Frosinone, scivolone allo Stirpe ed in classifica: con il Cittadella Ko 0-2

FOTO © MARIO SALATI

Il Cittadella si impone 2-0 grazie ad una rete per tempo: Iori al 41' su rigore concesso per fallo di Bardi su Diaw e Luppi di testa al 6' della ripresa

Giovanni Lanzi
Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

FROSINONE (3-5-2): Bardi; Brighenti (34’ Szyminski), Ariaudo, Krajnc; Paganini (34’ st Zampano), Haas, Gori, Tabanelli (8’ st Rohden), Beghetto; Dionisi (19’ st Ciano), Ardemagni (8’ st Novakovich).

A disposizione: Iacobucci, Bastianello, Maiello, Salvi, Matarese, Tribuzzi, D’Elia.

Allenatore: Nesta

CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari; Mora (42’ st Camigliano), Frare, Perticone, Benedetti; Proia, Iori, Gargiulo (26’ st Vita); D’Urso (17’ st Stanco); Diaw (42’ st De Marchi), Luppi (17’ st Panico).

A disposizione: Maniero, Adorni, Rizzo, Rosafio, Ventola, Pavan.

Allenatore: Venturato.

Arbitro: signor Lorenzo Maggioni della sezione di Lecco; assistenti  sigg. Salvatore Affatato di Domodossola ed Edoardo Raspollini di Livorno; IV Uomo sig. Mario Cascone di Nocera (Sa).

Marcatore: 41’ pt Iori (rig), 6’ st Luppi.

Note: partita a porte chiuse; angoli: 8-5 per il Frosinone; ammoniti: 11’ pt Gargiulo, 17’ st Dionisi, 21’ st Ciano; recuperi: 5’ st.

Si chiude col Cittadella che batte 2-0 il Frosinone con un gol per tempo: rigore firmato da Iori al 41’ e da Luppi al 6’ delle ripresa. I giallazzurri sprecano qualcosa sia sullo 0-0 (con Beghetto e Tabanelli) ma soprattutto sull’1-0 degli ospiti quando Ardemagni alza il pallone del pareggio. Sul doppio vantaggio si erge a protagonista Paleari che nega la rete della speranza prima a Rohden e poi a Ciano.

In classifica il Frosinone scivola al 5° posto a -3 dal Crotone e viene scavalcato dallo Spezia (3-1 a Verona sul Chievo) e dallo stesso Cittadella. Per effetto di questi risultati il Benevento deve rinviare a lunedi la festa promozione.

LA LAVAGNA TATTICA
FOTO © MARIO SALATI

Nesta nel suo 3-5-2 aveva annunciato cambi massicci per la partita con il Cittadella ed è stato di parola: dal 1’ sette-undicesimi diversi rispetto al (ri)esordio di Trapani che nell’anticipo ha strapazzato il Pordenone (3-0).

Avvicendamenti dovuti anche ma non solo per normale rotazione. In difesa davanti a Bardi l’unico cambio lo ha deciso il Giudice Sportivo, con Krajnc che rileva Capuano appiedato per un turno. Ariaudo e Brighenti completano il pacchetto. Il centrocampo muta connotati: largo a destra c’è Paganini, largo a sinistra Beghetto, Gori è il metronomo, Haas intermedio di sinistra e l’unico confermato è Tabanelli omologo sul centrodestra. In attacco artiglieria pesante: esordio dal 1’ di Ardemagni e il rientro di Dionisi dopo la squalifica.

Modifiche sostanziali anche nel 4-3-1-2 di Venturato. Out lo squalificato Branca e Ghiringhelli in difesa, al suo posto sull’out basso di destra c’è Mora. A completare il reparto davanti a Paleari ci sono i centrali Frare e Perticone e il laterale basso Benedetti a sinistra. In mezzo al campo Iori è il centrale dei tre, con Gargiulo e Proia interni. Quindi D’Urso alle spalle di Diaw e dell’ex veronese Luppi.

POSSESSO GRANATA NEI PRIMI 20’
FOTO © MARIO SALATI

Si parte ed è la formazione ospite a fare subito possesso palla. E la prima parata è di Bardi al 3’, su un cross dalla sinistra di Benedetti appoggiato da Diaw. E’ proprio Bardi che resta leggermente infortunato ma il gioco riprende dopo le cure dei sanitari. Il Cittadella va in pressing sul primo giropalla dei giallazzurri, costretti a cercare la profondità su Ardemagni e Dionisi ben contrastati in questo avvio dalla retroguardia veneta.

È sempre la squadra di Venturato a tenere alto il baricentro e la pressione nella metà campo dell’undici di Nesta, i giallazzurri stentano a rendere la manovra fluida. Nella prima occasione in cui il Frosinone esce palla al piede nella metà campo granata con una bella ‘veloce’ a due tocchi, Gargiulo rimedia un giallo sulla percussione di Paganini.

Le due squadre adesso si equivalgono nel possesso palla, il Frosinone sembra aver acquistato maggior fiducia e al 15’ una sponda di Ardemagni manda al tiro Tabanelli rimpallato dalla difesa ospite. Partita anche abbastanza spezzettata: da una parte Ardemagni reclama un fallo non visto dall’arbitro, sulla prosecuzione è Gori a fermare Proia e stavolta arriva la punizione per il Cittadella. Pericolo sul tiro franco dei granata ma c’è il fallo di Diaw in mezzo all’area giallazzurra.

OCCASIONE BEGHETTO, C’E’ PALEARI
FOTO © MARIO SALATI

Al 22’ Ardemagni lotta da leone su un pallone sotto la Tribuna e conquista una punizione. Sulla prosecuzione dell’azione, cambio di fronte e cross di Tabanelli c’è il colpo di testa di Paganini con la palla che termina docile tra le braccia di Paleari. Che al 23’ prima si salva sul tiro di Tabanelli rimpallato da Perticone, quindi va a deviare su una botta di Beghetto.

È un Frosinone che acquista fiducia e concretezza, ancora da sinistra Tabanelli confeziona per Haas ma il pallone si alza sull’incrocio opposto rispetto all’angolo di tiro. La risposta del Cittadella è in un tiro di Iori rimpallato in angolo e in un pallone velenoso che Ariaudo toglie letteralmente dalla disponibilità di Luppi a tre metri da Bardi. Due angoli di fila per il Frosinone attorno alla mezzora tengono il Cittadella nella propria area. E un pericolo sull’iniziativa di Beghetto sulla quale salva tutto Frare.

Ci prova anche Paganini ma la posizione del corpo non favorisce il tiro che termina abbondantemente in curva. Il Frosinone al 36’ stringe la squadra di Venturato nella propria area, il primo cross di Beghetto è liberato dalla difesa ospite, la palla torna ancora al cursore giallazzurro ma sul taglio basso ci mette una pezza Mora in angolo.

DOCCIA GELATA, IORI SU RIGORE. E LUPPI SBAGLIA IL 2-0
FROSINONE-CITTADELLA, TABANELLI BLOCCATO

Sul ribaltamento di fronte Diaw salta netto Krajnc, salta anche Bardi che lo tocca e per il direttore di gara è rigore. Sul pallone va Iori che insacca il vantaggio al 41’.

Frosinone in panne perché nemmeno il tempo di riprendere, Luppi ruba palla ad Ariaudo anche con un fallo non rilevato dall’arbitro, botta sicura e pallone alto.

La sveglia la suona Tabanelli con un gran tiro dalla distanza, Paleari in angolo. E poi ancora un tiro dalla bandierina sul colpo di testa di Krajnc sfiorato da Perticone. Il fischio dell’arbitro manda negli spogliatoi il Cittadella avanti e un Frosinone che può e deve fare meglio.

ARDEMAGNI ALZA DI UN NIENTE, LUPPI FA 2-0

Pronti e via e il Frosinone fallisce il pareggio: Beghetto ruba palla a Proia, pallone invitante per Ardemagni che di prima intenzione, con il destro, manda alto sulla traversa. Il Cittadella non demorde perché va subito a tentare di pungere nell’area di casa, il Frosinone si salva come può.

Il Cittadella però non perdona, punizione pennellata di Benedetti, Luppi va finta e poi va incontro al pallone e infila nell’angolo opposto il 2-0. Imparabile per Bardi ma pallone da leggere con più attenzione. Punizione probabilmente eccessiva per il Frosinone ma grande Cittadella. Nesta intanto cambia: dentro Novakovich per Ardemagni e Rohden per Tabanelli all’8’. Giallazzurri anche sfortunati nei momenti topici della gara: Beghetto chiude un cross per Paganini, botta al volo ad incrociare e sfera che termina fuori.

Il Frosinone cerca di riaprire la partita ma è impreciso e frettoloso nelle giocate. Dall’altra parte il Cittadella sta bene fisicamente e concede il minimo alla squadra di Nesta. Come un tiro di Novakovich smozzicato dopo la chiusura di due centrali su Dionisi.

ASSALTO SENZA FRUTTI, TORNA CIANO E PALEARI E’ SUPER
FROSINONE-CITTADELLA, DIONISI

Doppio cambio per il Cittadella al 17’: dentro Stanco e Panico per D’Urso e Luppi, quindi a 130 giorni dall’ultima apparizione il ritorno in campo di Ciano che rileva Dionisi al 19’. E subito Ciano entra in contatto in area con Iori lamentando un fallo di Perticone e il signor Maggioni gli sventola un cartellino giallo impietoso. Il Frosinone dove non è fortunato non è preciso: Ciano lascia tutti sul posto a sinistra, difesa del Cittadella posizionata male ma Rohden sul tocco invitante del fantasista napoletano spara sulle mani di Paleari che devia in angolo.

Ultimo quarto d’ora d’assalto per i giallazzurri. Con Zampano e Szyminki (50 partite in B per lui) al posto di Paganini e Brighenti. Ciano a 8’ dal 90’ trova un grande Paleari a negargli la gioia del gol e la rete della speranza. Il Cittadella si stringe attorno al proprio portiere sulla spinta di un Frosinone che vorrebbe la rete che riapre la partita. Ultimi 2 cambi anche nel Cittadella: a 3’ dal 90’ dentro De Marchi per Diaw e Camigliano per Mora.

In pieno recupero Bardi salva su Perticone in angolo ed evita un passivo che sarebbe stato troppo impietoso per una squadra che ha bisogno di ritrovare brillantezza ma per certi versi anche sfortunata nelle fase cruciali del match.