Attenti a quei due, anche Graziani ed Arrigoni battezzano lo ‘Stirpe’ (di A. Salines)

Enrico Graziani e Daniele Arrigoni, il Dg ed il mister della storica serie di promozioni del Frosinone. Anche loro nello stadio Stirpe il giorno del battesimo.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Enrico Graziani e Daniele Arrigoni. Attenti a quei due. Tra gli ospiti d’onore della festa di oggi. Nella grande storia del Frosinone Calcio, culminata con la realizzazione dello stadio ‘Benito Stirpe‘, il duo Graziani-Arrigoni ha recitato un ruolo importante. Direttore generale ed allenatore della prima promozione dell’éra-Stirpe.

Nella stagione 2003-2004 firmarono il salto in serie C1. Fu il primo passo. Si acquisì la consapevolezza che a Frosinone si poteva fare calcio sostenibile. Il presidente Maurizio Stirpe scelse dapprima Enrico Graziani, come direttore generale. Arrigoni arrivò qualche mese dopo al posto di Francesco Giorgini. Il Frosinone trionfò all’ultima giornata grazie alla vittoria Melfi. Graziani fu protagonista anche della promozione in serie B. Il vero spartiacque.

Arrigoni e Graziani non sono voluti mancare all’inaugurazione dello ‘Stirpe’. Insieme a tanti ex allenatori e dirigenti. Il legame è rimasto saldo. «E’ una meraviglia quanto realizzato dal presidente Maurizio Stirpe e dalla società – sostiene Graziani – Io il Casaleno l’ho frequentato in passato e quando sono arrivato non credevo ai miei occhi. Credo che sia lo stadio più bello d’Italia considerando le dimensioni. Ho visitato la struttura: è moderna e funzionale. Ma la famiglia Stirpe rende possibili le cose impossibili. La serie A è l’esempio. Quest’impianto rafforza l’intero progetto societario».

Graziani ricorda: «Il compianto Benito Stirpe una volta mi disse: il Frosinone deve andare in serie A. E’ stato di parola. Ed era un periodo nel quale non riuscivamo a vincere. Poi guarda caso sono arrivati i successi».

Enrico Graziani e Daniele Arrigoni. Attenti a quei due.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright