Frosinone, ripartenza in maschera

Domenica sera l’inizio del ritiro a Fiuggi. Trentuno convocati tra giocatori sotto contratto e diversi giovani della Primavera. Per adesso nessun volto nuovo, ma è una rosa che inevitabilmente subirà modifiche. Definito lo staff tecnico e sanitario

Alessandro Salines

Lo sport come passione

A distanza di neanche un mese e mezzo dalla maledetta notte della retrocessione, il Frosinone si rimette in moto in vista dell’inizio della nuova stagione. Si ricomincia a sudare nel ritiro di Fiuggi che per la quarta volta di fila abbraccerà i giallazzurri d’estate. La truppa si radunerà entro domenica sera all’Atlantic Park Hotel ed all’indomani riprenderà gli allenamenti al campo sportivo di Capo I Prati.

Convocati 30 giocatori più il turco Vural che raggiungerà la Ciociaria soltanto in un secondo momento dopo gli Europei Under 19. Nessun volto nuovo nel gruppo composto dai giocatori sotto contratto (compresi i rientri dai prestiti) ed alcuni giovani provenienti dalla Primavera. Le novità per adesso sono rappresentate dal neo allenatore Vincenzo Vivarini e dagli staff tecnico e sanitario.

Date, programma e amichevoli

Il campo di Capo i Prati a Fiuggi

Il Frosinone resterà a Fiuggi fino al 3 agosto quando tornerà in città e dovrebbe disputare un’amichevole di lusso allo “Stirpe” contro la Lazio dell’ex Baroni. Il resto dei test non è stato ufficializzato ma nelle prossime ore se ne dovrebbe sapere di più. La squadra giallazzurra dovrebbe svolgere 2 sedute al giorno alternando al solito la parte atletica a quella tecnico-tattica. Le sedute molto probabilmente saranno aperte al pubblico come nelle procedenti stagioni.

Di sicuro il 12 agosto alle 18 il Frosinone esordirà in casa in Coppa Italia contro il Pisa. E sarà anche un antipasto del campionato che partirà con l’anticipo del 16 agosto. Il calendario sarà svelato mercoledì 10 luglio alle 19 a La Spezia nel corso della tradizionale cerimonia organizzata dalla Lega Serie B presieduta da Mauro Balata. “Ancora una volta la Lega B intende valorizzare un patrimonio del proprio campionato, in questo caso piazza Europa a La Spezia, la cui storia parte negli anni Venti dello scorso secolo per trovare poi ammodernamenti e ristrutturazioni negli anni 60 e nello scorso decennio, con un nome più attuale che mai”, si legge in una nota della Lega.

I convocati

Riccardo Marchizza

Sono trentuno i giocatori chiamati all’appello. Non sono presenti neo acquisti come preventivato. “Prenderemo i rinforzi che servono per fare gli aggiustamenti alla rosa. Ma non c’è fretta e senza farci prendere dall’ansia”, hanno detto all’unisono il presidente Maurizio Sfirpe ed il direttore dell’area tecnica Guido Angelozzi. Nella lista dei convocati figurano gli elementi reduci dalla scorsa stagione: i portieri Cerofolini e Frattali; i difensori Kalaj,  Lusuardi, Marchizza, Monterisi, Oyono e Romagnoli; i centrocampisti  Brescianini, Gelli, Harroui e Mazzitelli; gli attaccanti Caso, Cuni, Garritano, Ghedjemis e Kvernadze.

Convocati inoltre i calciatori rientrati dai vari prestiti. Stiamo parlando dei difensori Bracaglia (Renate) e Szyminski (Reggiana), dei centrocampisti Cangianello (Lucchese) ed Haoudi (Pro Vercelli) e degli attaccanti Canotto (Cosenza) e Luciani (Messina). E’ un gruppo che subirà diverse variazioni tra arrivi e partenze. Il direttore Guido Angelozzi ha già anticipato che Szyminski e Canotto non rientrano nei piani.

Capitan Mazzitelli duella con Calafiori

Poi ci sono elementi che hanno offerte di mercato. Harroui è richiesto dal Verona, Brescianini è nelle mire di Atalanta, Fiorentina e Lazio, capitan Mazzitelli piace al Parma ed al Palermo che segue anche Caso. Insomma una situazione fluida e poi bisognerà tenere conto delle valutazioni del tecnico Vincenzo Vivarini che terrà dei colloqui individuali con tutti i giocatori.

La pattuglia dei giovani

Il giovane Selvini

Nutrito il gruppo di ex Primavera chiamati dalla società. Si parte dal portiere Palmisani già aggregato la scorsa stagione alla prima squadra dopo l’infortunio di Turati. Convocati i difensori Evan e Zaknic; i centrocampisti Ferizaj, Cichella e Vural; e gli attaccanti Cichero e Selvini, quest’ultimo già con qualche apparizione in Serie B negli anni passati.

I ragazzi saranno testati da Vivarini e dal suo staff. Non è escluso che qualcuno di questi possa essere inserito in pianta stabile nell’organico. Altri invece saranno ovviamente ceduti per fare esperienza.

Attesa per Vivarini e staff    

Vincenzo Vivarini

L’allenatore è per adesso la grande unica novità del Frosinone e c’è curiosità di vederlo all’opera in campo dopo il primo impatto avuto con la conferenza stampa di presentazione. Vivarini ha detto a chiare note di voler vedere entusiasmo, lavoro, professionalità ed applicazione da parte dei giocatori. “L’obiettivo primario sarà di schierare quanto prima una squadra organizzata, razionale e funzionale in un campionato duro intenso con realtà importanti. Spero di entrare presto nella testa dei calciatori”, ha sottolineato l’allenatore.

A lavorare con Vivarini uno staff affiatato e di grande fiducia che collabora col tecnico da anni. Stiamo parlando del vice Andrea Milani, del responsabile dei preparatori atletici Antonio Del Fosco, del preparatore dei portieri Fabrizio Zambardi e del match-analyst Massimo Carcarino. Si sono aggiunti il preparatore atletico Alessandro Fonte, ex Lazio, il collaboratore tecnico Giancarlo Marini ed il preparatore atletico Michele Saccucci, quest’ultimi 2 già in organico la passata stagione.

Vivarini e parte del suo staff

Completato infine lo staff sanitario guidato dal dottor Pasquale Tamburrini e profondamente rinnovato dalla società. Oltre al medico sociale Giorgio Cea, l’equipe è formata dal responsabile dei fisioterapisti Marco Martini, dai fisioterapisti Edoardo Surraco e Stefano Ciaschi e dall’osteopata Daniele Procario.