Congresso del Pd, perché chi arriverà in testa alle primarie vincerà il congresso

Impossibile pensare ad un’operazione di Palazzo che veda gli sconfitti alleati per far perdere il vincitore. In realtà il punto chiave è quello della piattaforma condivisa, che sia Nicola Zingaretti che Marco Minniti potrebbero assicurare. Sullo sfondo le scelte di Matteo Renzi, forse tentato dal modello Macron. Ma non sarebbe la stessa cosa.

2 Condivisioni

Con l’inaugurazione del Parco Matusa il sindaco Ottaviani chiude un cerchio

L’opera rappresenta l’altra faccia della medaglia dell’operazione dello stadio Benito Stirpe. Adesso tocca al completamento delle polveri sottili. Ma è la lotta all’inquinamento la sfida che nessuno ha mai vinto: in questo caso il sindaco avrebbe bisogno del sostegno dell’intero consiglio comunale. Più facile a dirsi che a farsi

2 Condivisioni

Guerra M5S – Lega in Regione Lazio

Scontro Lega – Movimento 5 Stelle sugli inceneritori. La lite nazionale si sposta in Regione Lazio. I grillini: “Clamoroso voltafaccia”. Il Carroccio: “Non ci sono abbastanza impianti”. L’allarme durante Porte Aperte: “Raddoppiato il costo di smaltimento dei rifiuti organici. Organizziamoci tra noi”

2 Condivisioni

La candidatura nel cassetto, i leader con il freno a mano tirato

Le voci dai palazzi romani della politica sono concordanti: dopo le europee il governo gialloverde potrebbe entrare in crisi. E a quel punto si aprirebbero le porte alle elezioni politiche anticipate: Ruspandini, Zicchieri, Fontana, Frusone, Gerardi, Segneri, Rufa, De Angelis, Pompeo, Ottaviani e Abbruzzese sono già in… campo.

2 Condivisioni

Alleati come nemici e avversari come amici

La crisi del centrodestra e del Partito Democratico in provincia di Frosinone continua a snodarsi nei vasri Comuni: dopo la sfiducia a Fausto Bassetta ad Anagni,  le dimissioni tattiche di Carlo Maria D’Alessandro a Cassino e le difficoltà di Roberto Caligiore a Ceccano. Ma perfino quando sono all’opposizione i Democrat si dividono. Come a Frosinone.

2 Condivisioni