Frosinone la maledizione del 17: Ko a Bari e agganciato in vetta

Il Frosinone nemmeno questa volta riesce a penetrare nel fortino del San Nicola: finisce ko contro un Bari di rado pericoloso. Canarini raggiunti in vetta

Giovanni Giuliani

Giornalista malato di calcio e di storie

BARI (4-3-3): Micai; Sabelli, Marrone, Gyomber, D’Elia; Busellato, Basha, Henderson (25′ st Tello); Anderson (42′ st Diakité), Kozak (37′ st Nené), Galano.

A disposizione: De Lucia, Conti, Petriccione, Brienza, Improta, Balkovec, Iocolano, Floro Flores, Empèereur.

Allenatore: Grosso.

FROSINONE (3-4-1-2): Bardi; Brighenti, Ariaudo, Terranova; M. Ciofani (35′ st Paganini), Chibsah, Maiello, Beghetto; Ciano (25′ st Soddimo); Dionisi (35′ st Citro), D. Ciofani.

A disposizione: Vigorito, Crivello, Russo, Besea, Volpe, Paganini, Citro, Krajnc, Koné.

Allenatore: Longo.

Arbitro: sig. Aleandro Di Paolo di Avezzano; assistenti sigg. Giovanni Colella di Crotone e Damiano Margani di Latina; IV Uomo sig. Antonio Di Martino di Teramo.

Marcatore: 18′ st Kozak.

Note: spettatori: 12.657 di cui 9.003 abbonati e 3.654 paganti (200 tifosi del Frosinone); angoli: 13-4 per il Frosinone; ammoniti: 37′ pt Chibsah, 47′ pt Henderson, 18′ st Kozak, 48′ st Basha e D. Ciofani; recuperi: 2′ pt; 5′ st.

*

Quanto è amara Bari. Per il Frosinone il San Nicola si conferma uno scoglio troppo arduo da superare. Neanche questa volta i giallazzurri riescono ad espugnare un campo dove hanno raccolto solo un pari nelle precedenti uscite e solo amarezze.

Ma soprattutto il Frosinone viene agganciato dall’Empoli vittorioso ad Ascoli ed interrompe la striscia positiva fermandosi a 16 risultati utili. Come a dire che ci è messa anche…. la scaramanzia e quel 17 maledetto.

 

AVVIO VIBRANTE, IL FROSINONE C’E’

Eppure la partenza del Frosinone è subito decisa: Ariaudo lancia Daniel Ciofani dopo 30 secondi: il buco della difesa pugliese libera l’attaccante la cui conclusione viene deviata in angolo da Gyomber. Su una ripartenza è il Bari a rendersi pericoloso. Sabelli si invola e lancia Kozak: provvidenziale la chiusura di Ariuado sull’attaccante barese. La conclusione dello stesso Kozak finisce alta.

All’11esimo è di nuovo Frosinone: con  tre passaggi i giallazzurri per poco non passano. Sventagliata di Daniel Ciofani per Beghetto sulla sinistra, l’esterno crossa per Ciano che con un mezza rovesciata per poco non trova l’eurogol.

Dall’altra parte il Bari prova a sfruttare la catena di destra con Anderson e Sabelli ma Bardi non corre pericoli.

Al 18esimo, invece, è ancora Il Frosinone a farsi vedere con un cross insidioso di Beghetto: Micai respinge a mano aperta, prima dell’arrivo di Daniel Ciofani.

 

SCENDE IL RITMO E SALE IL NERVOSISMO

Nella fase centrale del primo tempo nessuna delle due riesce a prendere il sopravvento: al 32simo su un angolo Gyomber ci arriva con il piede destro ma Bardi non corre pericoli.

La gara con il passare diventa anche un po’ nervosetta. Al 37esimo primo giallo per Chibsah per un su fallo su Enderson. Il pallino del gioco rimane sempre nelle mani dei ciociari. Al 41esimo il mancino di Ciano serve Daniel Ciofani che si avvita di testa ma non trova lo specchio. Poco dopo è ancora il bomber abruzzese a calciare a rete. Micai c’è senza problemi.

Il Frosinone chiude in avanti: gemma di Maiello al 44eismo che pesca Matteo Ciofani in area: il suo sinistro chiama Micai alla deviazione in angolo. Il tempo si conclude con l’ammonizione Enderson per un’entrataccia su Ariuado

 

SI RIPARTE MA NON E’ IL SOLITO FROSINONE

Nella ripresa il Frosinone reclama subito per un contatto in area tra Sabelli e Dionisi lanciato da Ciano, l’arbitro fa proseguire.

Al 4° in contropiede il Bari va vicino al gol: Bardi respinge il tiro insidioso di Galano lanciato dall’intraprendente Sabelli. Sull’altro versante Ciano pennella per Dionisi anticipato da Gyomber.

 

ECCO IL GOL DEI GALLETTI

Una gara che sembra abbastanza in controllo si complica maledettamente al 17esimo: il Bari passa in vantaggio  sugli sviluppi di un angolo. L’inzuccata di Kozak, che brucia i difensori gialalzzurri, trafigge Bardi.

Kozak non segnava in Italia da una vita: l’ultima volta era stato nel 2013.

Sotto di un gol Il Frosinone prova a scuotersi. Al 23esimo il tiro di Chibsah dopo un’azione prolungata dei suoi termina alle stelle.

 

LONGO CERCA LA VOLTA DALLA PANCHINA .. CHE NON ARRIVA

Al 25esimo cerca la scintilla dalla panchina: dentro Soddimo per Ciano ma i pericoli il Frosinone non li crea. Anzi sono sempre i pugliesi a creare qualche grattacapo alla retroguardia canarina.

Longo allora tenta il tutto per tutto. Fuori Dionisi per Citro e Matteo Ciofani per Paganini, ma la sostanza non cambia.

Con il passare dei minuti il Frosinone prova a buttarla nell’area dei galletti ma Gyomber sbroglia in maniera autorevole.

Nel finale il Frosinone non ha la lucidità necessaria per pareggiare la contesa: i giallazzurri cercano di proporsi in avanti in maniera sterile. Il risultato non cambia. Finisce cosi l’imbattibilità dopo 16 gare. Evidentemente quel 17…. porta male davvero.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright