Caro Luigi, ecco perché la cannabis andrebbe legalizzata

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

Igor Fonte

 

di IGOR FONTE
Associazione Peppino Impastato

 

Ho letto con attenzione l’intervento del dottor Luigi Maccaro, direttore di Exoduds Cassino (leggi qui il precedente) . Ho un’opinione diversa dalla sua. Ve la illustro, rispondendo ai suei dieci interssantissimi quesiti.

1) Ho visto i danni provocati dalla legalizzazione del gioco d’azzardo ed ho sempre affermato la presenza di organizzazioni criminali nascoste dietro queste attività. Tanto è che, da consigliere comunale di Cassino, feci approvare anche il cosiddetto “Regolamento anti slot machines“. Io penso che la legalizzazione della cannabis non voglia dire automaticamente e banalmente che se si legalizza la cannabis tutti inizieranno a fumarla… Mi sembra di risentire la teoria dei proibizionisti per gli alcolici negli USA anni 20.
2) Conosco il video di Paolo Borsellino. Penso però che andrebbe collocato nel suo contesto storico di alcuni decenni fa. Non ho mai detto che legalizzando la cannabis si elimineranno le mafie, anche perché sarebbe da illusi. Ho detto che legalizzare la cannabis sarebbe un duro colpo per le organizzazioni, che perderebbero uno dei loro principali indotti di guadagno. Comunque sono dell’idea che Borsellino vada preso come esempio e spunto per le nuove generazioni e non strumentalizzato a proprio piacimento, infatti io ho fatto dedicare una piazza a Borsellino perché sia da esempio per le nuove generazioni e non per avvalorare una mia idea su di una questione.
3) Sugli effetti della cannabis, Luigi Maccaro ha ragione: dovrebbero parlarne i medici. E  tantissimi medici sostengono che la cannabis fa molto meno male della nicotina.
4) La cannabis prodotta legalmente, oltre a creare un nuovo indotto lavorativo legale, con nuovi posti di lavoro, aumenterebbe il prezzo, disincevandone il consumo soprattutto tra gli adolescenti.
5) Se fosse legalizzata è giusto che vada tassata. Gli introiti della tassazione andrebbero reinvestiti in servizi per tutti i cittadini e non a gonfiare le casse della criminalità organizzata.

6) Riguardo al controllo dovranno pensarci naturalmente le autorità preposte ed in maniera seria

7) Non penso che la legalizzazione della cannabis aumenterà vertiginosamente il numero dei consumatori. Anche negli Usa proibizionista degli anni 20’ si pensava che una volta liberalizzato l’alcol tutti sarebbero andati in giro ubriachi, ma ad un secolo di distanza non mi sembra così.

8) Non ho una conoscenza tecnica dei danni cerebrali provocati dall’uso di cannabis, però non ho mai sentito nessuno morire di cannabis, al contrario so che le sigarette portano a danni ben superiori ma nessuno si indigna per questo.
9) Giovani che abbandonerebbero studi, interessi, sport, amicizie, dialogo… a causa della cannabis? Ma di che stiamo parlando? Oggi la cannabis non è legalizzata eppure queste situazioni già esistono.
10)Ritengo che il cervello umano sia più danneggiato da uno smartphone che dalla cannabis.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright