto figlio

SINTESI
Ha chiesto la riesumazione di colui che considera suo padre naturale. Una storia che potrebbe essere quasi ordinaria se non fosse per il fatto che il genitore in questione è, in realtà, un prete. È quanto accaduto nella tranquilla frazione di Tremensuoli, dove un 65enne, ex funzionario di banca di Minturno, sposato, con una figlia e nonno di due nipotini, sta portando avanti una battaglia legale da anni. Il sacerdote, Don Raffaele Bergantino, originario di Castelnuovo Parano, nel cassinate, Monsignore prelato d’onore di Sua Santità, è morto all’età di 89 anni il 20 ottobre 2006 nella casa dei familiari sita in Via Grotte presso il Parco Mariens a Tremensuoli dove era giunto subito dopo l’ultima guerra per diventareun punto di riferimento per diverse generazioni e insegnante di religione presso il Liceo classico “Vitruvio Pollione” di Formia.

 

Inchiesta sui profughi, la minoranza attacca: «È una grana politica»

Petrarcone chiede le dimissioni del presidente del Consiglio comunale Secondino, del sindaco e di Mosillo dal Cosilam
 

Stadio: ora si parte con il montaggio delle altre tribune

Si inizieranno a installare le gradinate ai quattro angoli dell’impianto per portare la capienza a 16 mila spettatori
 

A processo per i video hot sulla ex

Il materiale a luci rosse raccolto da un investigatore privato ingaggiato dal marito che poi lo ha mostrato a parenti e amici. L’uomo accusato di diffamazione: nella prossima udienza
sarà ascoltato un prete citato come testimone dalla donna
 

Frosinone, un mese di fuoco per la A

Contro il Carpi sabato prossimo al Matusa, per il Frosinone si apriràun mese di fuoco che potrà dire molto sul suo camminoin termini di promozione diretta in Serie A.

 

 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Equitalia espugna il Francioni
Latina Calcio Altra grana con l’eredità lasciata da Maietta: i vecchi debiti bussano alla porta dei nuovi soci della Ies. Pignoramento per 520.000 euro: l’ufficiale giudiziario mette le mani sul contratto di cessione di Luigi Scaglia

SINTESI
Non c’è pace per il Latina Calcio. L’ufficiale giudiziario ha pi- gnorato 520mila euro, sono i soldi del contratto per la cessione del calciatore Luigi Scaglia al Parma, venduto nelle ultime ore del mercato. A riscuotere il corrispettivo del contratto non sarà la Ies, ma Equitalia, che girerà il denaro al creditore di turno. Ma 450 mila euro non sono sufficienti per arrivare all’importo indicato nell’atto di pignoramento e l’ufficiale giudiziario ha chiesto ai rappresentanti della società di poter mettere sotto chiave anche del materiale tecnico, perfino le maglie dei calciatori, pur di arrivare al traguardo dei 520mila euro. Ma ha prevalso il buonsenso: divise, scarpe e palloni sono rimasti al loro posto, a disposizione della squadra.

 

Nuova tegola per Forlenza

Respinta dal Gip la richiesta di archiviazione per l’inchiesta Mafia Capitale e M5S attacca l’assessora Ciccarelli: «Aveva detto che suo marito era stato prosciolto, deve chiarire»
 

Un mutuo insostenibile dietro al suicidio

Latina. Gestiva un’attività commerciale nella periferia di Sabaudia, ma viveva una situazione finanziaria difficile. Marco B., 43 anni, aveva cercato di rinegoziare il proprio debito prima di maturare l’estremo gesto
 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

Non lascia. Raddoppia
La sindaca resiste, rilancia e delira parlando di 91 problemi risolti per la Capitale ma i pm la indagano un’altra volta: per la nomina di Romeo (quello della polizza)

 

L’eredità del premier Monti
Chi ha i Btp ora trema Lo Stato se li può tenere

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Le Forze armate finiscono in mano a giudici e Pd
Cambia tutto: chi gestisce fondi e scelte sarà un civile. In lizza anche la Finocchiaro

 

Banche, blindati i nomi degli insolventi
E intanto il governo sborsa 97 milioni di euro per il golf

 

 

verita

La Verità 
(direttore Maurizio Belpietro)

Asse Napolitano-Bazoli-Scaroni per tenersi il controllo dell’Eni
«Renzi vuole una donna a capo dell’energia». L’amministratore delegato uscente e il banchiere indagato si attivano con l’allora presidente della Repubblica. Alla fine viene nominato Descalzi

 

Il boss Rai del Festival tentò di ricattare Berlusconi
Ciarnò, indagato per corruzione, chiedeva una promozione in cambio del silenzio su Noemi. Sequestrate due lettere

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright