Profumo di serie A per il Frosinone. E Nesta sogna il derby con la Roma

Domani alle 18 al “Tardini” i canarini sfidano il Parma nel quarto turno del trofeo tricolore. Obiettivo raggiungere gli ottavi e scrivere un’altra pagina di storia. I due tecnici faranno un ampio turn over per gestire al meglio gli impegni ravvicinati. Il tecnico giallazzurro suona la carica: “Anche se faremo tanti cambi vogliamo passare il turno”. D’Aversa non si fida degli avversari: “Guai a sottovalutarli, attraversano un buon periodo”.

Alessandro Salines
Alessandro Salines

Lo sport come passione

L’inebriante profumo della serie A sfumata poco più di un mese fa e che torna a farsi sentire in un freddo pomeriggio di dicembre. Il sogno-derby dell’ex capitano della Lazio Alessandro Nesta che forse pagherebbe di tasca sua per sfidare la Roma all’Olimpico in uno storico (per il Frosinone) ed inedito ottavo di finale di Coppa Italia.

Frosinone-Parma del 2018

Domani alle 18 al “Tardini” i giallazzurri riprendono il cammino nel trofeo tricolore dove  quest’estate hanno eliminato la Carrarese e il Monopoli. Sulla loro strada troveranno il Parma,  nono nel massimo campionato con 18 punti. Pronostico che pende ovviamente dalla parte degli emiliani ma il Frosinone non partirà battuto e cercherà il colpaccio per entrare negli ottavi finora mai raggiunti. Ad aspettare la vincitrice del confronto la Roma il prossimo 15 gennaio.

Assenze e turn over

Entrambe le squadre dovranno fare i conti con gli impegni ravvicinati e quindi le energie andranno centellinate. Nessuno sottovaluta la partita ma bisogna ragionare nell’ottica delle tre gare in una settimana. Il Frosinone domenica sarà di scena a Castellammare di Stabia e vuole dare seguito alla bella vittoria con l’Empoli che l’ha rilanciato a 2 lunghezze dalla promozione diretta. Il Parma invece farà visita alla Sampdoria.

Ci teniamo molto alla qualificazione che ci regalerebbe un’altra partita in uno stadio importante – osserva Nesta – Faremo turn over in funzione delle tre partite in pochi giorni e non perché non diamo importanza alla sfida. Determinate scelte saranno fatte in quanto speriamo che ci portino dei vantaggi e ci consentano di andare avanti ”. 

Frosinone-Parma del 2018

Il tecnico giallazzurro ha convocato tutti gli elementi della rosa ma risparmierà in avvio i titolarissimi. Spazio a chi ha giocato meno. Un’occasione per dimostrare il proprio valore e per mettere in difficoltà lo stesso allenatore. Difficile ipotizzare una formazione. In porta comunque dovrebbe giocare Iacobucci; nella difesa a tre debutterà il polacco Szyminski con Salvi a destra e Brighenti a sinistra; a centrocampo Paganini (squalificato in campionato) fungerà da cursore destro, Haas e Tribuzi saranno le mezzali, Vitale il play, a sinistra Eguelfi all’esordio anche lui; in attacco Trotta e Citro. 

Anche il Parma si presenterà con una formazione imbottita di seconde linee. Il tecnico Roberto D’Aversa deve fare i conti pure con alcuni infortunati come Gervinho, Karamoh, Grassi ed Inglese. Venti i convocati. C’è la “stella” Kuluvseski ma riposeranno altri big quali Sepe, Bruno Alves, Scozzarella, Camara e Cornelius. Chiamati alcuni Primavera tra i quali Gabriele Artistico, attaccante romano, nipote dell’ex canarino Edoardo Artistico.

D’Aversa schiererà il Parma con il 4-3-3. Tra i pali Colombi con Laurini, Dermaku, Gagliolo e Pezzella in difesa. In mediana Hernani, Brugman e Barillà. Davanti rientrerà Siligardi con Kulusevski e Sprocati a completare il tridente.

Compagni di scuola

L’allenatore del Parma Roberto D’Aversa

Alessandro Nesta e Roberto D’Aversa si sono “laureati” insieme a Coverciano al corso allenatori. C’è grande stima tra i due.

D’Aversa lo conosco bene – sostiene Nesta – Ha un’identità precisa, efficace per quello che fa. Il suo Parma è forte nelle ripartenze e sa difendersi bene. Roberto è una persona che sa di calcio. Ed ho grande rispetto per lui. I ducali hanno qualche problema, domenica giocheranno una gara importante e quindi faranno dei calcoli. Ma sono sicuro che non prenderanno sottogamba l’impegno”.

Più o meno dello stesso tenore parole di D’Aversa. “Nesta è un ottimo tecnico che ha saputo superare l’inizio difficile – dice il trainer dei ducali – Ha ridisegnato la squadra, ora viene da un buon periodo ed ha dato 4 gol all’Empoli. Molti dei giocatori militavano in serie A la stagione scorsa e quindi non dobbiamo sottovalutarli. Non sarà una partita semplice. Anche il Frosinone cercherà il risultato. Tuttavia vogliamo passare il turno e faremo di tutto per raggiungere l’obiettivo. E sfidare la Roma all’Olimpico”.

Curiosità 

La stagione scorsa allo “Stirpe” tra Frosinone e Parma ci fu il check var più lungo della storia. Ben 13 minuti per assegnare il rigore della vittoria al Frosinone, trasformato da Daniel Ciofani. Nessun precedente in Coppa Italia ma 6 in campionato tra serie A e B. Bilancio in parità con 2 vittorie ciascuno e 2 pareggi.