E’ la stampa, bellezza (i titoli di mercoledì 25 I 2017)

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Una vita distrutta dagli abusi
Ferentino Processo al patrigno accusato di violenza sessuale nei confronti della figlia della compagna. La testimonianza della consulente: la ragazza è stata convinta a denunciare soltanto dopo la nascita del figlio

SINTESI
Un’ esistenza rovinata dagli abusi subiti dal patrigno da quando aveva l’ età di otto fino a diciassette anni. È quanto ha ricostruito in aula la consulente del pubblico ministero nel processo a carico di un ferentinate accusato di violenza sessuale, ma anche di maltrattamenti in famiglia. La consulente, sollecitata dal pm Barbara Trotta, ha riferito anche la storia clinica della ragazza. Ha rimarcato il fatto che, a seguito degli abusi, culminati in vere e proprie violenze sessuali quando la ragazza è diventata più grande al punto da rimanere incinta dello stesso patrigno, la vittima ha avuto una nevrosi. La consulente ha ritenuto affidabile il racconto offerto dalla ragazza, ma ha spiegato che il processo è stato particolarmente complesso. Lei non voleva denunciare. Fu convinta a farlo solo dal ragazzo e solo dopo che rimase incinta. Il fidanzato chiese l’ esame del Dna e capì che il bimbo era il frutto della violenza. Da lì la richiesta alla ragazza di sottoscrivere una denuncia. Poi recapitata dal fidanzato. All’ epoca il patrigno venne anche arrestato.

 

Donne pusher fanno carriera

L’inchiesta Sempre più casalinghe e mamme insospettabili di Cassino tra una torta e una messa in piega smerciano stupefacenti. E quando i mariti finiscono in carcere si occupano degli affari di famiglia. Ma funziona soltanto se c’è fedeltà coniugale

 

Ora il Pd corre ai ripari

Verso le elezioni Francesco De Angelis perentorio: «Il candidato sindaco è Cristofari. Punto». Si lavora per organizzare un summit decisivo alla presenza del Governatore Nicola Zingaretti. Centrodestra, Franco Lunghi potrebbe non ripresentarsi

 

National Geographic al lavoro nel Cassinate

La novità Immagini inedite grazie all’associazione “Linea Gustav”

 

Multisala, Cassino in “bianco e nero”

Nonostante i tanti ragazzi e l’Università in casa, non ci sono adeguati spazi ricreativi e associativi. Il 49,3% dei giovani insoddisfatto dei servizi offerti. Scarse le soluzioni mentre non mancano le polemiche

 

Al di là delle assenze per il Frosinone esiste solo la vittoria/

Contro il Brescia assenti Maiello, Dionisi, Brighenti e Paganini. Ma i canarini hanno ugualmente le carte in regola per tornare al successo

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Filiberto Passananti)

La staffetta della cocaina
Due ciociari arrestati nell’operazione “Stammer” della Guardia di Finanza. Accusati di favorire l’arrivo a Frosinone di due chilogrammi di stupefacente

SINTESI
A finire nei guai un trentacinquenne di Frosinone e un trentasettenne di Supino. Sono stati fermati nell’ambito dell’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro che ha scoperto una grande organizzazione per il traffico internazionale di sostanze stupefacenti. I due ciociari saranno interrogati domani mattina nel carcere del capoluogo ciociaro.

 

Donna salvata dall’inferno di neve

I volontari del Soccorso Alpino cassinati sono intervenuti sui monti del Teramano

 

Nel Centrosinistra è arrivato il momento di fare chiarezza

Elezioni. Francesco De Angelis potrebbe decidere di scendere in campo. Il leader dell’area maggioritaria del Partito Democratico, che sta muovendo i fili dietro le quinte, per una sua eventuale discesa in campo come candidato a Sindaco del Capoluogo Ciociaro

 

Manifesti elettorali abusivi Il Partito democratico non paga e va in Cassazione

Multa da 11.000 euro. In causa da 17 anni con il Comune. Le elezioni erano quelle del
2010 per la Regione Lazio. A sfidarsi per la presidenza c’erano Renata Polverini (centrodestra) e Emma Bonino (centrosinistra). Il Pd ha versato 1.000 euro. E ritiene di essere a posto, perché c’è la ‘sanatoria’ che i governi, dal 2006 al 2011, hanno prorogato per evitare che i partiti politici dovessero pagare ‘veramente’ le multe

 

Venerdì sera Frosinone-Brescia. Riunito il tavolo tecnico del Gos

Cronaca. Per l’anticipo di serie B. Si è tenuto il tavolo tecnico per l’anticipo di venerdì sera tra le rondinelle e il Frosinone. Attivate le solite procedure per la sicurezza dentro e fuori il Matusa. Cancelli aperti alle ore 18,30 Ribadita la necessità di avvicinarsi alla partita con largo anticipo

 

Cinque assenze, Frosinone in emergenza/

Venerdì sera l’anticipo con il Brescia senza Maiello, Dionisi, Gori, Brighenti e Paganini. Scelte di formazione obbligate per mister Marino. Rispetto a Chiavari tornano Crivello e Kragl

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

Arrestate le staffette della droga
‘Ndrangheta: maxi operazione della Finanza di Catanzaro culminata con 54 fermi. In carcere anche Aurelio Mandica di Frosinone e Massimiliano Bufalini di Supino. Sequestrati beni per 8 milioni

SINTESI
Ci sono anche due ciociari, Aurelio Mandica, 35enne originario di Messina e residente a Frosinone e Massimiliano Bufalini, 40 anni, residente a Supino tra i 54 arrestati ieri mattina dalla Guardia di Finanza di Catanzaro. Si tratta dell’operazione “Stammer” coordinata dalla Procura di Catanzaro, D.D.A., che ha visto coinvolto tutto il territorio nazionale e che si è conclusa con 54 arresti volti a neutralizzare una ramificata organizzazione vicino alla ‘ndrangheta, capace di pianificare l’importazione di 8 tonnellate di cocaina dal Sud America, in particolare dalla Colombia. Il ruolo dei due ciociari sarebbe stato quello di staffette, vere e proprie scorte. In pratica con le loro auto scortavano Tir ed altri mezzi pesanti con carichi di droga dai porti liguri fino in Calabria. Ma la loro posizione sarà chiarita oggi, nel corso degli interrogatori in programma nel carcere di via Cerreto, a Frosinone. In una occasione in particolare, durante un posto di blocco, i due sarebbero riusciti a fuggire prima che la Guardia di Finanza fermasse il carico. Ma dai riscontri, con le tecnologie Gps e diverse intercettazioni telefoniche con uno degli elementi di spicco dell’organizzazione, sarebbe emerso il loro coinvolgimento.

 

Assunzioni: niente vertice con il commissario Asl, i sindacati si infuriano

Proclamato lo stato di agitazione e inviata nota al prefetto. La replica: «Impegni urgenti, a breve una nuova riunione»

 

Treni ad alta velocità al palo per i pendolari: pressing sulla Regione

L’associazione «Roma-Cassino Express»: «Atteggiamento passivo e nessuna azione per dare vita al progetto»

 

Gioielleria svaligiata nella notte

Singolare coincidenza a Ceccano: poco prima era stata incendiata una pescheria

 

Frosinone, il nome nuovo è Mamic

Piace il terzino croato. Giallazzurri concentrati sul Brescia. Il Frosinone è già concentrato sulla sfida di venerdì (20,30) al Matusa contro il Brescia.Una sfida che i giallazzurri affronteranno in emergenza viste le assenze.

 

 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Il gip gela Cusani: stia in carcere
Inchiesta Tiberio. Venerdì si va al Riesame, ma intanto emergono elementi dalle dichiarazioni dell ’imprenditore Mauro Ferrazzano. Ieri pomeriggio è stata sciolta la riserva, respinta l’istanza. Le motivazioni: «E’ in grado di inquinare le prove

SINTESI
Resta in carcere Armando Cusani. Il gip del Tribunale di Latina Giuseppe Cario ha sciolto la riserva. «Può reiterare e inquinare le prove» è quello che sostiene il magistrato. Il quadro indiziario non cambia e la richiesta di scarcerazione, presentata dal collegio difensivo è stata respinta dopo che è arrivato il parere negativo espresso dal pubblico ministero Valerio De Luca, titolare del fascicolo. Nel provvedimento il giudice ricostruisce l’ inchiesta e le accuse contestate a Cusani che comunque ha annunciato ricorso al Riesame e l’ appuntamento è fissato per il prossimo 27 gennaio. Ieri hanno risposto al gip infine altri due indagati: D’ Achille e De Biaggio.

 

Sparano all’auto di Lemma

Latina Colpo di pistola esploso contro la fiancata dello stesso suv incendiato nel mese di settembre: la polizia indaga sull’escalation di attentati all’imprenditore

 

Latina Ambiente, la «firma» sul crac/

Il caso. Dopo il fallimento l’analisi dei bilanci degli ultimi dieci anni passati tra complicità e coperture. Gli utili distribuiti nel 2011 potrebbero integrare la bancarotta in preferenza. La società era già in difficoltà

 

Veneruso perde i fondi regionali per le assunzioni /

Il verdetto Il Tar avalla la revoca della Pisana, via 470mila euro

 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

Raggi indagata
Abuso e falso. La sindaca è nei guai per l’assunzione del fratello di Marra. Dopo la modifica di Grillo al codice etico, non si dimetterà. «Sono serena»

 

«La telefonata in hotel? Ho la coscienza a posto»
Parla la funzionaria della prefettura che sottovalutò la richiesta d’aiuto. Intanto dal cielo abruzzese arriva ancora morte. Precipita un elicottero con 6 persone a bordo. Aveva soccorso uno sciatore

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Dio non è abruzzese
Cade elicottero dei soccorritori: altri 6 morti

 

Raggi indagata per falso e abuso
E la Consulta rinvia ad oggi la sentenza sull’Italicum

 

 

verita

La Verità 
(direttore Maurizio Belpietro)

Due attentati in 24 ore contro l’amico di Renzi
Dopo l’auto, raggiunte da colpi di pistola anche vetrata e insegna dell’azienda di Andrea Bacci, l’uomo che ha restaurato la casa dell’ex premier e che è indagato nella vicenda degli outlet di lusso

 

Dopo i preavvisi, l’avviso: Raggi indagata
Sindaco di Roma nei guai per la nomina del fratello di Marra. Il tam tam durava da mesi

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright