È la stampa, bellezza (i titoli di sabato 29 VII 2017)

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina sabato 29 luglio 2017 e anticipati da Alessioporcu.it

 

 

Ciociaria Oggi K2

(direttore Alessandro Panigutti)

Provincia a rischio bancarotta
Lodo Cosap. La Tre Esse potrà incassare la metà della somma per i servizi effettuati e mai pagati. In Appello sospesa in parte l’esecutività della sentenza che condannava l’ente a sborsare oltre tre milioni

SINOSSI
Lodo Tre Esse, salasso per la Provincia. Parzialmente sospesa l’esecutività della sentenza della Corte d’appello di Roma fino alla concorrenza del 50% della somma liquidata dal lodo arbitrale del 2010. Così hanno deciso i giudici della Corte di appello di Roma (presidente Roberto Reali). Sul piatto ci sono 3.358.000 euro (oltre interessi e rivalutazione monetaria) che, ora, la Provincia dovrà pagare per metà. L’ente aveva chiesto la sospensione dell’esecutività della sentenza che confermava il lodo, in attesa della pronuncia definitiva della Corte di Cassazione davanti alla quale il ricorso è ancora pendente. Il tribunale ha bilanciato gli opposti interessi, considerando soprattutto «una condizione finanziaria particolarmente difficile» per la Provincia per la quale la sentenza può comportare un danno grave e irreparabile

 

Sull’orlo della bancarotta
Cassino. D’Alessandro e Schimperna danno il via all’operazione verità e illustrano tutti i debiti ereditati che superano i 70 milioni. Venerdì in Consiglio la manovra lacrime e sangue. Il bilancio è ingessato: basta un provvedimento sfavorevole e sarà il dissesto

SINOSSI
Sfiorano i 70 milioni di euro i debiti certificati al 31 dicembre del 2016. Ma almeno altri 5 milioni di debiti fuori bilancio saranno riconosciuti nel prossimo Consiglio comunale. Il 4 agosto in assise approderà anche la manovra lacrime e sangue con tagli da oltre 600.000 euro. Nell’operazione verità sui conti il sindaco D’Alessandro e l’assessore Schimperna hanno ribadito la volontà di proseguire sulla strada del risanamento, nonostante il bilancio sia ingessato. Ma a preoccupare è il settore affari legali: sono difatti molte le sentenze che hanno visto soccombente il Comune di Cassino. Basta un’altra tegola milionaria e a quel punto sarà inevitabile dichiarare il dissesto finanziario

 

Senza strada per i tifosi ospiti non si gioca al Benito Stirpe

Frosinone. Nuovo vertice alla Regione per risolvere i vincoli legati al bosco. L’ostacolo insormontabile sono poche piante di acacia e una selva di rovi. Offerto un “ristoro” di 3.500 metri quadrati con essenze vegetali più pregiate.

 

Nel Consiglio-spettacolo zar Nicola contro tutti. Debiti e Tasi vanno in rete

I retroscena. In quattro ore o poco più approvati sette punti. Ma il termometro degli umori si spacca. Ed è subito show. Commissioni rinviate. E Ferrara “sogna” un ruolo importante.

 

Il Governo “salva” l’Università

Cassino. Maxi debito. Pagata ieri la prima rata di 8 milioni e 700.000 euro che ha permesso la rottamazione delle cartelle di Equitalia. Il Ministero ha concesso anticipazioni di cassa, aiutando così Cassino. L’orgoglio di Betta: «Il piano è stato apprezzato».

 

Frosinone in campo prima con il Flaminia e poi contro il Rieti

Calcio. Serie B. Questa mattina per i canarini ultimo giorno di lavoro al Terminillo. Al “Manlio Scopigno” giocheranno una gara alle 17,30 e l’altra alle 21

 

 

provincia-2

(direttore Dario Facci)

La pipì non ha colore

Il Fatto. La coop che ospita i migranti in via Roma: “Non sono stati loro. Nessun lancio di escrementi”. Mercoledì una residente aveva chiesto l’intervento della Polizia segnalando il caso

SINOSSI
Chi ha pisciato in quella grondaia di via Roma a Frosinone? E’ giallo (facile a dirsi). I fatti sono questi: una persona chiama la Polizia perché ci sono escrementi che provengono da un balcone. Gli agenti sentono cosa hanno da dire i residenti, salgono al piano in cui sono ospitati alcuni migranti. Ieri, poi, è intervenuta la cooperativa che gestisce l’ospitalità, chiedendo di chiarire che quei ragazzi non hanno nulla a che fare con l’episodio; che nessuno ha accertato che si trattasse di urina e che, se pure urina fosse, l’imbocco della grondaia si trova in una zona condominiale accessibile a tutti.

 

Lodo Tre Esse. La società passa all’incasso

Provincia. La Corte d’Appello dà il via libera alla riscossione di 2 milioni d’euro. Nel frattempo si attende la decisone in Cassazione sulla legittimità del nodo arbitrale tra ente e società. Tutto ruota intorno alla vicenda che vede contrapposti la società Tre Esse Italia di Supino e l’Ente di piazza Gramsci. La società aveva vinto l’appalto, nel 2003, relativo all’accertamento delle aree evasive sull’occupazione degli spazi delle aree pubbliche e dei canoni concessori per gli impianti pubblicitari.

 

Il Comune ha debiti per 70 milioni

Cassino. Lo ha detto il sindaco ma i conti non tornano. Nel frattempo si attende la decisione in Cassazione sulla legittimità del nodo arbitrale tra ente e società. L’operazione verità non convince. Appare evidente il tentativo di passare dal pre-dissesto al dissesto.

 

Turismo equestre: la chance

Verona Fiera Cavalli guarda alla Val di Comino. Previsto un sistema territoriale capace di ospitare le ippovie di un’importante organizzazione e di sviluppare una rete specializzata nel turismo equestre

 

Scompare imprenditore

Castelliri. Inutili le ricerche, l’angoscia dei familiari. Originario del nord dell’Italia, ma da tempo trapiantato a Castelliri. E’ stata la madre a recarsi nei locali della stazione dei carabinieri di Isola Liri dove ha presentato denuncia di scomparsa.

 

Oggi doppia amichevole per il Frosinone/

Si chiude il ritiro con le gare contro Flaminia e Rieti. Le dichiarazioni del presidente Stirpe: “Frosinone in ritiro al Terminillo anche nei prossimi anni”

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

Scacco alla banda delle Poste

Ordine di fermo per una donna, il compagno e un albanese. L’accusa: sono gli autori della rapina del 1 luglio ad Acuto. «Stavano per commettere colpi ad Anagni e Serrone»

SINOSSI
Avevano messo a segno il colpo alle Poste di Acuto e a giorni sarebbero tornati di nuovo in azione per rapinare, con armi da fuoco, gli uffici di Anagni e Serrone. Ma per loro non c’è stato tempo, I carabinieri, su disposizione del sostituto procuratore Adolfo Coletta, li hanno fermati ieri mattina. Ad incastrare la banda sono state alcune immagini riprese dall’impianto di videosorveglianza del Comune che immortalavano un’auto con a bordo la donna che attendeva i due complici. L’immagine è stata inviata ai carabinieri del reparto scientifico che sono riusciti a individuare le prime due lettere dalla targa.

 

Debiti e sentenze, dirigenti sotto esame: «Invertire la rotta»

Frosinone. Comune, tre settori sotto la lente. Il capogruppo di FI Magliocchetti incalza, il consigliere Pizzutelli polemizza

 

Debiti per 70 milioni, ecco il dossier

Cassino. Ieri il sindaco ha presentato il rapporto sullo stato dei conti del Comune: solo nel 2017 dovranno essere restituiti 9 milioni. D’Alessandro: «Ripianamento in 30 anni. A causa di situazioni
pregresse bilancio ingessato e ci sono seri rischi per il futuro»

 

Università, il ministero paga la prima rata del maxi debito

Università. La prima rata è stata pagata. L’ateneo di Cassino e del Lazio Meridionale ha versato all’Inps 8 milioni e 700 mila euro, l’equivalente della prima tranche di pagamento stabilita nell’ambito del piano di rateizzazione per la vicenda del maxi debito con l’Inps da 31 milioni e 500 mila euro, relativa al mancato versamento dei contributi
 

Frosinone, ultime fatiche nel ritiro

Ultime due partite per testare la condizioni atletica e i progressi tattici per il Frosinone di Longo, che in nottata. rientrerà in Ciociaria. Intanto, al Comunedi Rieti si è svolta una cerimonia per il club giallazzurro

 

 

Latina Oggi K2

(direttore Alessandro Panigutti)

Un sodalizio criminale sfacciato

Aprilia Ieri i primi interrogatori, i Piattella non hanno risposto alle domande. Il Comune sarà parte civile, iniziano i prelievi dell’Arpa. Nella ex cava l’attività illecita proseguiva anche dopo i controlli. Il gip: pure gli indagati hanno respirato fumi tossici.

 

SINOSSI
Come se nulla fosse, come se interrare tonnellate di rifiuti rappresentasse un modo qualunque per smaltirli. Certamente era una modalità assai redditizia quella adottata dal sodalizio criminale descritto nell’ordinanza del giudice dell’indagine preliminare Monica Ciancio con cui due giorni fa sono state tratte in arresto 22 persone. Sono gli stessi indagati a fornire i numeri dei loro guadagni: Riccardo Piattella, figlio di Antonino, riferisce alla fidanzata, in un colloquio intercettato dalla polizia, di aver guadagnato 28 mila euro al mese, per un totale di 336mila euro in un anno, con la sola attività illecita svolta per il «Gruppo Carnevale». Ieri i primi interrogatori e analisi dell’Arpa

 

Ticket, metà provincia non paga

Sanità Sono 300mila i pontini esenti dalle spese per prestazioni sanitarie, il 54% del totale. In 144mila non sono tenuti a versare nulla, gli altri sono in condizioni di povertà o invalidi

 

Globo, Mansutti ascoltato dal pm

Giudiziaria. L’avvocato indagato nell’inchiesta per lottizzazione abusiva ha chiesto di essere ascoltato dagli inquirenti. Ha ricostruito i fatti contestati e ha chiarito che non aveva incarichi nel gruppo di Bianconi, Piattella e Gatti

 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

Acqua passata
Hanno creato il panico fra i cittadini per poi scoprire che si può ancora attingere dal lago di Bracciano. La proroga ai prelievi scongiura i razionamenti e dimostra che i politici litigano senza sapere perché. Ora dicono che non c’è emergenza, allarme rientrato. Tirate pure lo sciacquone

 

Parla Alfano e il centrodestra va fuori di testa
Esplode la polemica nel centrodestra dopo l’intervista al Tempo con la quale Angelino Alfano ha teso la mano a Berlusconi. Forza Italia chiude: «Nessuna alleanza nazionale». E il leghista Giorgetti sfida Berlusconi: «Toti prenda in mano il partito azzurro». L’intesa si allontana

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Libia, partono i soldati
Via libera del governo all’intervento delle navi della Marina. Scacco alla Francia. Amburgo, assalto al supermarket nel nome di Allah: un morto

 

Botte «grilline» ai deputati pro Vax

Parentopoli a 5 Stelle, la Raggi caccia l’unico manager capace

 

 

La Verità
(direttore Maurizio Belpietro)

Il centrodestra candida Alfano per perdere
Pazza idea in Sicilia. Premesse eccellenti per le elezioni regionali nell’isola: Pd in crisi e 5 stelle azzoppati dal caos romano. Ma la Meloni appoggia Musumeci mentre Berlusconi vuol puntare sul ministro. Si rischia di sbattere

 

Per i giudici le tasse sono più importanti della legge

Fondato il ricorso contro la fusione tra Equitalia e Agenzia delle entrate. Ma il Consiglio di Stato non ferma la riscossione

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright