E’ la stampa, bellezza (i titoli di giovedì 5 I 2017)

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

I profughi? Ve li dovete prendere
Il ministero dell’Interno invia una lettera al prefetto per la distribuzione nei 91 comuni della Ciociaria. Si sollecita la ripartizione della quota stabilita con l’Anci: 2,5 ogni mille abitanti. Si attende la riunione operativa

SINTESI * La lettera del Viminale è chiara. È la soluzione per evitare le rivolte. Ma anche quella per favorire l’integrazione. L’obiettivo del ministro Minniti è quello di evitare una grossa concentrazione di richiedenti asilo in un solo comune. La missiva è sul tavolo del prefetto di Frosinone.
Il pilastro nel nuovo piano d’accoglienza è l’adesione all’accordo siglato con l’Anci che prevede una ripartizione di 2,5 migranti per ogni mille abitanti. La dottoressa Emilia Zarrilli, che ha sempre preferito la condivisione all’imposizione, attende solamente la riunione fissata per il 16 gennaio con tutti gli altri ufficiali di governo italiani. Poi dovrà inviare ai primi cittadini le direttive governative. Chi non si adeguerà, stando ai rumors ministeriali, rischia il sequestro delle strutture pubbliche per favorire l’accoglienza.

Profugo “gigolò” a caccia di donne
Cassino. Nigeriano di 32 anni girava in centro con due volantini e offriva prestazioni sessuali alle signore
Si dichiarava disposto a tutto, dietro compenso. La polizia lo intercetta e lo rispedisce nella casa di accoglienza

 

Gli accordi dei clan si fanno nei bar
Cronaca Le rivelazioni nelle intercettazioni dell’imprenditore del pane Giovanni Morico mentre raggiungeva Cassino. Gli affari della camorra si discutono nei locali della città: dati confermati anche dai pentiti nel processo “Giada”

 

Faccia a faccia Cristofari-Marini
Frosinone. Lungo colloquio per fare il punto della situazione in vista della prossima campagna elettorale. Le distanze restano, ma a questo punto entrambi chiedono al Partito Democratico di sbloccare la situazione

 

Provincia delle mie brame. Tutti i partiti allo specchio
Elezioni Telefonate, messaggi, manovre, retroscena: nessuno può perdere

 

Krajnc ha chiuso il poker di rinforzi per il Frosinone. Adesso le cessioni
Il punto Dopo Maiello, Mokulu e Fiamozzi il diesse Marco Giannitti ha messo a punto anche la trattativa con il difensore ex Cesena Primi a lasciare il club ciociaro saranno Gucher, Bertoncini e Cocco

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Filiberto Passananti)

Frosinone scatenato
Arrivano Fiamozzi, Maiello e Mokulu. Si lavora per un altro difensore. Oggi in città Hagmayr procuratore di Gucher. Bertoncini-Trapani trattativa saltata

SINTESI * Quattro nuovi innesti per Pasquale Marino. Passo dopo passo il Frosinone sta completando la propria mini rivoluzione di gennaio. Tre affari sono stati praticamente già conclusi. In difesa Riccardo Fiamozzi ha definitivamente superato e battuto la concorrenza di Luca Bittante. Sarà l’ex Varese il nuovo terzino del Frosinone. Ieri la società giallazzurra ha limato gli ultimi dettagli contrattuali con Mario Giuffredi. A centrocampo resta da definire con il Napoli l’operazione Raffele Maiello.

L’ultimo commosso saluto a Matteo Onorati
Boville Ernica. In migliaia ai funerali del giovane di Santa Liberata morto in un incidente stradale. Il parroco ai giovani presenti in chiesa: “Non sprecate la vita. Essa è un dono di Dio”

 

Scabbia al Centro degli immigrati
Sora. Accertato almeno un caso, si muovono Comune, Asl e Cooperativa nell’ex distaccamento dei pompieri che accoglie 41 profughi. Potrebbe non essere l’unico. L’assessore Di Ruscio: «Già attivate tutte le procedure». Si muove l’Ufficio Igiene della Asl, altre verifiche in corso

 

Cosilam cerca tre milioni per realizzare cinque opere
Cassino. Economia. Il Consiglio di amministrazione ha ratificato due determine adottare dal presidente Pietro Zola. Con la prima è stato chiesto alla Banca Popolare del Frusinate l’apertura di una linea di credito di un milione e 374mila euro. Con la seconda l’apertura della linea di credito è stata chiesta alla Banca Popolare del Cassinate per un milione e 914mila euro.

 

Elezioni provinciali Rifondazione Comunista non farà parte del gioco
Frosinone. L’8 gennaio al voto per il rinnovo del Consiglio. Conferenza stampa ieri mattina del Partito di Rifondazione Comunista. “I cittadini con questa legge non hanno la possibilità di eleggere il proprio rappresentante in consiglio”

 

Selfie con il porco
Gallinaro. In piazza un maiale fuggito. Curiosa scena in paese, l’animale scappa dalla stalla in un periodo ‘sospetto’. Raffica di selfie

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

Smog, ora controlli sulle caldaie
Frosinone superata da Torino nella graduatoria delle città più inquinate. Il Comune
avvia le verifiche a tappeto sugli impianti di riscaldamento. Da lunedì le targhe alterne

SINTESI * Smog, Frosinone seconda in Italia, scalzata da Torino nella classifica delle città più inquinate d’Italia. Infatti nella tradizionale classifica elaborata da Legambiente a inizio anno sulla base dei dati Arpa di rilevazione delle polveri sottili, al primo posto c’è il capoluogo piemontese con 86 giornate, nel corso dell’anno, in cui i limiti di emissione sono stati superati (il numero massimo consentito è di 35 giorni all’anno con concentrazioni superiori ai 50 microgrammi al metro cubo, ndr). Dunque subito dopo Torino c’è Frosinone con 85 giornate. Seguono poi le altre, tutte grandi città come Milano e Venezia (73), Vicenza (71), Padova e Treviso (68). Per Frosinone si tratta di un miglioramento rispetto allo scorso anno (2015), quando i giorni di sforamento furono 115 e il capoluogo, per il secondo anno consecutivo risultò essere il più inquinato d’Italia. Ma certo, c’è ancora molto da fare. Intanto il Comuneha deciso di avviare controlli a tappeto sulle caldaie civili e industriali che inciderebbero per il 40-45 per cento sui livelli complessivi dello smog. Da lunedì in arrivo le targhe alterne.
 

Scabbia, nuovo caso nel centro di accoglienza
Colpito un richiedente asilo ospitato a Sora. La coop ha fatto subito bonificare i locali dell’ex caserma dei vigili del fuoco. Il Ministero: «È una malattia che non preoccupa». Il Viminale sollecita le prefetture: non più di 3 richiedenti asilo ogni mille abitanti

 

Provinciali, Prc e M5S fuori dalla partita
Il Partito Comunista e il movimento pentastellato: «Queste elezioni non riguardano i cittadini»

 

Va a caccia e muore La tragedia nei boschi di Varico Alto
Elio Ciasco, 48 anni, è stato stroncato da un infarto. La scoperta degli amici con cui era uscito per una battuta al cinghiale

 

Migrante offre sesso a pagamento
L’annuncio hot esposto mentre faceva l’elemosina. Allontanato dalla polizia

 

Frosinone, pronti i primi tre colpi
I primi colpi del Frosinone sembrano ormai imminenti, mancherebbe soltanto l’annuncio. Per mister Marino sono in arrivo Mokulu, Fiamozzi e Maiello

 

 
 

 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Olimpia resiste sul Francioni
I giudici romani smontano le ipotesi di associazione per delinquere sull’urbanistica e sugli appalti senza gara. I rapporti tra il Comune e il Latina Calcio erano gestiti da un sodalizio criminale guidato da Maietta e Di Giorgi

SINTESI * Non è tutto da buttare l’ im – pianto accusatorio dell’ inchiesta denominata Olimpia, che prefigurava l’ esistenza di tre distinte associazioni per delinquere rispettivamente dedite all’ assegnazione di lavori pubblici senza gara, alle forzature in materia urbanistica e alla illecita autorizzazione di benefit e vantaggi economici alla società sportiva Latina Calcio. Nelle motivazioni dell’ ordinan – za con cui è stato annullato il provvedimento di custodia cautelare emesso contro sedici persone, i giudici romani spiegano perché hanno bocciato le prime due ipotesi e riconosciuto invece la sussistenza del sodalizio che vedeva coinvolti l’ onorevole Maietta e l’ ex sindaco Di Giorgi insieme a Monti e Deodato.

Asl, in seicento a rischio
Caos per la stabilizzazione dei precari assunti negli ultimi 10 anni senza bando
e senza i requisiti per il tempo indeterminato. L’azienda e la Regione a caccia di soluzioni

 

Morta dopo il by-pass: 25 indagati
Il caso Gli svilupp dell’inchiesta sul decesso di Sara Roncucci, sottoposta ad un intervento chirurgico per dimagrire. Medici e infermieri che hanno avuto in cura la donna tra Siena, Latina e Bergamo accusati di omicidio colposo

 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

Dall’Etiopia in poi 200 miliardi di tasse in più
Campagne d’Africa, guerre finite, vecchi terremoti e alluvioni Ecco quanto (ancora) spendiamo con le accise sulla benzina

 

Incarichi d’oro e trombati Pd È casta Lazio
Tutte le spese della Regione. La Casta trova un posto in Regione Lazio. Consulenze esterne da record, con 8 milioni spesi per 34 dirigenti, manager raddoppiati e incarichi ai «trombati» del Pd.

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Paghiamo un miliardo per farci invadere
L’accoglienza è in mano alle cooperative: costa molto ed è indecente Ora se ne accorgono tutti: espellere gli irregolari

 

In 5 anni abbiamo perso 50 anni
L’Italia è tornata in deflazione: non succedeva dal 1959

 

 

verita

La Verità
(direttore Maurizio Belpietro)

L’Italia è in fiamme e Gentiloni va a sciare
Mentre accadevano i fatti di Conetta, il premier era all’Alpe di Siusi A Roma ha lasciato il prefetto Morcone, che vuol aprire le porte a tutti

 

Consumi fermi, l’Italia è la grande malata d’Europa
Tutto il 2016 in deflazione: non succedeva dal 1959. È il risultato di tre anni di annunci e di politica fallimentare

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright