Il Frosinone vuole regalarsi una notte da “leoni”

Foto © Mario Salati

Nel turno infrasettimanale Bardi e compagni affrontano allo “Stirpe” la Virtus Entella. Nesta cerca la terza vittoria che potrebbe regalare il primato se Cittadella, Salernitana ed Empoli non dovessero vincere. Avversari a caccia del primo successo in campionato.

Alessandro Salines
Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Frosinone sogna una notte da “leoni”. Profumo di primato allo “Stirpe”, anche se il campionato è arrivato solo al quarto giro di valzer. Nel primo turno infrasettimanale (fischio d’inizio alle 21) i canarini possono conquistare la vetta se battono la Virtus Entella e le tre attuali capolista (Cittadella, Salernitana ed Empoli) non vincono. Un primo posto che avrebbe un valore relativo nell’economia del torneo ma regalerebbe entusiasmo ed autostima. Questo ad un gruppo che ancora porta sulla pelle le scottature di una promozione sfumata all’ultimo respiro nella finale di ritorno a La Spezia. Insomma Alessandro Nesta vuole sfruttare le due gare di fila in casa per calare il tris di successi. E mettere la stagione sui binari giusti dopo un avvio complicato.

Una squadra dai due volti

Mister Nesta durante Frosinone-Virtus Entella a febbraio Foto © Mario Salati

Contro l’Entella il Frosinone dovrà essere più regolare. A Venezia e in casa contro l’Ascoli ha stentato nel primo tempo rischiando il tracollo. Poi nella ripresa ha cambiato musica e sono arrivate le 2 vittorie. Un trend che va invertito però. (Leggi qui Magia di Salvi e l’Ascoli è Ko, Frosinone sfata il tabù Stirpe).

Regalare 45’ può diventare un gioco pericoloso. Perché non sempre si trovano avversarie che sbagliano gol come è capitato nelle due precedenti sfide. Bisogna partire forte ed impattare bene la gara.

Ma perché è un Frosinone a due velocità? Nesta ha provato a dare una risposta dopo la partita contro l’Ascoli. «Abbiamo alcuni giocatori che devono recuperare la forma. Stiamo cercando di portarli tutti allo stesso livello di condizione. E credo che questo sia un aspetto molto importante che spiega la differenza tra primo e secondo tempo. Abbiamo giocato una ripresa sicuramente migliore, siamo stati bravi nei primi 45’ a non prendere gol. Le partite in serie B si vincono anche così».                 

L’Entella tra covid e voglia di stupire

Mister Bruno Tedino

Come era successo al Frosinone alla vigilia del match con l’Ascoli anche l’Entella deve fare i conti con il coronavirus. Un membro dello staff infatti è risultato positivo. Una notizia che ovviamente ha scosso la squadra prima della partenza per la Ciociaria.

Ma il tecnico Bruno Tedino non perde la fiducia e spera di vincere la prima partita dopo 2 pareggi ed 1 sconfitta. L’esperto allenatore veneto (400 panchine tra i professionisti festeggiate sabato scorso) è convinto di poter disputare una grande gara.

«Mi aspetto una partita difficilissima – spiega –. Affronteremo una squadra molto forte che soltanto qualche mese fa è andata a un centimetro dalla promozione in serie A. Una formazione allenata da un tecnico giovane che stimo molto. E che ha dimostrato di avere delle ottime idee. Noi abbiamo cercato di prepararla al meglio nonostante diverse difficoltà. Con la consapevolezza che dovremmo fare una prova super per tornare a Chiavari con dei punti»

Tedino confida nella compattezza del gruppo. «Ho la fortuna di allenare dei ragazzi davvero unici e questo mi rassicura molto – continua il trainer della Virtus –. Non mi piace parlare degli assenti, ma è chiaro che in questo momento dobbiamo cercare di stringere i denti e unirci ancora di più. Forti dell’iniezione di fiducia che la rimonta di sabato ci ha dato. È un campionato particolare per tutti, ci muoviamo in mezzo a un virus che non ci dà pace. Tuttavia il nostro compito è cercare di pensare alla partita e focalizzare lì tutte le nostre energie». 

L’arma-Rohden

Rohden recuperato, potrà essere l’arma in più

Il Frosinone recupera Rohden che dovrebbe partire nell’undici. Il centrocampista svedese è una pedina fondamentale nello scacchiere di Nesta. I suoi strappi sono stati spesso decisivi e quindi con l’Entella potrebbe diventare l’arma vincente.

Il tecnico giallazzurro pare orientato ad effettuare un mini-turnover per far rifiatare quei giocatori maggiormente impegnati negli ultimi giorni.

Tra i pali ci sarà ovviamente Bardi. In difesa rientra Ariaudo che sabato aveva sostituito Szyminski, infortunatosi dopo pochi minuti. Il terzetto sarà completato dai due “braccetti” Brighenti e Curado. Sulle fasce Salvi, matchwinner con l’Ascoli, e uno tra D’Elia e Beghetto che torna dopo le noie muscolari. In mezzo Rohden, Maiello e Tribuzzi. Ma non è esclusa neppure la conferma di Tabanelli. In panchina Kastanos reduce da un periodo intenso tra campionato e nazionale. Dovrebbe cambiare la coppia d’attacco dentro Dionisi-Novakovich, fuori Ciano-Parzyszek. Modulo 3-5-2 ma la presenza di Rohden potrebbe far optare anche per un 3-4-1-2.

Assente Crimi, in dubbio Paolucci

Frosinone sempre a segno contro l’Entella, con 10 marcature Foto © Mario Salati

Tedino ha problemi di formazione. Il tecnico non potrà contare sull’esperto centrocampista Crimi, squalificato dopo l’espulsione rimediata nel match contro la Reggina.  Un’assenza pesante. «Cercheremo di ovviare all’assenza di Marco. Così come, nelle ultime settimane, abbiamo ovviato alle altre defezioni», dice. Paolucci è stato toccato duro alla caviglia e la sua presenza è in forte dubbio. L’Entella dovrebbe schierarsi con il 4-3-1-2.

Previsto qualche cambio per necessità. Ed anche per gestire le tre gare in una settimana. E così Borra difenderà la porta dietro ad una difesa formata da De Col, Poli, Chiosa e Pavic. A centrocampo Koutsoupias, Toscano e Brescianini. Sulla trequarti giostrerà Morosini. In attacco Mancosu e Brunori.

I precedenti favorevoli ai canarini

Quattro le sfide in Ciociaria tra Frosinone ed Entella. Il bilancio pende tutto dalla parte dei padroni di casa che si sono imposti per ben 3 volte. C’è pure un pareggio (3-3 nella Serie B 2014/15). Nei 4 match presi in esame, il Frosinone ha sempre trovato la via del gol per un totale di 10 marcature ai danni dell’Entella.