Il PaGGellone di Frosinone – Pescara nel sabato perfetto dei canarini (di G. Giuliani)

Frosinone... il sabato perfetto. Il lampo di Ciano, Chibsah gol e sostanza, l’esempio di Matteo Ciofani e la luce di Maiello… e’cosi che i giallazzurri salutano la compagnia

Giovanni Giuliani
Giovanni Giuliani

Giornalista malato di calcio e di storie

BARDI 6,5

Attento e preciso provvidenziale su Yamga offre una prova di grande sicurezza non sbaglia nulla. Si conferma una saracinesca.

BRIGHENTI 6,5

Prova lineare e diligente la sua. Con l’aiuto dei compagni riesce a tenere a bada gli avanti di Zeman. Prezioso

ARIAUDO 6,5

Prova di qualità, fatta di anticipi ed appoggi precisi. Guida il pacchetto arretrato con sicurezza e si concede solo una sbavatura, per fortuna senza conseguenze. Difensore di gran classe. Non lo scopriamo oggi, ma è bene ribadirlo.

TERRANOVA 7

Ripropone la mitraglia così come aveva fatto con la Pro. Ancora una volta una sua inzuccata si deposita in rete. Stacco imperioso per il gol della tranquillità.

M. CIOFANI 7

Viene cercato tanto, tantissimo e lui ci mette tutta la caparbietà di questo mondo per farsi trovare pronto. Va anche vicino alla gioia personale. E’ l’emblema della continuità. Altra grandissima prova.

CHIBSAH 7

In mediana, soprattutto nel primo tempo, serve tanto dinamismo e lui ne ha da vendere. Rincorre gli avversari, spezza le trame cercate dagli abruzzesi. Si esalta nella fase che gli riesce meglio, quella della interdizione. Nel finale trova il gol del 3-0 con un destro che non lascia scampo a Fiorillo.

MAIELLO 7,5

All’inizio la sua non è una gara facile, anche perché nel primo tempo il Frosinone fatica a creare gioco soffrendo la superiorità numerica dei pescaresi in mediana. Cresce nella ripresa quando, anche grazie al doppio vantaggio, riprende le redini del centrocampo fino a diventarne il solito padrone indiscusso. Stavolta anche di più.

BEGHETTO 6

I compagni lo cercano poco e niente. Gioca pochi palloni e non per colpa sua. Ma quelli che tocca sono potenzialmente pericolosi. Diligente in fase di ripiego quando ormai il risultato è delineato.

CIANO 7, 5

La luce si accende al minuto 49. Basta un lampo, o meglio una sassata dalla distanza che regala il vantaggio che spiana la strada al Frosinone. Quando si dice la qualità. Il suo voto si spiega tutto in quella gemma fondamentale.

DIONISI 6

Non e’ in grandissima giornata. Lui ci prova, sbuffa, si arrabbia ma non trova la rete che cerca anche perché, in soldoni, non entra molto nel vivo del gioco. L’impegno però è massimo e non si risparmia davvero mai.

Dal 78esimo CITRO S.V.

D.CIOFANI 6,5

Questa volta non timbra il cartellino ma non si risparmia di certo e l’applauso di tutto lo stadio quando lascia spazio al giovane Volpe e’ lo specchio della sua prova. Capitano generoso. Un esempio

Dal minuto 89 VOLPE S.V.

ALL. LONGO 7

Vittoria e primato solitario. Quinta vittoria di fila, sedicesimo risultato utile per un Frosinone che è una macchina quasi perfetta. Il tecnico piemontese vince il duello con Zeman grazie alle immense qualità del suo gruppo e ad una gestione della gara impeccabile. Un gruppo che continua a correre….