E’ la stampa, bellezza (i titoli di mercoledì 31 V 2017)

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina mercoledì 31 maggio 2017 e anticipati da Alessioporcu.it

 
 

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Un flop che costa caro
L’incubo La mancata promozione in A fa svanire opportunità sportive ed economiche Capoluogo sotto choc. E la politica si interroga sul possibile effetto delusione

SINOSSI
Un disastro non solo sportivo. Ma soprattutto economico. Dietro la mancata promozione del Frosinone in serie A c’è non solo il pallone. L’impresa era strettamente collegata all’operazione stadio. La realizzazione di un impianto da 16.000 posti, con un percorso virtuoso per uno stadio di proprietà, sembrava la logica conclusione di un’annata che doveva concludersi con il ritorno in A. Ma al “Benito Stirpe” il prossimo anno non arriveranno la Juventus, la Roma o il Napoli. E questo porterà una diminuzione dei diritti televisivi, della biglietteria, degli abbonamenti, del marketing. Ma a essere penalizzata non sarà solo la società.

 

Rissa tra migranti con le spranghe

Cassino Finiscono nei guai quattro giovani coinvolti nella violenza nata per interessi economici sul territorio. La polizia blocca i responsabili e cerca di rintracciare altri soggetti immortalati da una telecamera. Un ferito grave

 

Elezioni, deciso il riconteggio

Cassino Trotta contro Grieco: presto le verifiche nelle sezioni indicate nel ricorso. Non saranno rivalutati tutti i voti. Il Consiglio di Stato ha emesso un’ordinanza con cui detta tempi e modalità. Se ne dovrà occupare il prefetto

 

Acqua, calice amaro

Cassino. Sconfitta annunciata ma la sentenza fa male. Via libera ad Acea per le chiavi. Tra i grattacapi del Comune, pure i debiti col gestore privato. Il sindaco insiste sul “ristoro”

 

Casermone come Scampia, caso chiuso/

Frosinone La procura di Roma contesta il riciclaggio del denaro illecito in attività commerciali in Spagna. Associazione a delinquere e spaccio: notificato a 53 persone l’avviso di conclusione delle indagini

 

Frosinone, Lacrime amare. Rialzarsi è dura ma si può fare

Calcio. Serie B. Il day after

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Dario Facci)

E’ già toto-allenatore
Il giorno dopo la disfatta, primi interrogativi per il Frosinone. Probabile “saluto” di Dionisi e Ariaudo. Certo quello del portiere Bardi

SINOSSI
Dopo la beffarda sconfitta contro il Carpi, il Frosinone s’interroga sul proprio futuro. La sola certezza è rappresentata dalle dimissioni di Marino, che chiameranno la società a decidere in fretta in merito al nuovo tecnico. Tanti giocatori potrebbero partire, ma qualcuno naturalmente resterà e proverà a prendersi nella prossima stagione quello che questa annata bizzarra ha negato.

 

Un Dea di II Livello di… fatto

Parla il Commissario della Asl di Frosinone, Luigi Macchitella

 

Migranti in via Napoli, sit in e proteste

Sora. I residenti formano un Comitato contro il trasferimento in albergo

 

Gli orti, l’ambiente e la natura

Cassino. Presentato il progetto Sapere i sapori. Inaugurate ieri mattina le coltivazioni nei plessi scolastici di S. Giovanni Bosco, S. Silvestro e S. Angelo

 

Petrarcone attacca D’Alessandro

Cassino

 

Fogne, lavori fermi

Veroli. Il Comune tratta con Acea

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

Stadio, il ko non rallenta i lavori
Svanito il sogno della serie A, la società corre per ultimare il nuovo impianto entro il 30 giugno. Il sindaco: «Tra 10 giorni lo smontaggio delle tribune del Matusa per avviare il cantiere del parco»

SINOSSI
Lo stadio Matusa chiude il sipario con tristezza e malinconia. Con l’addio alla serie A, lo stadio che ha vissuto l’intera storia calcistica del Frosinone calcio dal 1928, chiude i battenti. L’amministrazione comunale non dovendo più attendere l’8 giugno per la finale sfumata dei playoff, confida in un’accelerazione dei lavori per la realizzazione del futuro parco Matusa. Intanto la società conferma che per l’ultimazione del nuovo stadio sarà rispettata la tabella di marcia.

 

Si finge morto, giovane denunciato

La scoperta dei carabinieri sul giallo dei falsi manifesti funebri: sono stati commissionati dallo stesso finto defunto. Il 31enne non ha saldato il debito con l’agenzia e ora dovrà rispondere di insolvenza fraudolenta. Proseguono le indagini

 

Il prefetto Zarrilli: «La corruzione c’è, nessuno la denuncia»

«Ho sollecitato Ordini professionali e Organizzazioni a firmare i protocolli per la legalità, ma non hanno aderito»

 

Elezioni, verifica dei verbali per Grieco e Trotta

Si saprà solo il prossimo 12 ottobre se Sarah Grieco (Pd) potrà rimanere consigliere comunale di Cassino o se dovrà cedere il posto al ricorrente Claudio Trotta, candidato nella sua stessa lista “Cassino Cambia Colore” del raggruppamento del candidato sindaco Francesco Mosillo. Il Consiglio di Stato ha stabilito che si dovrà procedere alla verifica dei verbali.

 

Frosinone, disfatta shock: rebus sul futuro

Lacrime, amarezza e incredulità per la disfatta del Frosinone nella gara più importante dell’anno. Oltre al sogno svanito sul più bello, ora incombe il futuro: c’è una squadra da rifondare, un popolo di tifosi da risvegliare dalla profonda delusione. Attesa per le mosse del club dopo l’addio di Marino

 

 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Minacce «firmate» da un tecnico

Il caso Le missive sono composte da sette pagine e sono state recapitate in Procura e in Tribunale. La reazione dell’Anm. Chi ha scritto la lettera indirizzata ai magistrati Miliano e Mattioli conosce a perfezione l’inchiesta Olimpia

SINOSSI
E’una lettera composta da sette pagine, quella inviata al pubblico ministero Giuseppe Miliano e al giudice del Tribunale di Latina Mara Mattioli e contenente in chiusura una esplicita minaccia di morte rivolta ai due magistrati e che in un lungo e articolato ripercorre l’iter che ha accompagnato l’inchiesta denominata Olimpia: dalle richieste di custodia cautelare formulate dal pm Miliano fino all’accoglimento dell’istanza da parte del gip Mattioli, e che continua poi con l’esecuzione dei provvedimenti restrittivi per finire con l’annullamento delle ordinanze da parte del Tribunale del Riesame e poi dellaCorte di Cassazione. Sul caso da segnalare l’intervento dell’Anm: solidarietà ai colleghi che lavorano in un clima pesante. Pagina 9

 

Truffa, arrestato Proietti/

Per la Finanza di Lodi c’è il commercialista pontino dietro il raggiro ai danni dello Stato di una società lombarda. Ai domiciliari due suoi collaboratori

 

Confiscato l’impero di Perrozzi

L’operazione. Gli accertamenti erano stati condotti dagli agenti della Divisione Anticrimine della Questura. Sotto chiave i beni dell’imprenditore di Cisterna, il patrimonio più ingente degli ultimi anni. Vale 150 milioni

 

Osservatorio della Ztl. Il progetto che divide

Lo strumento atteso da mesi, ieri la bozza del programma

 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

Oltre alla casa s’è fatto pagare la Ferrari
La vergogna di Montecarlo La procura di Roma ne scopre un’altra Al cognato di Fini i soldi di Corallo pure per comprarsi la supercar

 

La Corte dei conti indaga sulle Olimpiadi (mai fatte
Aperto un fascicolo sulle spese per la candidatura di Roma

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Da Napolitano a Saviano tutti i «complici» di Fini
Definivano «il Giornale» «macchina del fango». Chiedano scusa. E il giudice insiste su Sallusti imputato per errore

 

«La tv è cattiva, scendo in politica». Caro Insinna non sai che pacco hai scelto

E poi dice che uno si butta a sinistra, diceva Totò. Io quasi quasi mi butto in politica, ha detto Flavio Insinna, con il tono di chi sbatte la porta a un mondo che non lo merita per andarsene dove farebbe faville. È curioso, suona talmente banale da non suonare neppure così (…)

 

 

La Verità
(direttore Maurizio Belpietro)

Fini fece fuori il ministro Tremonti poi aprì le porte al gioco d’azzardo

Gli interventi dell’allora vicepremier a favore del re delle slot machine cominciarono subito dopo la rimozione del titolare dell’Economia. Laboccetta: «Gianfranco condizionava i lavori parlamentari»

 

Tassa segreta sui non iscritti ai sindacati
Con il trucco del silenzio-assenso, Fim, Fiom e Uilm prelevano 35 euro in busta paga agli operai

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright