E’ la stampa, bellezza (i titoli di venerdì 5 V 2017)

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Con l’auto carica di molotov
Frosinone. Una pattuglia della Guardia di finanza ferma un’Opel con le targhe sporche: saltano fuori due bombe Tre persone bloccate sulla Monti Lepini perché sospettate di voler mettere a segno un attentato a scopo estorsivo

SINOSSI
Viaggiavano con bottiglie molotov dentro l’auto. Gli occupanti sono finiti in manette. I finanzieri della compagnia di Frosinone, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto tre persone trovate in possesso di due bombe e di altro materiale utile al confezionamento di ordigni incendiari. Gli uomini delle fiamme gialle, lungo la Monti Lepini, hanno intercettato un’Opel Corsa con le targhe anteriori e posteriori illeggibili. Il sospetto è che le molotov dovevano essere utilizzate per mettere a segno un attentato incendiario a scopo estorsivo. I fermati, invece, sostengono che (…)

 

Acque rosse, si scava in profondità

Cassino – S.Elia Senza sosta le indagini dei carabinieri: ricercatori dell’Ingv con il magnetometro per studiare il sottosuolo Task force nell’area off limits per scoprire la verità. Intanto la procura deve decidere sulla richiesta di sequestro urgente

 

Pd, Fardelli non gareggia

Cassino. Il consigliere regionale esclude di candidarsi alla segreteria per il congresso. Nessun veto su un possibile sostegno a Russo. E tuona: «L’asse con i mosilliani non esiste»

 

«Sanità, la svolta dei fatti»

Il presidente Zingaretti: «Non soltanto Sora, importanti novità anche per Frosinone ed Anagni» «Al Fabrizio Spaziani gli interventi riguarderanno ginecologia, anatomia patologica e diversi ambulatori»

 

Addio alla giustizia lumaca. Ora è hi-tech

Cassino Un nuovo sistema rivoluzionerà l’arrivo, la valutazione, la trattazione e l’accesso alle notizie di reato. La sala intercettazioni diventa blindata. Resta il problema delle sedi: si guarda ai beni confiscati alla criminalità

Frosinone e le strade che portano alla Serie A

Verona da scavalcare. Perugia da portare a -10. Playoff da testa di serie n.1 Ma prima c’è da battere un Trapani in forma (ha fatto 30 punti in 18 gare)

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Dario Facci)

In auto con le molotov
Operazione della Guardia di Finanza che blocca tre venticinquenni. Le bottiglie contenevano liquido infiammabile e avevano l’innesco.

SINOSSI
I Finanzieri della Compagnia di Frosinone, la scorsa notte, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto tre persone trovate in possesso di due bombe del tipo molotov e di altro materiale utile al confezionamento di ordigni incendiari, occultate all’interno dell’autovettura sulla quale viaggiavano.

 

Violenta lite al campo sportivo

Sora. Alta tensione ieri pomeriggio, un dirigente sportivo finisce in ospedale

 

In Procura arrivano sistemi informatici e due magistrati /

Cassino

 

E’ nato l’Airone Cenerino /

Fiocco rosa al Lago di Canterno. Anche quest’anno tra i salici bianchi dell’oasi lacustre sono stati individuati da Legambiente ben nove nidi

 

Cristofari apre la campagna con 500 “amici”

Elezioni comunali di Frosinone

 

Frosinone, Mazzotta allarma Marino

Serie B. L’esterno sinistro è influenzato e la sua presenza contro il Trapani è in forte dubbio. A un giorno dalla sfida con i siciliani di Calori, i ciociari preparano la tattica vincente

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

Molotov in auto, tre arresti
L’Opel Corsa con a bordo i giovani fermata dalla Finanza: trovate due bottiglie incendiarie Si segue la pista della truffa all’assicurazione, ma anche quella dell’atto intimidatorio

SINOSSI
Tre giovani di Roma arrestati dalla Guardia di Finanza e dalla Polizia perché sorpresi in auto con due bottiglie incendiarie. L’operazione è stata portata a termine l’altra notte. Per i tre romani, tutti 26enni e con ua sfilza di precedenti penali alle spalle, è scattato l’arresto. Si sono giustificati sostenendo che intendevano utilizzare le bottiglie incendiarie per dare fuoco all’auto e truffare l’assicurazione. Gli investigatori però non escludono la pista che i tre possano essere stati assoldati per compiere un atto incendiario di natura intimidatoria

 

Dirigente del Sora preso a cinghiate in campo, arriva la polizia

Violenza inaudita ieri pomeriggio allo stadio Tomei di Sora. Un dirigente della Polisportiva sorana è stato picchiato mentre stava per iniziare l’allenamento di calcio dei bambini. La vittima è uno sportivo sorano, stimato e benvoluto, colpe-
vole forse di essere stato il vero e proprio artefice della rinascita della squadra.

 

Sindaco, Cristofari
sfida Ottaviani: «Ecco come ti batterò»

`Ufficializzata la svolta civica con l’evento “Gli amici di Fabrizio”: «Vinceremo». Sullo stadio elogi a Stirpe ma accuse al Comune. Cassino. Ricorsi e spese elettorali: consiglieri comunali di Cassino in fibrillazione.

 

Frosinone in ansia per Mazzotta

Il giocatore che ha spaccato la sfida di Salerno, realizzando un gol e propiziando il raddoppio, potrebbe saltare la sfida di domani con il Trapani. Mister Marino spera di recuperarlo.

 

 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Don’t touch, la seconda puntata
Venti capi d’accusa formulati dalla Procura, si va verso il rinvio a giudizio. Molti dei coinvolti già presenti nella prima tranche. Chiusa anche l’inchiesta stralcio che svelò i legami attorno al traffico di droga e armi uniti alla corruzione, 21 indagati

SINOSSI
Minacce, corruzione, spaccio di droga, armi, intestazione fittizia di beni, pestaggi. A distanza di un anno e mezzo dagli arresti per l’inchiesta «Don’t touch» e mentre per tali fatti è ormai in corso il processo d’appello, questo il quadro tracciato dai sostituti procuratori Luigia Spinelli e Claudio De Lazzaro in «Don’t touch2». Gli inquirenti hanno infatti ultimato gli accertamenti su una serie di vicende stralciate dal procedimento principale e inviato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari a ventuno indagati, con venti capi d’accusa, per i quali ora si preparano a chiedere il rinvio a giudizio. Molti erano già pre- senti nella prima tranche.

 

«Mutuo» con le regole degli strozzini

A Cisterna. L’indagine della Guardia di Finanza: in carcere due persone, una terza agli arresti domiciliari. Prestano 32 mila euro a un imprenditore di Velletri, poi si fanno ridare 156 mila euro e un Rolex in due anni

 

Ora Mancini cerca soci

Latina Calcio. Mercoledì il presidente della Mens Sana ha incontrato un imprenditore nel campo immobiliare per tentare di coinvolgerlo nella sua avventura in nerazzurro

 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

«Ora siamo vittime pure dei politici»
Legittima difesa Passa alla Camera il pastrocchio. La rabbia di chi si è protetto e ora è nei guai «Questa legge è una presa in giro, lo Stato prima non ci ha sostenuto e adesso ci ripaga così»

 

L’ispettore Fioroni nel covo Br Spari sulla Renault di Moro
Surreale blitz a via Montalcini Commissione e Ris a caccia di indizi

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Indifesi come prima
Nuova legge: non cambia nulla. Notte o giorno, chi spara ai ladri rischia ancora. Decide il giudice. E la battaglia per la sicurezza riunisce il centrodestra.

 

Filippo in pensione Si ritira il principe sfaccendato imperatore di gaffe
Il marito di Elisabetta II

 

 

La Verità
(direttore Maurizio Belpietro)

Lo processano per aver osato dire che ai figli servono mamma e papà
Lo psicanalista Giancarlo Ricci deve comparire davanti al consiglio dell’Ordine degli psicologi. L’accusa: «La sua affermazione è discriminatoria nei confronti delle coppie omosessuali e delle famiglie arcobaleno»

 

Approvata la legge sulla legittima rapina
Pasticcio dannoso: la norma permette di sparare ai ladri solo di notte. Pubblichiamo le intercettazioni che dimostrano come i colpi vengano fatti pure di giorno e la violenza sui proprietari sia programmata

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright