Salera vara il bis nel giorno della grande onda Dem

Primo Consiglio comunale a Cassino: nel giorno in cui il centrosinistra vince tutti i ballottaggi nelle città del Lazio. Di Rollo confermata presidente dell'Aula all'unanimità, le minoranze si spaccano sul vice. Al via anche le commissione: inizia ufficialmente il 'Salera bis'

Alberto Simone

Il quarto potere logora chi lo ha dato per morto

Via ufficiale al Salera bis‘. Il varo avviene nel giorno in cui il Pd trionfa in tutte le città del Lazio chiamate al ballottaggio realizzando un 6 su 7 che nessuno aveva ipotizzato fino ad un mese fa. Enzo Salera mette in campo il suo esecutivo e la sua maggioranza a due settimane esatte dal proprio personale trionfo: precursore dell’onda Dem che si è abbattuta oggi sul Lazio. (Leggi qui: Ballottaggi, nei Comuni il Pd ne prende 3 su 3).

Il varo del Salera bis

Il giuramento del sindaco

Un varo cominciato con il giuramento del primo cittadino e l’elezione del presidente del Consiglio Comunale, c’è stata la convalida di tutti gli eletti e da domani saranno operative tutte le commissioni permanenti. A presiedere l’assise è stato in apertura a seduta il consigliere anziano Edilio Terranova, in quanto è colui che ha riportato il maggior numero di preferenze nella lista che ha preso più voti. Poi, all’unanimità, l’assise ha votato Barbara Di Rollo che torna dunque a presiedere i lavori in sala Di Biasio come già avvenuto nel quinquennio 2019-2024. La presidente ha ringraziato tutti per la fiducia e così come il sindaco Salera ha giurato sulla Costituzione.

Prima dell’elezione del presidente, ci sono stati molti interventi, da parte soprattutto delle opposizioni, in maniera un po’ irrituale in quanto il sindaco non ha elencato le linee programmatiche. I consiglieri di minoranza hanno però voluto dimostrare subito di essere determinati nello svolgere il loro ruolo di oppositori. Particolarmente battagliero Giuseppe Sebastianelli che si è opposto al punto all’Ordine del Giorno relativo alla formazione delle Commissioni, in quanto sosteneva che non poteva essere inserito nel primo Consiglio.

Il segretario comunale ha spiegato che si poteva procedere e così da domani si insedieranno: quella Bilancio, che sarà presieduta dall’ex assesora al Commercio Maria Rita Petrillo si riunirà già nelle prossime ore in quanto il 28 giugno bisognerà tornare in Consiglio per approvare le tariffe Tari: adempimento che non può andare oltre la fine del mese in corso.

Due opposizioni

I Consiglieri di opposizione

Ma l’opposizione che fa capo a Giuseppe Sebastianelli – con al seguito Franco Evangelista e Arduino Incagnoli – ha voluto marcare subito le distanze anche dall’altra opposizione, quella del centrodestra di Arturo Buongiovanni: i tre, infatti, non hanno votato a favore di Carmine Di Mambro come espressione dell’opposizione alla vice presidenza dell’Aula.

Entrando nello specifico: Sebastianelli e Evangelista hanno espresso voto contrario, Incagnoli si è astenuto. Carmine Di Mambro è stato eletto vicepresidente d’Aula coi voti dei sei consiglieri di centrodestra ed a favore ha votato anche l’intera maggioranza.

È un segnale politico molto indicativo. Sta a dimostrare che nel campo del centrodestra c’è ancora da lavorare, e molto, per ricucire gli strappi che si sono acuiti durante la campagna elettorale. Anche perché Sebastianelli ancora nei giorni scorsi ha spiegato di essere convinto della sua tesi secondo cui “c’era un accordo per non far eleggere a Cassino un sindaco di centrodestra nel 2024, dando di fatto la riconferma a Salera“.

Il primo cittadino gli aveva risposto con quello che gli riesce più facile, i numeri: “Se l’accordo di cui parla Sebastianelli sarebbe stato tra me e Abbruzzese, come mi sembra di capire, basta confrontare i voti che ha preso Abbruzzese a Cassino alle Europee e quelli che ho presi io per capire che questa tesi non sta in piedi“.

I capigruppo

Il sindaco Enzo Salera con il consigliere Sarah Grieco

Altra nota interessante è stata quella relativa ai capigruppo. Nel Pd tra le due litiganti Sarah Grieco ed Ornella Rodi ha avuto la meglio Fabio Vizzacchero. Grieco avrà però la presidenza della commissione Ambiente.

Nella lista ‘Partecipiamo Cassino‘ il capogruppo sarà Andrea Vizzaccaro mentre per la lista ‘Salera sindaco‘ confermato come nel quinquennio precedente il ruolo di capogruppo a Edilio Terranova.

Maria Rita Petrillo e Luca Fardelli non fanno invece un Gruppo comune: la prima sarà dunque capogruppo di Orizzonte Comune, il secondo di Demos. Anche tra le opposizioni quasi tutti i consiglieri saranno capigruppo di se stessi, con l’eccezione di Fratelli d’Italia che esprime due consiglieri e il capogruppo sarà Silvestro Petrarcone.

Il sindaco e la confermata presidente d’Aula Barbara Di Rollo

Con il Consiglio comunale di oggi si è chiusa la fase post elettorale dedicata alla formazione della Giunta al giuramento e all’avvio delle commissioni consiliari permanenti. Da adesso inizia davvero il Salera bis e c’è da scommetterci che già nel Consiglio di venerdì i toni saranno molto più accesi rispetto ad oggi che è stata una cerimonia, più che un Consiglio, soprattutto per i debuttanti. I più ‘navigati’, invece, hanno colto l’occasione per lanciare subito segnali politici importanti. Proprio nel giorno in cui i Ballottaggi nel Lazio ne hanno inviato uno all’intero scenario politico