Marino non ci sta: »Risultato ingiusto»

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

di GIOVANNI LANZI
Giornalista senza carta

 

 

Si appella ancora alla ‘prestazione’ ma nel frattempo non arrivano punti nel clou della 30.a giornata
Marino non ci sta: «Risultato ingiusto»
Il tecnico poi ammette: “Per la mole di gioco che abbiamo creato dovevamo finalizzare di più”

 

BARI – Incassa il ko e la perdita provvisoria del primato e guarda avanti. Non senza essersi tolto subito un sassolino dalle scarpe: “E’ stata una sconfitta immeritata, il risultato non è giusto se siamo tutti obiettivi dobbiamo riconoscerlo”. Il problema è che anche riconoscendolo, in classifica non si compiono passi in avanti.

“E’ stata una partita equilibrata – ha ripreso il tecnico del Frosionone -. Ripeto, la prestazione c’à stata ma abbiamo pagato una disattenzione. Ma non ho nulla da rimproverare ai ragazzi quanto ad impegno e ci sarà con il Vicenza”. Tra Cittadella e Bari il saldo è negativo: “Ci mancano tre punti. la verità è che al minimo errore veniamo puniti. Ma a 12 partite dalla fine non bisogna essere pessimisti. Però non dimentichiamo che il Bari è una delle squadre più forti del campionato. Non siamo stati da meno, la partita l’abbiamo giocata a testa alta con un discreto fraseggio. Ma è chiaro che ci sono anche i nostri avversari”.

Il Frosinone paga dazio anche per una fase offensiva che non concretizza. Ciofani e Dionisi, Dionisi e Ciofani. Non al massimo della condizione psico-fisica e non serve il binocolo per rendersene conto. E poi il nulla più assoluto alle spalle. Marino però non crede alla crisi degli attaccanti: “Anche la fase offensiva è stata molto positiva e per questo abbiamo qualche rimpianto. Sono convinto che avremmo potuto raccogliere qualcosa in più per la mole di gioco che abbiamo creato”.

Dionisi è rimasto forse condizionato da quel fallaccio in avvio? “Falli istematici su Dionisi cio sono dall’inizio della partita. E’ stato martoriato dal 1′ minuto e non è accaduto solo a Bari, poi magari viene ammonito”.

Al San Nicola si è visto un Frosinone presuntuoso? Marino rispedisce la domanda al mittente: “Noi abbiamo cercato di giocare, non siamo stati presuntuosi. Quando una squadra viene a giocare la partita gli equilibri possono essere spostati da un episodio”.

Infine gli episodi di presunti rigori: uno reclamato dal Bari per presunto tocco di Mazzotta su Furlan nel primo tempo e uno reclamato dal Frosinone timidamente per un presunto tocco di mano di Daprelà in area. Marino se la cava con una battuta: “Allora siamo pari…”

 

Entra nella stanza di G.Lanzi con tutti i suoi articoli

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright