Il Pagellone di Como-Frosinone 0-2

Il Pagellone di Como-Frosinone 0-2. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Pagellone di Como-Frosinone 0-2. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara. (Leggi qui Frosinone doppietta e spettacolo sul lago di Como).

IL MIGLIORE

Garritano

Timbra a fuoco la seconda vittoria del Frosinone con un gol, un assist ed una partita di alto profilo. Grosso lo conferma come mezzala sinistra nel centrocampo a tre. L’ex Chievo è un valore aggiunto. Classe, visione di gioco, cambi di passo, incursioni in area avversaria e pressing: sono gli ingredienti della ghiotta ricetta del centrocampista calabrese.

In occasione del primo gol si fa trovare all’appuntamento sul cross basso di Canotto. Poi è svelto e scaltro a rubare palla al portiere Gori servendo a Rohden l’assist dello 0-2.      

Voto: 7,5

Dal 44’ s.t. Gori

In campo negli ultimi minuti al posto dell’esausto Garritano.

Voto: s.v.

Ravaglia

Inizia bene parando un colpo di testa di Cerri. Attento anche sulle conclusioni di La Gumina e Bellemo. Poi nel finale di primo tempo paga dazio all’inesperienza e alla malizia di Cerri che con un paio d’interventi al limite lo mettono in difficoltà in uscita. Meno male che Gatti e Szyminski ci mettono una pezza sui tentativi di La Gumina. Altra uscita incerta nella ripresa dove però non viene mai impegnato.

Fabio Grosso alla fine ha difeso il suo portiere: “Federico nelle partite scorse, quando abbiamo iniziato con un po’ di timore, ci ha tenuto in gara – ha detto il tecnico – In questa gara dopo 5’ ha fatto una grande parata, poi ha commesso un paio di errori ma a me interessa quello che succede dopo. E’ lui è andato fuori area a colpire di testa con coraggio e personalità. Ha un grandissimo potenziale e come tutti gli altri sarà utilissimo alla causa”.

Voto: 5,5

Zampano

Arrembante e pericoloso. Con Canotto svolge un gran lavoro sulla fascia destra mettendo alle corde Chajia e Ioannu. Il terzino giallazzurro trova sempre i tempi giusti per l’inserimento mettendo in mostra un motore potente ma anche qualità tecnica. Bella ad esempio la combinazione con Canotto che poi serve l‘assist a Zerbin che devia di poco fuori.

Si mette in proprio nella ripresa sfiorando il gol con un bel diagonale. Attento anche in difesa: non concede nulla a Chajia e Parigini quando entra nel secondo tempo.     

Voto: 6,5

Szyminski

E’ ormai una sicurezza per la difesa giallazzurra che in 4 partite ha incassato solo 2 reti e per la terza volta di fila non ha subito gol. Nel convulso finale di primo tempo salva la porta sulla conclusione di La Gumina, dimostrando un senso della posizione invidiabile. Puntuale nelle chiusure, gioca semplice ma efficace.

Voto: 6,5

Gatti

La sua gara in verità non parte col piede giusto perché dopo soli 5’ Cerri lo anticipa ed impegna di testa Ravaglia. Un fuoco di paglia: il centrale non si scompone e con il passare dei minuti annulla il temuto centravanti del Como costretto spesso a fare fallo. Un’altra prova di personalità per Gatti che di settimana in settimana continua a crescere mostrando uno spirito bellissimo oltre a qualità non comuni.

Anche lui si toglie lo sfizio di ricacciare fuori dalla porta un pallone di La Gumina. Nella ripresa Gori gli nega la gioia del primo gol in giallazzurro, deviando sopra la traversa la sua zuccata. 

Voto: 7

Cotali

Presidia la fascia sinistra con diligenza arginando le avanzate di Iovine in prima battuta e Vignali in seconda. Non disdegna di spingere anche se il Frosinone attacca molto di più sulla destra e poi Zerbin non lo aiuta molto. Poco appariscente ma utile alla causa tanto che ben presto ha conquistato la maglia da titolare. 

Voto: 6

Rohden

È tornato. Finalmente. Riecco il centrocampista che i tifosi del Frosinone hanno ammirato fino al black-out risalente la scorsa stagione. Grosso gli riconsegna la maglia da titolare. Lo svedese ripaga la fiducia mettendo in campo tanta energia ed aggressività. Efficace nelle due fasi. Partecipa a diverse azioni d’attacco del Frosinone, dimostrando lucidità e tecnica. Riscatta l’errore col Perugia siglando la rete del raddoppio di giustezza dopo l’assist di Garritano. 

Voto: 6,5 

Boloca

Assente il regista Maiello, Grosso gli affida le chiavi del centrocampo responsabilizzandolo al punto giusto. L’italo-rumeno, senza strafare, assolve ai compiti affidatigli meritandosi la sufficienza piena. Recupera e gioca diversi palloni in maniera pulita. Corre tanto anche senza palla ed è un merito. Con Rohden e Garritano forma un centrocampo molto dinamico che prevale su quello del Como. 

Voto: 6

Dal 25’ st Ricci

Entra e subito si mette in mostra con un filtrante per Cicerelli che serve un bell’assist a Charpentier vicino al terzo gol. Si piazza in mezzo al campo e cerca di dettare i tempi della manovra. Come dice Grosso deve ancora trovare la condizione ideale. Ma è innegabile il suo valore.

Voto: 6  

Canotto

Il primo gol nasce dopo una sua percussione sulla destra e relativo cross basso. Al solito è molto vivace e per gli avversari un pericolo costante.  Sfonda diverse volte, vincendo il duello con Ioannu. Buona anche l’intesa con Zampano: al 34’ la combinazione tra i due è da manuale. Dispendioso il suo gioco, lascia il posto a Tribuzzi dopo 14’ della ripresa.

Voto: 6,5

Dal 14’ s.t. Tribuzzi

Il suo ingresso regala freschezza ed imprevedibilità in un momento della gara dove il Frosinone potrebbe sfruttare i tanti capovolgimenti di fronte. L’esterno romano non si risparmia, rimedia pure un’ammonizione ed al 33’ con un diagonale va vicino al tris.

Voto: 6

Ciano

Gioca la classica partita sporca. Tanto lavoro oscuro e pressing. Spalle alle porta, fa da raccordo ai reparti e prova ad attirare su di sé i difensori del Como per creare così spazi agli esterni e alle mezzali. Una conclusione dalla distanza sballata e qualche corner pericoloso. 

Voto: 6

Dal 14’ s.t. Charpentier

L’attaccante francese ha dimostrato ancora una volta d’impattare bene le partite. Con lui in campo il Frosinone acquista chili e centimetri. Si batte con ardore, consentendo alla squadra di alzare il baricentro e giocare anche palloni alti. Al 26’ ha la chance per segnare dopo una bella azione Ricci-Cicerelli. 

Voto: 6  

Zerbin

Nei primi 25’ del primo tempo si nota poco. Meno frizzante delle precedenti uscite, la sua è una gara più che altro tattica. Il Frosinone poi attacca di più sulla fascia destra. S’accende all’improvviso al 27’ quando irrompe in area e dopo un bel dribbling impegna a terra Gori. Sfiora la rete anche poco dopo con un bel taglio sul cross di Zampano.

Nella ripresa gli spazi sono maggiori ma non riesce a trovare il guizzo. Si limita a tenere la posizione con disciplina fino al cambio con Cicerelli.  

Voto: 6

Dal 25’ s.t. Cicerelli

Appena entrato una giocata importante: confeziona un bell’assist per Charpentier. Per il resto non ha troppe occasioni per salire alla ribalta.

Voto: s.v.

Grosso

Indovina la mossa Boloca in regia con Rohden mezzala. Prepara la gara contro il Como nel migliore dei modi, sorprendendo gli avversari con un pressing altissimo ed a tratti asfissiante.

Continua a dare fiducia ad un Frosinone che ha conquistato 8 punti in 4 gare e non subisce reti da 3 partite di fila. Molto lucido nei cambi: chiunque entra lo fa con grande determinazione. Sta proseguendo il graduale inserimento degli ultimi arrivi non facendosi condizionare dal nome.   

Voto: 7

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright