Zingaretti lancia ‘Cambiamo.eu’ e diventa sempre più nazionale

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

Che abbia messo Matteo Renzi nel mirino è un’idea assolutamente azzardata. Ma che Nicola Zingaretti si stia ritagliando sempre più uno spazio nazionale è innegabile. Come dimostra la petizione lanciata poche ore fa dal governatore del Lazio ed annunciata sull’Huffington Post Italia (leggi qui). La petizione on line si chiama Cambiamo.eu e nasce dopo la scelta della maggioranza dei cittadini del Regno Unito di uscire dall’Unione Europea.

Nel presentare la sua iniziativa, Zingaretti premette che «I motivi di questa scelta, al di là delle dinamiche politiche interne, sono sicuramente legati soprattutto all’insoddisfazione di milioni di cittadini verso la loro condizione di vita, alla sensazione dell’assenza di una prospettiva di riscatto e alla ricerca di un capro espiatorio che, questa volta, ha assunto il volto dell’Europa». E riconosce che «L’Unione con le sue timidezze, le sue fragilità e, spesso, con la sua incapacità di dare risposte adeguate ai bisogni di cittadini e imprese ha prestato il fianco a questo rischio».

La preoccupazione di Zingaretti è che la scelta britannica alimenti il malessere anche negli altri Paesi europei, «indicando nel processo di unione il “problema” e non la possibile soluzione».

Al di là dei contenuti, si tratta di una perfetta operazione mediatica. Sposta il governatore dal Lazio e lo pone sotto una luce più nazionale, proiettandone una dimensione più ampia di quella attuale.

Anche se non è voluto entrare nella segreteria politica nazionale del Pd, Nicola un ruolo nazionale se lo vuole costruire. Non contro Renzi: ma intanto è importante esserci.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright