Petrarcone passa con Renzi

DOMENICO TORTOLANO per IL MESSAGGERO ED FROSINONE

Petrarcone, sindaco di Cassino, criticato da destra e da sinistra e in particolare dal Pd, è passato all’attacco ed apre ufficialmente la campagna elettorale inaugurando la settimana prossima la sede al centro della città, in piazza Diamare di fronte al teatro Manzoni, alla presenza, probabilmente, di un deputato renziano. Perché da ieri Giuseppe Golini Petrarcone è un sindaco renziano. E il premier Matteo Renzi, addirittura, verrebbe a Cassino al primo comizio di Petrarcone nel corso di una grande manifestazione elettorale all’inizio del nuovo anno. L’intesa sarebbe stata raggiunta in questi giorni a Roma tra il sindaco e la segreteria del presidente del consiglio.

Un colpo di teatro che anticipa le iniziative del Partito democratico che sta organizzando la festa dell’Unità dal 25 al 27 settembre. E Petrarcone inaugurerà la sede elettorale con una festa in piazza qualche giorno prima.

Ormai è duello sia con il Pd, che vuole le primarie e Petrarcone ha detto “mai”, e sia con Marino Fardelli che sabato nella cascina di Exodus annuncerà la sua candidatura a sindaco a capo della lista “Obiettivo Cassino”. Il giorno prima accoglierà il presidente Zingaretti. Fardelli, però, precisa: «All’incontro sono stati invitati sindaci e amministratori comunali e i cittadini». La festa di Fardelli proseguirà anche domenica presentando la “fotografia” del suo intenso programma elettorale. Fardelli, però, dopo gli annunci aspetta “telefonate” prima di buttarsi nella mischia elettorale. Alla ricerca di intese e di accordi.

E così ad otto mesi dal voto per il rinnovo del consiglio comunale la campagna elettorale è già partita ed è già effervescente. Petrarcone avrebbe dalla sua parte oltre al Psi e ad alcuni movimenti politici anche una parte del Pd come i gruppi che fanno capo a Michele Giannì e ad Ernesto Polselli. Anche dalla sua parte De Angelis e Buschini. E Scalia? C’è da ricucire anche con il presidente del Cosilam Pietro Zola.

In azione anche un’ala del Pd rappresentata dall’avvocato Sarah Grieco di Democratici per Cassino che venerdì sera (ore 19), mentre Zingaretti è ospite di Exodus e di Fardelli, tiene un convegno alla biblioteca comunale sulla “Città che vorrei” con l’eurodeputato Gianni Pittella. Sarah Grieco e Alessandro D’Ambrosio sarebbero disponibili per le primarie del Pd.

Non stanno meglio nel centrodestra dove non c’è accordo tra gli uomini di Mario Abbruzzese sulla scelta del candidato sindaco. Il leader di Forza Italia cerca un candidato forte ma «nuovo con una provata esperienza della pubblica amministrazione». Ancora non c’è e quelli che si propongono non hanno, secondo il leader, il carisma e la forza elettorale trainante. Un raggruppamento con Bruno Scittarelli e i cinque consiglieri di minoranza appare complicato. Va avanti senza intoppi l’ex sindaco Tullio Di Zazzo a capo di liste civiche.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright