Gualtieri: “Il campionato arriverà alla fine” ed il Frosinone sarà grande protagonista”

Il direttore dell'area marketing e rapporti istituzionali traccia la rotta in vista della ripresa. Plaude alle cinque sostituzioni E sulla squadra di Nesta è pronto a scommettere: "Si giocherà le chance promozione fino alla fine".

Alessandro Salines
Alessandro Salines

Lo sport come passione

Salvatore Gualtieri è il direttore dell’area marketing, comunicazione e rapporti istituzionali nonché consigliere d’amministrazione del Frosinone. Ma da tre anni è soprattutto uomo di relazioni e ambasciatore giallazzurro nei palazzi del calcio. Forte dei suoi trascorsi da consigliere, vice e presidente della Lega di B.

Gualtieri traccia la rotta della ripartenza del campionato bloccato da oltre tre mesi dall’emergenza-covid. E lo fa dopo l’assemblea di Lega più attesa. Quella che ha riacceso i motori del torneo fissando le date del nuovo calendario e assumendo importanti decisioni come l’istituzione delle cinque sostituzioni.  

Finalmente si torna in campo

Riparte la serie B

Domenica 21 giugno dunque la serie B si rimetterà in moto con la 29 giornata. Ma prima, il 17, verrà recuperata Ascoli-Cremonese.

L’assemblea ha svolto un ottimo lavoro in un clima di collaborazione – afferma Gualtieri che come al solito ha preso parte alla riunione – La Lega di B si è confermata compatta come era successo in altre occasioni. Tanta armonia e decisioni prese all’unanimità. Il nuovo calendario è stato stilato con grande equilibrio. E ripartire con il recupero Ascoli-Cremonese è stata una scelta giustissima. Così facendo le 20 squadre avranno lo stesso numero di gare giocate“.

Il programma con gli orari ancora non è stato ufficializzato. “È stato deciso che tutte le formazioni dovranno avere gli stessi giorni di recupero – aggiunge il dirigente del Frosinone – Un aspetto importantissimo in un contesto così particolare con tante partite concentrate in poco tempo“.

Insomma meno spezzatino anche se bisognerà trovare un accordo con le tv.

Gualtieri plaude alle cinque sostituzioni

Aumentati i cambi: per Gualtieri è una scelta fondamentale. Foto © Emiliano Grillotti

La grande novità della ripresa sarà l’aumento del numero dei cambi. Si passa dai canonici tre a cinque da distribuire in un massimo di tre momenti del match. La proposta della Figc è stato colta al volo dai club cadetti.

Per Salvatore Gualtieri  una decisione fondamentale. “I giocatori non verranno spremuti e soprattutto si limiteranno gli infortuni – sostiene – Dopo una lunga inattività il rischio d’incidenti è altissimo. In Germania sono aumentati in maniera esponenziale. Le cinque sostituzioni aiuteranno e non poco“.

La spada di Damocle di un altro stop

Gualtieri è fiducioso. Per lui il campionato terminerà malgrado i timori non manchino. Il protocollo sanitario è rigido e poi il coronavirus circola ancora. E quindi bisogna andarci molto cauti. Ad oggi nessuno può escludere un ulteriore blocco.

Sono convinto che il torneo finirà regolarmente – è ottimista il direttore – Ce la faremo e non lo dico io. I dati sui contagi confortano questa mia considerazione. Le cose stanno andando meglio“.

Il protocollo però non fa dormire sonni tranquilli. La quarantena di 14 giorni in caso di positivià può diventare fatale. “Le misure da rispettare sono molto stringenti – conferma Gualtieri – Non ci preoccupa solo la quarantena ma anche il numero dei tamponi da effettuare è un problema. Però da qui al 21 giugno il protocollo potrebbe essere alleggerito soprattutto se i numeri continueranno a scendere. La Figc ha già inviato al Governo il documento modificato“. 

Piani B e C: Gualtieri chiede chiarezza

Maurizio Stirpe con Salvatore Gualtieri

Stanno facendo discutere le ipotesi formulate dalla Figc per chiudere la stagione se i campionati si dovessero fermare ancora. Playoff e playout o in caso estremo classifica cristalizzata con l’utilizzo del famigerato algoritmo.

Aspettiamo chiarimenti in occasione del Consiglio federale di lunedì prossimo – afferma Gualtieri – Credo comunque che le norme in vigore non vadano stravolte. Mi spiego: se malauguratamente ci dovessimo fermare dopo 3 turni, il format non dovrà cambiare. Prime due in serie A e poi playoff come da regolamento. Idem per quanto concerne le retrcessioni ed i playout. Per il piano C attendiamo lumi dalla Figc“.

Insomma serve chiarezza. Prima della ripartenza così come sottolinea Salvatore Gualtieri. Un concetto che il presidente Maurizio Stirpe aveva ribadito in tempi non sospetti. Ed anche Mauro Balata, numero uno della Lega, ha scritto nei giorni scorsi una lettera alla Figc chiedendo spiegazioni sui piani B e C.

Gualtieri spinge il Frosinone

Frosinone-Salernitana © Mario Salati per alessioporcu.it

Il direttore è sicuro che la squadra di Nesta sarà protagonista di questo finale di stagione e si giocherà le sue chances di promozione fino in fondo.

I ragazzi stanno lavorando bene per cercare di raggiungere  l’obiettivo – assicura Gualtieri – Ritengo che sarà fondamentale partire forte senza troppi indubi. Bisogna entrare subito in clima campionato. E su questo non ho dubbi: il Frosinone sarà pronto per fare il suo meglio. Possiamo ripetere quanto dimostrato prima dello stop. Abbiamo tra l’altro un allenatore che sta dimostrando tutto il suo valore. Poi ci sono altre squadre che possono giocarsela ma noi ci siamo“.