I ricci spaccacuori di Astrolabia (di F. Dumano)

Foto: copyright Archivio Piero Albery

Gli anni Ottanta. I capelli ricci facevano outfit. E bisognava averli: tanti, vaporosi. Erano gli anni delle labbra rosse e di un partiolare effetto intorno agli occhi. Astrolabia incarnava con naturalezza tutto questo.

Fausta Dumano

Scrittrice e insegnante detta "Insognata"

Ricordi in bianco e nero… in quegli anni eravamo senza confini. Il liceo classico di Arpino attirava pure ‘gli stranieri‘: si veniva al nostro liceo da Isola del Liri e da Sora anche. Di conseguenza anche la bella Alessandra Greco divenne una di noi.

Outing: chi di noi non ha invidiato almeno una sola i suoi capelli? Io certamente li ho invidiati più di una volta, ho provato senza successo il ricorso a permanenti selvagge, ma senza risultato… I miei capelli sono lisci ed erano lisci come gli spaghetti. Lei era l’emblema della capigliatura di moda: i suoi capelli venivano arricciati con dei ferri per creare riccioli.

Le finger wayes, i ferri arricciacapelli, permanenti a freddo. In fondo fino agli anni Ottanta i ricci erano un must, parte integrante del look. I ricci facevano ‘outfit‘ erano unici, difficilmente passavano inosservati. Erano anche gli anni delle labbra rosse ed un marcato effetto smokey eyes. Alessandra era ed è bella ancora,di stragi ne faceva…

Alessandra aveva con lei un certo mistero. Ancora oggi emana mistero. Sulla rete per il suo profilo facebook ha scelto il nome Astrolabia: cerco da tempo di capire il perché.

Ci siamo frequentate anche a Roma ai tempi dell’università, dove lei insieme ad un gruppo di amici aveva dato vita ad un collettivo ‘Gli amici dello zoo‘. Quell’appartamento romano potrebbe essere la location di un film per narrare la vita dei ciociari universitari, il bisogno di fare gruppo nella metropoli.

Oggi l’Alessandra è una prof, ha attraversato gli anni Ottanta, i ricci non sono più così importanti. Ma hanno lasciato un segno indelebile in un’intera generazione, fino ad imprime un ricordo nitido nella lastra dei… ricordi in bianco e nero.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright