Il Patto del Casaleno ha retto. E Lui lo aveva detto (di A.Di Legge)

 

di ALESSANDRA DI LEGGE

 

 

Da “Il Patto del Casaleno ed il matrimonio senza amore tra Ottaviani e Stirpe” a “La prossima inaugurazione del Casaleno di Stirpe e Ottaviani: matrimonio con amore per il territorio“.

Il direttore Alessio Porcu scriveva questo pezzo il 5 agosto 2015, soltanto due anni fa. (leggi qui Il Patto del Casaleno ed il matrimonio senza amore tra Ottaviani e Stirpe)

 

Evidenziava – tra le altre cose- i seguenti punti:

1) Il nuovo stadio di Frosinone s’ha da fare. Almeno così dicono. Ma le cose stanno veramente così?

2) Servono due settimane o poco più per … scoprire chi ha veramente gli assi in mano e i soldi in tasca, comprendere chi sta bluffando nella partita a poker che si sta giocando tra Nicola Ottaviani e Maurizio Stirpe, sul nuovo stadio di Frosinone;

3) Sindaco e presidente si sono sentiti al telefono lunedì sera; poi si sono visti, quindi hanno organizzato la conferenza stampa tenuta ieri pomeriggio. Loro due, da soli.

4) Tutti dicono di poter trovare i capitali. Meglio non sbilanciarsi fino in fondo. Non si sa mai: poi magari succede come con il project financing.

4) Nicola Ottaviani ora spinge sull’acceleratore perché non può permettersi di aspettare … Un sindaco deve dare alla gente lo stadio subito, anche prima.

Ottaviani sta già preparando la prossima campagna elettorale e lo stadio è centrale nella sua strategia politica. Perciò era “solo” alla conferenza stampa con Maurizio Stirpe.

5) Il Patto del Casaleno reggerà? Dalle nostre parti non si vede… Denis Verdini.

 

*******
È sotto gli occhi di tutti che lo stadio sia pressoché ultimato. Proprio oggi la stampa riporta l’agenda e le previsioni che il presidente Maurizio Stirpe ha indicato riguardo la conclusione dei lavori, le verifiche e i collaudi da parte degli organismi competenti.

Maurizio Stirpe e Nicola Ottaviani sono stati protagonisti di un capolavoro amministrativo, tecnico ed economico che è sotto gli occhi di tutti e che ha visto l’unanime condivisione dell’assise comunale di Frosinone.

La concessione ha una durata di 45 anni, la metà del tempo ipotizzato nell’articolo di due anni fa.

Il sindaco Ottaviani si è assunto la responsabilità di avviare l’investimento. La società di progetto, che fa riferimento al Frosinone Calcio, con molta serietà e determinazione sta portando avanti l’opera.

In meno di due anni quella che sembrava una ‘provocazione’, un ‘patto’ come tanti sta per diventare un’opera strategica con importanti ricadute sul territorio.

Nicola Ottaviani è stato rieletto con un plebiscito al primo turno. Senza dover scomodare sofisticati analisti della politica è abbastanza intuitivo che lo Stadio Benito Stirpe abbia avuto un importante peso specifico nell’apprezzato “Modello Frosinone”.

La straordinaria determinazione di Maurizio Stirpe, le sue indubbie doti imprenditoriali e la squadra che ha messo in campo sono stati elementi fondamentali per raggiungere l’obiettivo.

Frosinone avrà così uno stadio di ultima generazione realizzato in tempi record.

Il direttore Alessio Porcu si domandava se il Patto del Casaleno avrebbe retto. Ebbene sì! In realtà si è trasformato in qualcosa di molto più importante.

Il matrimonio tra Ottaviani e Stirpe è stato celebrato in barba allo scetticismo di molti e – a distanza di due anni – possiamo dire che è stato d’amore, di quello vero per il territorio.

E Lui… lo aveva detto.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright