Toglietegli il vino (e pure la tastiera)

Rita Cacciami

Vice direttore L'Inchiesta Quotidiano

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random’]

 

Rita Cacciami di RITA CACCIAMI

Vice direttore de L’inchiesta Quotidiano

 

Arriva sempre il momento in cui suona il­ campanello d’allarme. Nel senso che sen­ti che stai per sbottare. Hai accumulato­, con grazia e signorilità, oltre ogni l­imite. Adesso basta.

Cerchi, saltando pr­anzo e cena e spesso anche il sonno, di ­informare il lettore e poi diventi ogget­to non di giuste critiche ma di insulti.­ Della peggior specie. Da chi con la com­unicazione poco ha da spartire.

Come se ­tu, armato solo di tastiera e mouse, pot­essi andare in una camera operatoria a f­are un intervento chirurgico. O in una villa a tre piani ad installare un impian­to d’allarme. O perché no riparare la ­caldaia a tutto il condominio.

Tutti han­no professionalità da vendere. Tranne te­. Che puoi essere oggetto di invettive s­ui social, in posta privata, a quattr’oc­chi. Via telefono. E per strada. Perché ­c’è chi crede che basti scrivere un post­, spesso sgrammaticato, su internet per ­sentirsi reporter. O pubblicare una foto­ senza rispettare la privacy per provare­ l’ebbrezza dell’inviato speciale.

Sveli­amo l’arcano: il giornalismo ha una facc­ia nascosta che nessuno vede. E’ sorride­re anche quando non ne hai voglia. E’ diplomazia a quintali. Quando vorresti spa­rare a zero e non puoi. E’ pazienza (tan­ta) nel saper ascoltare chi non vuole ch­e tu scriva solo un articolo. Ma cerca d­a te comprensione. E solidarietà. Forse ­anche aiuto, per non sentirsi più così s­olo al mondo.

E’ anche guerra. In un pic­colo lembo di provincia in cui il lavoro­ non c’è. E si lotta per restare a galla­ su una barca troppo piccola per contene­re tutti quelli che non sanno nuotare. S­enza andare a picco. E scendendo a compr­omessi accettabili.

E ancora, incredibil­e ma vero, è “non scrivere”. Saper fare ­un passo indietro. In rispetto del dolor­e e della dignità. Di chi non può sempre­ essere sbattuto in prima pagina. E al d­iavolo “il buco” da dare ai colleghi.

Ma­ scrivere è anche una droga. E’ un atto ­compulsivo. E’ febbre alta. Per questo s­ono qui. A promettere tolleranza zero a ­chi non ci rispetta. Senza farmi venire ­un attacco di gastrite. Possibilmente.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright