E’ la stampa, bellezza (i titoli di venerdì 2 VI 2017)

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina venerdì 2 giugno 2017 e anticipati da Alessioporcu.it

 

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Indagata per omicidio volontario
Ceprano. Pamela Celani, 27 anni, è l’unica indiziata per la morte di Felice Lisi ucciso da una coltellata tra il collo e il torace. Ieri eseguita l’autopsia sul corpo del ventiquattrenne. Lei respinge le accuse mentre è ancora ricoverata in stato di choc

SINOSSI
Eseguito l’esame autoptico sul corpo di Felice Lisi, 24 anni, trovato morto mercoledì nell’abitazione in via Guardaluna, a Ceprano, dove viveva con la compagna Pamela Lisi,27 anni. L’esame, richiesto dal pm Rita Caracuzzo, è stato effettuato dal medico legale Stefano Manciocchi. Al momento la sola indagata per l’omicidio del giovane è lei perché era l’unica presente in casa. È stata la ragazza a lanciare l’allarme, precipitandosi da un vicino e riferendo che il compagno si era ferito da solo. Il perito dovrà valutare la compatibilità tra l’arma e la lesione mortale e anche se questa sia stata autoinferta o se l’evento sia riconducibile a terzi. Possibile un nuovo interrogatorio di Pamela: il primo è stato interrotto perché lei era sotto choc

 

Ricercati per tentato omicidio

Cassino. Violenza in pieno centro: identificati alcuni degli egiziani ma non si trovano. La polizia scava in ogni ambiente. Un connazionale: «Minacce prima dell’aggressione». Blitz dei carabinieri negli autolavaggi e provvedimenti

 

I collegi della discordia

Politica. In Parlamento si accelera sull’iter della riforma per andare subito al voto Nel progetto per la Camera Ceccano finisce con Aprilia e Amaseno con Ponza

 

Maxi debito, la Finanza consegna gli atti

Università. Dopo mesi di indagini sul buco milionario per i mancati versamenti Inps, la parola passa al pubblico ministero. Almeno dieci le figure principali su cui ora si stanno concentrando le attenzioni degli inquirenti

 

Reparti d’eccellenza al Fabrizio Spaziani. «Fatti e non parole»

Frosinone. Sopralluogo del presidente Zingaretti alla città della salute. Ha annunciato nuovi investimenti per oltre undici milioni di euro

 

Inchiesta tra in tifosi. Da quali giocatori bisognerà ripartire

Sguardo al futuro Supporter concordi sulle conferme di Paganini e Gori. Molti consensi anche per Dionisi, Ariaudo e il più piccolo dei Ciofani

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Dario Facci)

Folle inseguimento
Ferentino. Ladri in fuga: due finiscono in manette, per altri due è caccia all’uomo. Speronata l’auto dei carabinieri, un militare resta ferito. Ricerche con l’elicottero

SINOSSI
Due cittadini cileni finiti in manette, due loro complici in fuga (ma con le ore contate) e un carabiniere costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso. E’ quanto accaduto ieri pomeriggio lungo la via Morolense in territorio di Ferentino, quando una gazzella dei carabinieri ha tentato di fermare i quattro stranieri che stavano portando a termine una serie di furti a danno di automobili lasciate in sosta

 

Morte Lisi, interrogata e rilasciata la compagna

Ceprano. Ieri l’autopsia sul corpo del ragazzo trovato morto. La fidanzata è indagata ma libera

 

«Migliora la qualità dei servizi, previsti ulteriori investimenti»

Zingaretti e Buschini ieri alla Asl nei nuovi reparti

 

«Renzi e Forza Italia addio. Aggregazione dei moderati nell’imminente futuro»

Maurizio Lupi a Frosinone lancia la nuova fase del partito. “Alfredo lo diceva… ” No alle elezioni anticipate, no al patto precostituito Forza Italia-Pd e alla loro legge elettorale. Sullo sbarramento: «Non ci fa paura». Pallone: «Paura del 5%? Noi a Frosinone facciamo almeno il 10»

 

Il Tribunale condanna l’assicurazione

Cassino. Una sentenza storica annulla la clausola “claims made”. Il Tribunale di Roma ha accolto la tesi della struttura sanitaria del cassinate, difesa dall’Avvocato Sandro Salera

 

La caduta del Frosinone ha fatto male a tanti

L’ex canarino Gianluca De Angelis commenta il finale di stagione. “Credo siano mancate la grinta, la determinazione e la consapevolezza dei propri mezzi”

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

Fendente letale, verità dall’autopsia
Ieri l’esame del medico legale sulla salma di Felice Lisi, il 23enne trafitto da una coltellata vicino al cuore. La compagna è indagata per omicidio volontario. I carabinieri: «Atto dovuto»

SINOSSI
Ieri pomeriggio è stata eseguita l’autopsia sulla salma di Felice Lisi, il giovane di 23 anni trafitto a morte da una coltellata in un casolare di campagna a Ceprano. L’esame del medico legale, durato quattro ore, potrebbe consegnare la verità su quanto accaduto giovedì mattina. Insieme alla vittima c’era la compagna: Palma Celani di 27 anni. Tra i due, prima della tragedia, era in corso una lite. La ragazza è stata iscritta sul registro degli indagati per omicidio volontario.

 

Fondi per la sanità, in arrivo 11 milioni. Nodo Neurochirurgia

Il presidente Zingaretti visita l’ospedale di Frosinone. Macchitella sull’atteso reparto: «Potrebbe partire a settembre»

 

«La zona industriale è un colabrodo»

Ricci di Unindustria: «Strade a pezzi ad Anagni. Multinazionali scoraggiate». Conta 700 dipendenti, produce 91 milioni di fiale e flaconi all’anno che esporta in 98 paesi del mondo, ma per il colosso farmaceutico Bristol Myers-Squibb una delle sfide più ardue da affrontare ogni giorno sono le buche. Quelle disseminate lungo le strade della zona industriale di Anagni.

 

Frosinone, la priorità è il nuovo tecnico

Da qui a qualche giorno il tecnico Marino dovrebbe raggiungere l’accordo con la società per la rescissione del contratto. Per parlare del sostituto del tecnico diMarsala sulla panchina giallazzurra è alle porte un vertice tra Stirpe, Ficchi e i più stretti collaboratori. Attesa, intanto, per l’intervento del patron.

 

 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Decisioni in ritardo, caos al lido
La storia. Lentezza anche per i parcheggi su aree private: delibera approvata all’ultimo minuto dopo infinite verifiche. Caso chioschi, uno degli operatori che hanno rinunciato spiega perché ha detto no. «E’ tutto fermo da due anni»

SINOSSI
Tempi lunghi e burocrazia non sostenibili e due anni di incertezza che per un imprenditore significano promesse non mantenute e lavoro perso. Roberto Renzini ha affidato ad una lettera aperta i suoi cahiers de doléances, provando così a spiegare per quale ragione ha deciso di tirarsi indietro, rinunciando alla postazione numero 4 dei chioschi sul lungomare. La troppa lentezza delle scelte amministrative, legata alla tradizionale burocrazia italiana, hanno spinto l’imprenditore a rinunciare. e così, evidentemente, anche altri. A riprova di questo trend c’è anche il caso dei parcheggi su aree private, la cui delibera di approvazione è arrivata giusto all’ultimo respiro.

 

Minacce, fronte comune

Il caso. Dopo le intimidazioni a Miliano e Mattioli l’intervento del commissario del Foro, Stefano Bertollini: «E’ un gesto che colpisce la magistratura e la stessa avvocatura»

 

Spari in aria al mercatino di Foce Verde

Latina. L’episodio è avvenuto ieri sera nel piazzale dei Navigatori: l’arrivo della Squadra Volante e il fermo. Incredibile reazione di un uomo che ha minacciato alcuni ambulanti, poi ha aperto il fuoco con una scacciacani

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Alfano si arrende.
A rischio estinzione. Cede allo sbarramento del 5%: dovrà trovarsi un lavoro? Poi tradisce di nuovo e pugnala Renzi: «Trama contro il governo da mesi»

 

Gentiloni porta fortuna: il Pil risale

Non succedeva dal 2010. E Padoan chiede subito all’Europa uno sconto di 9 miliardi

 

 

La Verità
(direttore Maurizio Belpietro)

Un referendum sugli immigrati

Le critiche alla gestione dell’accoglienza sono trasversali. I Comuni hanno la facoltà di dar voce agli italiani, lo facciano

 

Al voto con la legge più veloce mai approvata: 96 ore

La riforma elettorale (con liste bloccate e triplo paracadute per i trombati) passerà alla Camera martedì, appena 4 giorni dopo. la presentazione. Cicchitto: «Renzi voleva votare già a giugno». Ma i sondaggi dicono che l’inciucio Pd-Forza Italia non ha i numeri

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright