Provincia a costo zero? Col cavolo. Ecco quanto ci costano

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

CESIDIO VANO per LA PROVINCIA QUOTIDIANO
Quasi 50 mila euro, per l’esattezza 48.341,70. Tanto sono costati alla Provincia di Frosinone i rimborsi spesa richiesti dai consiglieri provinciali a copertura dei chilometri percorsi e dei costi sostenuti per l’esercizio delle loro funzioni nell’anno 2015. In media, l’ente ha rimborsato circa 4.000 euro al mese, in totale, al presidente della Provincia e a 10 consiglieri su i 12 componenti l’assise, mentre i due rimanenti non hanno presentato alcuna richiesta di pagamento.

A non aver depositato ricevute per i rimborsi sono stati i consiglieri Antonio Cinelli e Danilo Magliocchetti. Gli altri, invece, hanno dovuto sostenere spese per svolgere il loro mandato che vanno dai 1.500 ai 9.000 euro, per un totale annuo versato a tutti i richiedenti pari, come detto a 48.341,70 euro.

La tabella, con le cifre esatte e quanto è stato pagato ad ogni componente del consiglio provinciale:
Antonio Pompeo………….. 1.254,95 €
Domenico Alfieri………… 5.192,00 €
Andrea Amata……………. 9.322,60 €
Gianni Bernardini ………..2.457,00 €
Germano Caperna ………….1.566,00 €
Antonio Cinelli ……………. 0,00 €
Alessandro D’Ambrosio ………855,60 €
Vittorio Di Carlo ………..5.296,20 €
Danilo Magliocchetti …………0,00 €
Massimiliano Mignanelli …..6.753,30 €
Gianluca Quadrini ………..9.920,24 €
Massimiliano Quadrini……..2.350,00 €
Andrea Velardocchia ………3.382,91 €

Al presidente Antonio Pompeo sono stati rimborsati 1.254 euro in tutto il 2015, mentre i rimborsi più cospicui sono stati quelli richiesti dai consiglieri Andrea Amata, che è anche vicepresidente dell’ente, per 9.322,60 euro e Gianluca Quadrini, per 9.920,24 euro.

Si piazzano bene, in questa ipotetica classifica, anche i consiglieri Massimiliano Mignanelli (6.753,30 euro), Domenico Alfieri (5.192,00 euro) e Vittorio Di Carlo (5.286,20 euro).

I dati sono quelli pubblicati – come prevede la normativa in materia – sul sito internet della Provincia di Frosinone. Il dato viene fornito per ogni consigliere diviso per mesi ma non per tipologia di rimborso. Non è dato sapere, quindi, se le somme richieste ed erogate siano relative a spese ammissibili affrontate durante lo svolgimento dell’attività amministrativa quali esponenti della Provincia e poi richieste all’ente, o siano relative al rimborso chilometrico per i viaggi fatti per recarsi dal comune di residenza fino alla sede dell’ente o per partecipare ad iniziative in rappresentanza della Provincia o quante siano le somme per la prima voce e quante per la seconda.

Di certo, alcuni consiglieri sono stati molto più attivi di altri, almeno a giudicare dai chilometri macinati durante tutto l’anno scorso. Il rimborso è risconosciuto in maniera forfettaria per le trasferte effettuate con il proprio mezzo in ragione di un quinto del costo di un litro di benzina per chilometro percorso. Quindi, i consiglieri che arrivano da Comuni più lontani, accumuleranno rimborsi più consistenti.

Va poi detto che non tutti i consiglieri hanno presentato con scadenze regolari la documentazione o le dichiarazioni per avere l’erogazione delle somme. Alcuni hanno cumulato più mesi poi liquidati con un unico provvedimento, altri hanno depositato con puntualità mensile la richiesta di rimborso.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE COMPRA IN EDICOLA UNA COPIA DE LA PROVINCIA QUOTIDIANO

Provincia main_logo

2 commenti

I commenti sono chiusi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright