E’ la stampa, bellezza (i titoli di mercoledì 8 III 2017)

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

La “Ciociara” stuprata due volte
È bufera sulla versione pornografica del film di De Sica. La senatrice Maria Spilabotte chiede il ritiro della pellicola. Il caso esplode alla vigilia della festa delle donne. Oggi la questura diffonde i dati sulla violenza di genere. Il monito del vescovo

SINOSSI
È bufera sulla versione pornografica del film “La Ciociara”. La fiction hard del capolavoro di Vittorio De Sica, interpretato magistralmente da Sophia Loren e ispirato al romanzo di Alberto Moravia, è finita nel mirino di Emiliano Ciotti, presidente dell’associazione “Vittime delle Marocchinate”. Il caso, grazie all’intervento della senatrice Spilabotte approda in Parlamento. L’esponente Dem ha predisposto un intervento urgente per chiedere la sospensione della pellicola, facendo notare che rappresenta un’offesa verso il territorio e verso tutte le donne. Dura la presa di posizione dell’associazione “Vivi la Ciociaria”. Intanto gli attivisti di Casa- Pound si dicono pronti a bruciare la pellicola nel caso non venisse ritirata

 

Debiti, ora si fanno altri… conti

Università. Dopo le dimissioni di Trequattrini il rettore nomina una vice. Sindacati e studenti invocano discontinuità. La Finanza vuole gli estratti delle banche collegate all’ateneo per analizzare i movimenti. Convocati gli ex vertici

 

Pd, fuoco alle polveri. Tutti i leader in trincea

La scelta di De Angelis riaccende l’eterno congresso. La prima mossa l’ha fatta Francesco De Angelis, ufficializzando il sostegno della sua componente alla candidatura di Matteo Renzi alla segreteria. Passando attraverso l’area del presidente nazionale del partito Matteo Orfini. Un passaggio che soltanto in apparenza poteva sembra scontato

 

Elezioni grandi numeri, si parte

Al momento cinque candidati a sindaco, sedici liste e più di cinquecento aspiranti consiglieri comunali. Ufficializzato l’appoggio della Dc ad Ottaviani. Rotazione degli assessori congelata fino al voto sul bilancio. Fabio Dialmi con Cristofari: caccia grossa alle civiche. E i Comunisti battono un colpo

 

Picchiano il gestore e devastano il centro

Ferentino. In manette due sedicenni egiziani: alcuni giorni fa hanno aggredito anche gli ospiti della struttura. Il tempestivo intervento dei carabinieri nella casa d’accoglienza di via Bagni Roana ha evitato il peggio

 

Il Frosinone perde Matteo Ciofani per almeno trenta giorni

L’infortunio Il difensore si è fatto male nel finale di gara di lunedì. Per lui frattura del secondo metatarso del piede sinistro. Intanto iri mattina è iniziata la preparazione in vista del Bari

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Filiberto Passananti)

Quel porno che offende tutti
Rabbia e indignazione in Ciociaria alla notizia del rifacimento hard del film “La Ciociara”. La senatrice Spilabotte scrive al Ministro. L’ira Casapound

SINOSSI
Forti reazioni su tutto il territorio provinciale alla notizia della possibile uscita del rifacimento in salsa hard del celebre film di Vittorio De Sica. La senatrice Spilabotte (Pd) scrive un’interpellanza urgente alla Commissione parlamentare e al Ministro. Casapound, con Fernando Incitti, minaccia di bruciare tutte le copie: “Atto indegno”.

 

In viaggio con cinquecento chili di droga, arrestato

Manette in A1 per un ventitrenne fermato dalla Polizia. Valore dello stupefacente: 4,5 milioni. Il giovane era partito da Torino ed è stato bloccato dopo un incidente dagli agenti della Sottosezione

 

Vogliono battere lo smog facendo cassa

Dalla Regione 600mila euro per ‘monitorare la qualità dell’aria’. I Sindaci li utilizzano per acquistare telecamere per le multe a distanza. Zona a traffico limitato: è questo il mantra che ripete ogni ente locale nella convinzione che tutta la mal’aria sia frutto dei tubi di scappamento. Dimenticando industrie e fabbriche

 

Per il buco nel bilancio dell’Università di Cassino scattano gli interrogatori

Audizioni della Polizia Giudiziaria della Guardia di Finanza coordinati dal Sostituto procuratore Marina Marra. La Cgil chiede garanzie sulla regolarità nei pagamenti dei contributi: «Una puntuale definizione della posizione contributiva»

 

Condannato a 25 anni

Omicidio Grossi, ieri la sentenza di Appello. Lieve sconto di pena per Pellegrini. In primo grado il 54enne sorano aveva ricevuto un anno in più. Il 13 aprile 2014, insieme a Cipollone, uccise l’ex giardiniere

 

Attentato, condanna confermata

La decisione presa dai giudici della Corte d’Appello di Roma. Tre anni ad un imprenditore ritenuto mandante di un’azione nella quale furono bruciate le auto del comandante della stazione dei carabinieri di Ceprano

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

La Ciociara hard, scoppia il caso
Polemiche sulla versione porno del capolavoro di De Sica che racconta le marocchinate. La senatrice Spilabotte chiede il ritiro del film, CasaPound minaccia: «Bruciamo le copie»

SINTESI
Nel giorno della Festa della Donna, in provincia di Frosinone, scoppia la polemica sulla imminente distribuzione, per il momento annunciata soltanto sul web, del remake pornografico de “La Ciociara”, il capolavoro Vittorio De Sica, ispirato all’omonimo romanzo di Alberto Moravia, che racconta le marocchinate, gli stupri di gruppo commessi dia soldati africani tra la provincia di Frosinone e quella di Latina durante la Seconda guerra mondiale. A sollevare il caso è stata l’associazione “Vittime delle marocchinate” che ha chiesto al premier Gentiloni il ritiro del film

 

Botte alla moglie davanti alla figlia di 9 anni, condannato a due mesi

Ferentino. La donna era stata anche sottoposta ad un intervento di ricostruzione del volto al Policlinico
 

«Sanità, il periodo dei tagli è finito»

L’assessore Buschini: «Quest’anno nel Lazio previste 1700 assunzioni». Cristofari: «Il primario di Neurochirurgia è un passo decisivo per il Dea. All’ospedale di Cassino riparata la Tac mentre un’altra è in arrivo. Eseguito un delicato intervento su un paziente con difficoltà respiratorie
 

Buco milionario all’università: primi interrogatori

Le fiamme gialle sentiranno l’ex rettore Attainese, il delegato al Bilancio Trequattrini e l’ex direttore Simeone
 

Dionisi: «Ci rifaremo contro il Bari»

Dopoil pari-beffa con il Cittadella Dionisi è sicuro: «ABari bisognerà andare portandoci dentro la rabbia giusta proprio per riprenderci i due punti lasciati nelle mani dei veneti»

 

 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Latina Calcio, 48 ore per finire
Il caso Il Tribunale aggiorna a domani la decisione sulle sorti della società nerazzurra avviata al fallimento. La Procura federale ha aperto un procedimento per Maietta, Iuliano e due ex nerazzurri. La rivelazione in Antimafia

SINOSSI
I giudici della sezione fallimentare del Tribunale di Latina sono entrati in camera di consiglio e l’ udienza sul fallimento dell’ Unione Sportiva Latina Calcio è aggiornata a domani quando si conosceranno le sorti del club nerazzurro che rischia di sparire. La situazione è complicata e si cerca una via d’ uscita per non lasciare nulla di intentato, anche se è molto difficile. Intanto sul Latina Calcio indaga la Procura federale che ha aperto un procedimento disciplinare. Nello specifico sull’ ex presidente Pasquale Maietta, l’ ex allenatore Mark Iuliano, e i calciatori Marco Crimi e Alessandro Bruno. A rivelarlo nell’ audizione in commissione parlamentare antimafia, è stato il procuratore federale Giuseppe Pecoraro.

 

Aggrappati all’ultima speranza

L’editoriale del direttore Alessandro Panigutti
 

La Cittadella fa passi avanti

Incontro ieri a Roma, il Ministero della Giustizia è pronto a sostenere anche economicamente il completamento della nuova Procura. Coletta: siamo ottimisti
 

Quattro chili di droga nel muro di casa

Cisterna L’operazione dei carabinieri conclusa grazie all’ausilio del reparto cinofilo. L’uomo era già noto ai militari. Arrestato un operaio di 34 anni che aveva nascosto hashish e marijuana anche in giardino e nel sottoscala

 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

«Non sono Belzebù»
Parla Verdini «Renzi, il babbo, Lotti, gli incontri con Bocchino. Vi dico la verità su Consip». «La condanna per la banca? Una follia. Subito dopo mi hanno telefonato Silvio e Matteo». «A forza di venir descritto come il diavolo non nascondo il timore per il mio futuro politico»

 

Il giudice caccia Gesù dal seggio elettorale Sentenza choc, via il crocifisso

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Il magna-magna di Ingroia
Voleva inquisire l’Italia, è nei guai per cene e indennizzi. Sfiducia a Lotti: il 15 è il giorno del giudizio

 

Renzi usa le banche per vendicarsi dei traditori dem
Matteo Renzi manda un «pizzino» ai piani alti della politica e dell’economia. In una lettera pubblicata ieri dal Sole24Ore dà il suo ok alla commissione d’inchiesta sui crac bancari e «avverte» D’Alema sul caso Montepaschi. La Boschi riappare in tv: «Io leader Pd? No, c’è Matteo»

 

 

verita

La Verità
(direttore Maurizio Belpietro)

Così Verdini ha messo le mani sull’appalto
Quattro lotti della gara più ricca d’Europa soffiati a Romeo da Bigotti, uomo vicinissimo al leader di Ala. Quest’ultimo era indebitato con gli Angelucci

 

L’ora della giustizia: l’ex pm Ingroia indagato per peculato
Il crollo dei miti dell’antimafia

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright