I fratelli Ciofani trascinano il Frosinone, la classe di Ciano (di A. Salines)

Alessandro Salines

Lo sport come passione

di Alessandro SALINES
Giornalista
in zona Cesarini

 

 

PODIO&CONTROPODIO / L’esterno Beghetto appare ancora in ritardo di condizione

La premiata ditta Ciofani si prende la scena,
Ciano delizia la platea con giocate di classe
Un rientro tutto in salita per Maiello

Daniel sblocca il risultato con un gol da bomber di razza. All’ex cesenate manca solo la rete

 

PODIO

MATTEO CIOFANI. Si conferma affidabile come pochi e bagna il debutto dal 1′ con un’ottima prova. Interpreta il ruolo di esterno destro di centrocampo nel migliore dei modi. Attacca e difende con puntualità e disciplina. Nel primo tempo regala un bel cross al fratello Daniel che sfiora la rete. La condizione è già ottima tanto che è tra i pochi a fare su e giù fino alla fine. Longo ha un giocatore importante sul quale contare in una stagione che si prospetta lunga ed impegnativa.

DANIEL CIOFANI. Il bomber giallazzurro sul primo gradino del podio e non solo per lo splendido gol (primo in campionato) con il quale il Frosinone sblocca il risultato. La sua è una grande partita a tutto tondo. Potrebbe segnare qualche altra rete, si batte e si sbatte fino all’ultimo secondo. Varnier ed Adorni vedono i sorci verdi e spesso sono costretti alle maniere forti per fermarlo. Si nota lontano un miglio che ha tanta fame di rivalsa dopo la disgraziata stagione passata.

CIANO. Conquista il podio con una prestazione di grande qualità. Confeziona l’assist dell’1-0 di Daniel Ciofani. Il suo piede è educato e capace di deliziare la platea. Sui tiri da fermo può sempre far male. Meriterebbe la rete. Nel primo tempo si fa ipnotizzare da Paleari, nella ripresa non è stato troppo fortunato con una bella girata di controbalzo. Per la difesa del Cittadella è un pericolo costante perché non dà punti di riferimento. Parte infatti defilato, sembra quasi nascondersi ma poi riappare e sono guai.

CONTROPODIO

MAIELLO. Un rientro difficile per il centrocampista campano ancora in ritardo rispetto ai propri compagni. Abbastanza timido e poco ispirato anche perché i dirimpettai sanno il fatto loro. I postumi dell’infortunio pesano ancora ma solo giocando può recuperare la migliore forma. Fa bene quindi Longo a dargli minuti.

BEGHETTO. Longo gli regala 20 minuti della ripresa in una fase della gara dove al Frosinone servirebbe corsa ed intraprendenza per ripartire. L’ideale per un esterno forte come l’ex genoano che però non è ancora al top e si limita a svolgere il compitino. Da un elemento come Beghetto ci si aspetta di più anche in corsa e non a caso Longo continua a preferirgli Crivello.

TERRANOVA. Intendiamoci, partita sufficiente la sua ma nel finale sembra in difficoltà sulle palle alte e nelle mischie tanto che il Cittadella è pericoloso con un paio di colpi di testa. Forse accusa un po’ di stanchezza che ci può stare considerando il periodo

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright