Frosinone, Nesta vuole una partita da “leoni”

Foto: Mario Salati

Domenica pomeriggio trasferta delicata in casa del fanalino di coda Entella. I giallazzurri non vincono da 10 turni anche se il pareggio di Ascoli ha dato segnali positivi sul piano del carattere. Il tecnico s’aspetta un’altra prova d’orgoglio. Non mancano i problemi: out Capuano, Brighenti, Millico, Brignola e Tribuzzi, oltre che i soliti Ciano e Baroni. Avanti col 3-5-2. Vivarini col 4-3-1-2 ma cambia diversi interpreti.

Alessandro Salines
Alessandro Salines

Lo sport come passione

Ad Ascoli qualche segnale di risveglio e uno scatto d’orgoglio. Ma anche errori gravi che sono costati il ritorno al successo che manca ormai da dieci turni. A Chiavari, in casa del fanalino di coda Entella, bisogna rompere l’incantesimo della vittoria e quindi cambiare marcia. Una svolta  necessaria si vuole ancora puntare ai playoff. L’ottavo posto infatti si è allontanato (è ora a 6 punti) dopo la vittoria del Lecce a Cremona.

Mi aspetto di proseguire sul percorso dell’ultima gara nella quale abbiamo messo cuore ma anche qualità. E’ necessario a tutti i costi centrare i 3 punti. Per muovere la classifica in un certo modo serve vincere 2-3 partite di fila e poi la squadra sono sicuro che riprenderà il cammino spedito”, sostiene il tecnico Alessandro Nesta prima della partenza per la Liguria. (Leggi qui Il gol dell’ex e un lampo di ingenuità beffano il Frosinone: ad Ascoli è 1 -1).

L’Entella in affanno

Frosinone-Entella, Foto: Mario Salati

La formazione, allenata da Vincenzo Vivarini (ha sostituito Bruno Tedino all’ottava giornata), è reduce da 3 sconfitte di fila ed è relegata all’ultimo posto a quota 17.

Segna poco: 19 reti, peggio solo Pescara (18) e Cosenza (17) ed  una delle 6 compagini cadette che vanno in gol con meno giocatori (9 in 22 giornate). Ha la seconda difesa più perforata del campionato con 37 gol al passivo. Un dato per tutti comunque fotografa il cammino dell’Entella: 11 sconfitte e 4 successi in 15 gare. Nessun pareggio. L’ultima X risale al 21 novembre ad Ascoli.

Una squadra da prendere con le pinze e che deve fare punti per salvarsi. Nesta infatti non si fida degli avversari che ovviamente giocheranno alla “morte”. “L’Entella è una squadra dinamica e per me anche molto tecnica – sostiene l’allenatore giallazzurro – Ha un grande spirito ed un’aggressività importante, una formazione viva”.

Assenze e 3-5-2

Non si può dire che il Frosinone sia fortunato in questo periodo. Nesta continua a collezionare defezioni. A Chiavari dovrà rinunciare ai 2 nuovi attaccanti Brignola e Millico, a Tribuzzi, oltre che ai soliti Baroni e Ciano (“Speriamo di riaverlo presto e che ci possa dare quel qualcosa in più”, dice Nesta). Tutti infortunati.

Squalificato Capuano. Recupera capitan Brighenti destinato alla panchina. Sarà riproposto il 3-5-2 anche perché per il 4-3-3 non ci sarebbero i giocatori giusti. E poi con il modulo tradizionale la squadra è apparsa più sicura e, al netto dell’errore sull’azione del rigore, più quadrata.

Frosinone-Virtus Entella (Foto: Mario Salati)

Resta da migliorare la pericolosità in zona gol. Con 21 reti segnate il Frosinone è tra i 5 peggiori attacchi del campionato. Il ritorno al gol di Novakovich lascia ben sperare. Rientrerà Zampano, ex della sfida insieme a Iacobucci e Baroni.

Giostrerà da laterale di sinistra nel centrocampo a cinque che verrà completato da Rohden, Maiello, Kastanos e Salvi. Dietro Szyminski, Ariaudo e Curado. In attacco Novakovich e Iemmello.

Nesta non guarda troppo ai numeri. “Dobbiamo fare una partita tosta, con un modulo che permetta alla squadra di sentirsi a suo agio – afferma il tecnico – Ogni partita fa storia a sé e quella di Ascoli è stata particolare: siamo rimasti in 10, abbiamo avuto qualche problema. Però sono convinto che se continuiamo sul solco tracciato potremo avere dei grandi vantaggi. Abbiamo bisogno di rimettere in campo le stesse caratteristiche, la stessa mentalità e affrontare la partita a viso aperto. Sperando che vada meglio”.

L’Entella in ritiro

I liguri stanno cercando di compattarsi e dall’altra sera sono in ritiro. Tutti convocati tra i liguri. Vincenzo Vivarini dovrebbe riproporre il modulo 4-3-1-2 con alcune novità rispetto alla gara persa a Reggio Calabria mercoledì.

Tra i pali di nuovo Russo. In difesa confermati i centrali Chiosa e Pellizzer. Sulle fasce Coppolaro e Costa sono in predicato di tornare titolari al posto di Cleur e Pavic. A centrocampo altri 2 cambi: dentro Kotsouplas e Paolucci. Il trio dovrebbe essere completato da Mazzocco. Sulla trequarti molto probabile il ritorno dell’esperto Schenetti. In attacco Brunori ed uno tra Mancosu e Capello con quest’ultimo favorito.

Vincenzo Vivarini chiede ai suoi il massimo

Vincenzo Vivarini chiede ai suoi una partita sopra le righe. “Dobbiamo fare una grande partita – afferma il tecnico dell’EntellaServirà tanta determinazione, veniamo da buone prestazioni ma possiamo fare meglio. Bisogna infatti eliminare quelle ingenuità che ci stanno limitando. Sarà una gara molto intensa e dura contro un avversario forte che ha individualità importanti. Sono convinto che assisteremo ad un match tirato che verrà affrontato da entrambe con cattiveria agonistica”. 

Decimo confronto

Nove i precedenti. Quattro vittorie del Frosinone, 3 dell’Entella e 2 pareggi. Mai pareggio nei 4 incroci a Chiavari tra le due squadre: 3 successi liguri (ultimo 1-0 nella serie B dell’anno scorso) e 1 vittoria ciociara (1-0 nella serie B 2017/18).

Alessandro Nesta sempre vittorioso con Vincenzo Vivarini nei 2 confronti: i dati sono riferiti al doppio Ascoli-Perugia nella serie B 2018/19.